Rinnovamenti edilizi: il Conii Hostel a Quarteira | Architetto.info

Rinnovamenti edilizi: il Conii Hostel a Quarteira

Al centro della calda Algarve, il giovane e locale Estudio ODS ha rifunzionalizzato un edificio di fine Ottocento collocato nel centro storico trasformandolo in un moderno ostello

© Joao Morgado
© Joao Morgado
image_pdf

L’ostello Conii è un progetto di rifunzionalizzazione e trasformazione di un vecchio edificio collocato nel centro storico di Quarteira completato nel 2016 dal giovane Estudio ODS.
Centro di poco più di 20.000 abitanti sulla strada costiera di collegamento tra l’iper-turistica Albufeira e Faro, capitale del Portogallo del sud, Quarteira si trova nel pieno dell’Algarve, la calda e ventosa regione più meridionale del paese che ogni anno è meta per le vacanze di turisti nordici per il clima e la bellezza dei suoi paesaggi naturali.

Il progetto interviene su un edificio realizzato alla fine dell’Ottocento per dare ospitalità a parte dei lavoratori che la crescente attività di inscatolamento del pesce stava richiamando in città. Lo restaura, lo sopraeleva e ne rifunzionalizza gli interni.
In posizione privilegiata lungo la via pedonale intitolata a Vasco da Gama e molto prossimo a una lunghissima spiaggia sabbiosa e un piccolo porto turistico, il Conii Hostel si confronta con un contesto recentemente rivisto negli spazi pubblici, circondato da un’edificazione che, in parallelo alla progressiva apertura del paese dopo la fine della dittatura, ha gradualmente modificato e reso più denso un tessuto urbano costituito di piccoli edifici a due o tre piani fuori terra.

L’intervento impostato da Estudio ODS (basato a Loulé e avviato da Marlene dos Santos e Bruno Oliveira, nati rispettivamente nelle non lontane Faro e Portimão) viene realizzato dietro commissione di Hostel Conii Lda e finanziato dai fondi provenienti dal Jessica Holding Fund portoghese (Joint European Support for Sustainable Investment in City Areas), iniziativa avviata dalla Commissione europea con la European Investment Bank e il Consiglio d’Europa per la promozione di investimenti sostenibili finalizzati alla crescita e alla creazione di posti di lavoro nelle aree urbane europee. Trasforma un edificio di dimensioni piuttosto piccole, 700 mq, a due piani fuori terra con due affacci su strada e due su una piccola area privata di pertinenza. In buone condizioni di partenza, è impostato su una pianta rettangolare chiusa da un tetto a falde rivestito di coppi portoghesi e muri intonacati interrotti da due file di aperture riquadrate regolari su tutti i lati.

originario_conii hostel

Stato originario dell’edificio

Il progetto ha cercato di mantenere il più possibile i caratteri originari dell’edificio e preservare le sue strutture portanti, utilizzandole quando possibile. Ha sostituito parte delle aperture rendendole funzionali alla nuova attività e aggiunto nuovi elementi dove aveva necessità di farlo. A livello strutturale, è stato rinforzato dalla realizzazione di uno scheletro metallico che, impostato a livello del secondo piano, permette la realizzazione del terzo, mentre mantiene le murature esterne e i solai.

Clicca la gallery per vedere l’ostello oggi

Planimetricamente colloca tutte le aree comuni al piano terra lasciando le camere ai piani superiori: a livello della strada, accanto alla reception, troviamo così una cucina comune, un’area bar e una sala. Il primo piano, servito da due ingressi distinti, ospita invece sei camere comuni e i bagni con le docce in condivisione ed è servito da due ingressi distinti, uno che lo collega con il piano terra e l’altro accessibile da una nuova scala metallica realizzata nel piccolo cortile. Al secondo piano, nuovo e rivestito esternamente di pannelli di lamiera grecata grigia, colloca infine nove stanze con bagno privato.

DESENHOS

Schema © Estudio ODS

All’interno, spazi resi luminosi dall’esteso uso del bianco sono allestiti in modo low cost e spartano ma funzionale e unitario. Il contenimento dei costi ha infatti dettato la riuscita scelta progettuale di ridurre le tipologie di finitura: le piastrelle idrauliche posate a pattern geometrici bicolore su quasi tutte le pavimentazioni richiamano una secolare tradizione locale; le piastrelle 10×10 che rivestono i muri dei bagni; l’ampio ricorso al legno industriale che, sotto forma di pannelli OSB, diventa il materiale costitutivo di arredi fissi realizzati su misura, partizioni interne e pavimentazioni.

Leggi anche: João Nunes: Il paesaggio è una conseguenza della vita

Copyright © - Riproduzione riservata
Rinnovamenti edilizi: il Conii Hostel a Quarteira Architetto.info