Schiuma di porcellana | Architetto.info

Schiuma di porcellana

wpid-4312_tuttobenesalone.jpg
image_pdf

L’invenzione di questo materiale ha avuto luogo mentre Marjan van Aubel preparava il suo ultimo esame a scuola di design. La giovane designer olandese scopre così un composto che rende, in termini volumetrici, il 300% in più dell’impasto nella sua versione “classica”. Pur mantenendone le qualità di resistenza, pesa un terzo e se ne utilizza solo un terzo. È curioso notare che l’innovazione materica sia riscontrabile proprio in un materiale con una tradizione plurisecolare.

È un po’ come un polistirolo pregiato. La Aubel ha disegnato una collezione per l’evento Tuttobene, che ha avuto luogo durante l’ultimo Salone del Mobile di Milano. Piccoli mobili-contenitori, ciotole e tazze avevano un aspetto spugnoso e incolore. Ma la loro bellezza stava nel far vedere la spontaneità della lavorazione e l’espressività di questa nuova massa pastosa.

La designer ritiene – e noi con lei – che la schiuma di porcellana possegga un gran numero di risorse e di possibili applicazioni. Non a caso, ha annunciato di essere impegnata con Loris Jaarman nello sviluppo di nuovi prodotti in cui quel materiale sarà il protagonista.{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Schiuma di porcellana Architetto.info