Scuole: nasce il primo Fondo immobiliare per la rigenerazione | Architetto.info

Scuole: nasce il primo Fondo immobiliare per la rigenerazione

wpid-24661_scuolearchi.jpg
image_pdf

Dopo il lancio, risalente a questa primavera, di un piano governativo per l’edilizia scolastica che metteva a disposizione 2,5 miliardi per fare fronte all’emergenza, e l’avvio di luglio con il coinvolgimento di 20.845 edifici, è di questi giorni la firma del primo protocollo d’intesa che prevede la creazione e l’utilizzo di un Fondo immobiliare per la rigenerazione del patrimonio edilizio scolastico e la costruzione di nuovi edifici.

L’11 settembre si sono infatti ritrovati a Roma il sottosegretario all’Istruzione, università e ricerca Roberto Reggi, i tecnici del Miur e il sindaco di Bologna Virginio Merola hanno infatti messo nero su bianco, prima esperienza italiana in questo ambito, lo stanziamento dei primi 5 milioni che, attraverso il coinvolgimento di risorse pubbliche e private, serviranno allo sviluppo di interventi per 30 milioni con i quali è prevista la costruzione di 5 nuove scuole.

Presenti alla stipula del protocollo due potenziali investitori che hanno dichiarato interesse verso la possibilità di investire nel Fondo, che da ora in avanti dovrà essere attrattivo per altre realtà: Inarcassa, la Cassa previdenziale degli ingegneri e degli architetti, e Invimit, la società di gestione del risparmio del ministero dell’Economia e delle finanze, nata nel 2013 per per valorizzare i patrimoni immobiliari pubblici, anche attraverso lo strumento dei Fondi.

L’autore


Laura Milan

Architetto e dottore di ricerca in Storia dell’architettura e dell’urbanistica, si laurea e si abilita all’esercizio della professione a Torino nel 2001. Iscritta all’Ordine degli architetti di Torino dal 2006, lavora per diversi studi professionali e per il Politecnico di Torino, come borsista e assegnista di ricerca. Ha seguito mostre internazionali e progetti su Carlo Mollino (mostre a Torino nel 2006 e Monaco di Baviera nel 2011 e ricerche per la Camera di Commercio di Torino nel 2008) e dal 2002 collabora con “Il Giornale dell’Architettura”, dove segue il settore dedicato alla formazione e all’esercizio della professione. Dal 2010 partecipa attivamente alle iniziative dell’Ordine degli architetti di Torino, come membro di due focus group (Professione creativa e qualità e promozione del progetto) e giurata nella nona e decima edizione del Premio architetture rivelate. Nel 2014 costituisce lo studio associato Comunicarch con Cristiana Chiorino e Giulietta Fassino.

Copyright © - Riproduzione riservata
Scuole: nasce il primo Fondo immobiliare per la rigenerazione Architetto.info