Sei nuovi laghi per Pechino | Architetto.info

Sei nuovi laghi per Pechino

wpid-4243_verde.jpg
image_pdf

Quando nel 2001 Pechino ottenne la vittoria per ospitare le XXIV Olimpiadi, la Cina fece la promessa al mondo intero che il 2008 sarebbe stato l’anno delle “Olimpiadi Verdi”; ma già ancora prima che questa promessa venisse fatta, nel paese era stata avviato un vasto programma per accelerare e migliorare la protezione dell’ambiente.

Parte di quel progetto rientra anche nella costruzione di sei laghi e relative zone umide lungo le due attuali secche di Yongding River, conosciuto come il fiume Madre di Pechino e principale affluente del fiume Giallo. Esso attraversa da ovest ad est per 800 chilometri la provincia dello Shaanxi, irrigando 933.333 ettari di ottimi terreni, mentre nel suo bacino si concentra il 64% della sua intera popolazione; parte del fiume scorre per 170 chilometri attraverso diversi quartieri di Pechino.

I sei laghi da costruire sono il Mencheng, Lianshi, Xiaoyue, Wanping, Daning, e Daotian, per 50 km di lunghezza. Recentemente ha avuto inizio la costruzione dei laghi Wanping e Lianshi contemporaneamente al corso inferiore del fiume Yongding. Questi laghi e le loro zone umide sono parte di un corridoio ecologico di più ampio respiro che avrà un costo di 17 miliardi di yen (2,5 miliardi di dollari).

Attualmente la lunghezza della cintura forestale di protezione del corso medio- inferiore del fiume raggiunge ormai i 197 chilometri, mentre nell’intero bacino sono stati completati il ritorno a bosco dei terreni coltivati e il rimboschimento di monti spogli su una superficie di oltre 440.000 ettari; nel frattempo è stata attivata la costruzione di 10 sistemi di dighe protettive e di 2 progetti prioritari di risanamento generale dell’erosione del suolo, che hanno permesso un efficace controllo dell’erosione del suolo nella zona interessata.

L’acqua necessaria per il progetto è di 130 milioni di metri cubi solamente per risanare il fiume Yongding, e sarà principalmente recuperata da acqua piovana. Alcuni impianti idrici di bonifica contribuiranno a fornire al fiume Yongding le risorse idriche di qualità che soddisfano le necessità del progetto. Inoltre, due milioni di metri cubi di pioggia possono essere immagazzinati ogni anno per l’uso. Una zona umida sarà costruita sul bordo superiore di ogni lago, al fine di purificarne ulteriormente l’acqua e garantire la sua qualità. I restanti quattro laghi saranno costruiti e riempiti d’acqua entro la fine del 2010. Mentre il più grande corridoio ecologico mai progettato lungo 170 chilometri sarà completato entro il 2014.

Copyright © - Riproduzione riservata
Sei nuovi laghi per Pechino Architetto.info