Singer: non originalità ma perfezione ed eleganza | Architetto.info

Singer: non originalità ma perfezione ed eleganza

wpid-4207_nuovasinger.jpg
image_pdf

Contrariamente a quanto si potrebbe supporre la macchina non è stata inventata da Isaac Merritt Singer. Ma la leggenda narra tutta un’altra storia. Nel 1850 a Boston Orson C. Phelps costruisce macchine per cucire su licenza di John A. Lerow. La macchina di Lerow e del suo socio Blodgett non è molto funzionale. il movimento circolare della navetta provoca una torsione del filo ad ogni rotazione. Isaac Merrit Singer, dopo aver esaminato la macchina, osserva: ” invece di far seguire alla navetta un moto circolare, io la farei muovere in avanti e indietro su una linea diritta. Invece di una barra d’ago che spinge orizzontalmente un ago curvo, io userei un ago diritto e lo farei lavorare verticalmente, su e giù.

Dopo 11 giorni di lavoro e una spesa di quaranta dollari, Singer completa la sua invenzione: la prima vera e propria macchina per cucire. Il modello ha un ago diritto con la cruna appuntita e una navetta trasversale, un braccio sospeso, un piano per sostenere il capo, un piedino che ferma il tessuto impedendogli di essere trascinato verso l’alto dall’ago e una ruota ruvida per il trasporto del tessuto, che sporge da una fessura nel piano di appoggio. Appositi ingranaggi comunicano il movimento al braccio dell’ago e alla navetta. E’ di Singer anche l’idea di utilizzare un pedale simile a quello di un filatoio a mano. Tutte le altre macchine precedenti generano la forza manualmente, con l’uso di una manovella.

Di certo si sa che Singer si inseriva in un settore già affollato di concorrenti, e nonostante avesse i suoi pregi, il design non presentava linee particolarmente innovative. E, nel corso delle vertenze con i suoi rivali, cosa abbastanza frequente all’epoca, Singer non fu in grado di dimostrare il primato per nessun elemento specifico del design. Forse la vera forza della sua macchina da cucire era dunque in un certo senso il risultato di tale assenza di primati. Il suo prodotto non era altro che la sintesi intelligente di elementi presi da modelli esistenti.

Ovviamente non solo questo perché un altro tratto fondamentale della macchina di Singer era una eleganza quasi fuori dalla norma, che raggiunge il suo culmine con il Modelli K15. Senza dubbio, soprattutto i modelli a pedale hanno qualcosa che va oltre la storia, i brevetti e le spiegazioni. La Singer è un esempio di design assolutamente legato alla funzione. Ma soprattutto è sapore antico, forma sinuosa. Forza ammaliante di creazioni quasi misteriose.

Copyright © - Riproduzione riservata
Singer: non originalità ma perfezione ed eleganza Architetto.info