Skyfarm, l'orto sospeso | Architetto.info

Skyfarm, l’orto sospeso

wpid-4302_.jpg
image_pdf

Che il nostro consumo energia e risorse naturali è ormai troppo elevato per mantenere l’ecosistema in equilibrio è cosa risaputa. Per questo assistiamo al proliferare di soluzioni green, proposte da architetti e designer per stimolare un consumo più sostenibile. È questo il caso di Skyfarm di Manuel Dreesmann. L’idea di partenza è molto semplice: coltivare il cibo il più vicino possibile alle nostre case per ridurre l’impatto ambientale derivante dal trasporto.

Skyfarm vuole rappresentare una soluzione minimal per i cittadini moderni che vivono in metropoli dove gli spazi per il giardinaggio sono, o comunque stanno, scomparendo. La proposta di Dreesmann si differenzia dalle altre proposte di “orto sul balcone” perché è pensato per spazi non troppo ampi, lasciando libero il pavimento che può essere dunque utilizzato per posizionare altri oggetti.

Il designer ha pensato così di usufruire dello spazio inutilizzato per posizionare Skyfarm, sfere in acrilico attaccate al soffitto del balcone che, con una semplice trazione possono essere regolate in altezza. La soluzione è valida anche dal punto di vista estetico, offrendo un piacevole scenario per una chiacchierata sotto il vostro orto”volteggiante”.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Skyfarm, l’orto sospeso Architetto.info