Con Woods la pietra 'diventa' legno | Architetto.info

Con Woods la pietra ‘diventa’ legno

wpid-4305_inpekwoods.jpg
image_pdf

Da Inpek, l”azienda di Prati/Vipiteno specializzata in soluzioni architettoniche per facciate ventilate e sistemi di ombreggiamento, arriva una proposta originale e di alto valore estetico per ‘trasformare la pietra in legno‘. È “Woods”, una collezione di pannelli per facciate con fibre di roccia basaltica, da oggi disponibile in 17 diversi design effetto legno grazie al nuovo design “Ebony Agate”.

L’aspetto naturale di questi pannelli per facciate è dato da uno speciale processo di produzione che conferisce al materiale le tipiche venature del legno. Il nuovo design “Ebony Agate” ricorda il pregiato legno d’ebano ed è caratterizzato da una tonalità di marrone-noce. Come tutti i pannelli per facciate di Inpek composti da fibre di roccia basaltica, la lavorazione può essere effettuata con attrezzi comuni come la sega circolare manuale o il foretto; possono essere piegati, fissati con viti, chiodi, rivetti oppure incollati. Non è necessario alcun trattamento particolare, per esempio a protezione dall’umidità, per i bordi tagliati o per i bordi dei pannelli.

Tutti i pannelli per facciate di Inpek a base di fibre di roccia basaltica appartengono alla classe di reazione al fuoco B-s2, d0. La versione “Fs-Xtra“ risponde addirittura ai requisiti della classe europea di reazione al fuoco A2-s1, d0. Ciò significa che i pannelli “Woods“, nella versione “Fs-Xtra“, possono essere impiegati come materiale non infiammabile anche nei casi in cui le misure antincendio preventive hanno un’importanza determinante, per esempio nelle scuole e negli ospedali oppure negli edifici con un’altezza pari o superiore a 22 metri. I pannelli sono inoltre particolarmente resistenti agli agenti atmosferici, alle variazioni di temperatura e ai raggi Uv.

La soluzione ha ottenuto il massimo dei voti dal Building Research Establishment (Bre) che ha comprovato la loro garantita sostenibilità. I pannelli Inpek possono essere infatti anche un’alternativa sostenibile dal punto di vista ecologico rispetto ai legni pregiati e ai legni duri che ricrescono lentamente. Il basalto, la materia prima impiegata, è infatti disponibile in natura in grandi quantità e può essere impiegato nella produzione in modo estremamente efficiente. 

Per produrre più di 400 m2 di rivestimento per facciate è necessario solamente un metro cubo di basalto. I prodotti sono completamente riciclabili e possono essere riutilizzati, senza perdita di qualità, per produrre nuovi prodotti in fibra di roccia. In ogni caso, tutti i pannelli in fibre di roccia basaltica sono stati analizzati dal Bre e, in quanto prodotti sostenibili garantiti, dispongono della Dichiarazione ambientale di prodotto (Epd); in totale 16 componenti hanno ottenuto la valutazione A+ o A.

Con i pannelli in fibre di roccia basaltica l’involucro dell’edificio viene realizzato nei tempi e con le caratteristiche desiderati. I tempi di montaggio ridotti, la manutenzione semplice e l’ottimo rapporto qualità-prezzo fanno sì che questi prodotti siano molto richiesti. Vengono impiegati per la costruzione di facciate, per rivestimenti di grandi superfici su facciate a cortina, facciate retroventilate nonché per soluzioni particolari per la zona tetto.

Oltre alla versione “Fs-Xtra“, i pannelli sono disponibili nella versione “Durable“ per usi standard nonché nella versione “Xtreme“ per facciate con elevata sollecitazione meccanica, per esempio al piano terra di un edificio.

Per conoscere l’intera gamma dei pannelli in fibre di roccia basaltica “Woods“ di Inpek e per ulteriori informazioni sulle caratteristiche e sulla lavorazione dei pannelli visitate il sito

Copyright © - Riproduzione riservata
Con Woods la pietra ‘diventa’ legno Architetto.info