Dominio .archi: un mondo di nuove opportunita' per gli architetti | Architetto.info

Dominio .archi: un mondo di nuove opportunita’ per gli architetti

wpid-4378_Immagine.jpg
image_pdf

A partire dall’8 aprile 2014, a seguito della liberalizzazione delle estensioni a dominio Internet di primo livello (come ad es. il .com, .net, .fr, etc.), gli architetti di tutto il mondo possono avere la propria estensione a dominio internet dedicata.

Il dominio .archi è effettivamente riservato al mondo degli architetti, come definito dall’UIA, l’Unione Internazionale degli Architetti, partner ufficiale del .archi, che rappresenta milioni di architetti nel mondo nei 124 paesi aderenti ed è riconosciuta dall’Unesco.

Tutti gli architetti, le agenzie e gli studi che li rappresentano, le scuole di architettura, i musei dedicati, i media specializzati e le organizzazioni professionali di settore potranno richiedere ed acquistare il proprio dominio .archi.

Il dominio permetterà un riconoscimento immediato e globale degli architetti abilitati a prestare la propria opera nel mondo intero e di tutti i professionisti e gli enti legati alla professione, rafforzando la fiducia del pubblico online verso una professione di grande bellezza e responsabilità.

Nel 2013 sono stati registrati più di 250 milioni di nomi a dominio (tra i quali 110 milioni di .com) e per esempio più del 90% delle parole del dizionario francese e inglese sono state utilizzate nella registrazione di un dominio. La saturazione è tale che più del 60% dei professionisti di ogni settore e delle piccole imprese interpellate affermano che nella fase di registrazione non hanno trovato disponibile il nome a dominio che desideravano registrare.

Il .archi apre tutto un mondo di nuove opportunità di scelta per il proprio nome a dominio sia che si voglia usare il proprio nome e cognome, sia che si desideri utilizzare il nome del proprio studio o la denominazione dell’attività. Facciamo alcuni esempi fittizi: marioverdi.com, scopriamo che è un architetto solo aprendo il suo sito, se il suo sito fosse stato marioverdi.archi, sarebbe stato chiaro – a colpo d’occhio – che è un architetto! Verdistudio.com o studiodiarchitetturaverdi.com? Meglio studioverdi.archi! Di nuovo, più immediato, efficace, riconoscibile!

Register.it – brand italiano del Gruppo DADA, leader in Italia nel mercato di domini, hosting, soluzioni di e-commerce e advertising digitale – ha siglato una partnership con l’authority del dominio .archi, Starting Dot, primo attore francese nel panorama dei nuovi nomi a dominio generici, per promuovere la diffusione del dominio in Italia il cui debutto è avvenuto in occasione della Biennale di Venezia proprio grazie alla partnership tra StartingDot e Register.it.

Tramite Register.it è possibile acquistare un dominio .archi completo di: spazio web illimitato; sottodomini illimitati; 3 indirizzi email da 2GB; Antivirus e antispam; WebMail; 3GB di traffico FTP.

Ma soprattutto il nuovo dominio garantirà a chi lo avrà registrato: di diventare più visibile (riconoscimento immediato dato dall’estensione); di essere reperito più facilmente attraverso le ricerche su web; di proporre un indirizzo più breve e facile da memorizzare; di differenziarsi facendo conoscere la propria appartenenza alla professione.

Migliaia di architetti in oltre 100 Paesi nel mondo hanno fatto richiesta di prenotazione già nelle prime settimane di disponibilità del dominio .archi, ci auguriamo che anche i professionisti italiani sappiano coglierne le opportunità per un percorso di crescita in una prospettiva internazionale.

Prestano il volto per primi al .archi due architetti di fama internazionale come Paul Andreu – progettista francese dell’Aeroporto Roissy 1 e 2 e dell’Opéra di Pechino – e Corinne Vezzoni – che annovera tra le sue opere il Palazzo del Festival a Cannes e il Tramway di Marsiglia – i cui siti web si trasformeranno presto assumendo l’estensione .archi. 

Copyright © - Riproduzione riservata
Dominio .archi: un mondo di nuove opportunita’ per gli architetti Architetto.info