Fuorisalone 2018: AGC Asahi Glass fa suonare il vetro a Ventura Centrale | Architetto.info

Fuorisalone 2018: AGC Asahi Glass fa suonare il vetro a Ventura Centrale

Nei giganteschi spazi di Ventura Centrale AGC Asahi Glass in collaborazione con l’architetto Motosuke Mandai porta al Fuorisalone “Soundscape”, un’installazione con il vetro che suona

© AGC Glass
© AGC Glass
image_pdf

AGC Asahi Glass, leader mondiale nella produzione di vetro e materiali high-tech, sarà protagonista al Fuorisalone 2018 e presenterà per la prima volta al pubblico un progetto inedito: il vetro “che suona”.

Il vetro “che suona” è stato messo a punto con l’uso di uno speciale strato intermedio in grado di attenuare il fenomeno, caratteristico di questo materiale, della risonanza. In tal modo diventa possibile produrre un suono pulito in una vasta gamma di frequenze, dalle più alte alle più basse. Come racconta Satoshi Takada, General Manager della divisione Business Development di AGC, “Il vetro è un elemento fondamentale in parecchi spazi. Abbiamo deciso di adattarlo ai nuovi stili di vita conferendogli una nuova funzionalità: la capacità di generare il suono. Questa innovazione fa parte di una sfida emozionante: realizzare inediti ‘paesaggi sonori’ con il vetro”.

Forte della spinta propulsiva del nuovo concept Ventura Centrale, il progetto del vetro “che suona” è stato sviluppato da AGC in collaborazione con  il giovane architetto giapponese Motosuke Mandai, il quale ha creato per l’occasione un’installazione denominata “Soundscape”. Come rivela Mandai, “Abbiamo disegnato il nostro paesaggio sonoro combinando frammenti di vetro trasparenti sospesi in aria con l’elemento invisibile del suono. Spero che i visitatori capiranno fino in fondo il significato di questa installazione, che è stata creata usando quel materiale effimero, trasparente e di immortale bellezza che è il vetro. Il pubblico verrà coinvolto in un’esperienza sonora totalmente inedita”.

Il vetro che suona a Ventura Centrale

Il design degli spazi incorpora l’elemento invisibile del suono. È stato creato uno spazio nel quale il tempo sembra fermarsi, grazie a una grande lastra di vetro che è stata frammentata e disseminata nell’aria. Il tutto è pervaso da un senso di bellezza effimera che si sperimenta quando, in una frazione di secondo, il vetro è in tensione e alla fine viene liberato dal suo equilibrio strutturale.

Soltanto i suoni permangono, muovendosi dolcemente mentre il tempo resta immobile: i suoni di questi numerosi frammenti di vetro che si ricompongono in sensazioni sonore tridimensionali, dando vita a un nuovo paesaggio sonoro. Il suono cade dall’alto come la pioggia, scorre nello spazio come un fiume, si solleva come le onde del mare, formando all’interno di questo ambiente pieno di vetro traslucido “stanze” invisibili di suono.

Sovrapponendo questi due elementi – il vetro trasparente sospeso con grazia nell’aria e i suoni che sottilmente fanno vibrare quell’aria invisibile – abbiamo individuato nuove possibilità espressive per quel materiale effimero, delicato e pieno di bellezza che è il vetro.

Motosuke Mandai

Quest’anno AGC ha affidato la direzione creativa del progetto “Soundscape” al poliedrico architetto giapponese Motosuke Mandai. Il primo intervento architettonico firmato da Mandai dopo aver fondato il proprio studio, è stato l’Oshika Fisherman’s House, un centro per il recupero dell’attività di pesca nella città di Ishinomaki, distrutta in seguito al grande terremoto del 2011 nel Giappone orientale. Il suo obiettivo era quello di creare un nuovo futuro per la città insieme ai residenti, attraverso la costruzione di un edificio nato come luogo di aggregazione.

Il risultato è uno spazio che facilita la comunicazione e l’interazione tra gli abitanti. Gli arredi interni sono stati disegnati riducendo al minimo la presenza e l’ingombro delle finiture; in questo modo chi entra sperimenta una sensazione di uno spazio unico fatto di pochi semplici dettagli, nel quale si avverte una singolare sensazione di fluttuazione.

Motosuke Mandai – © AGC Glass

Motosuke Mandai – © AGC Glass

Mandai ha esplorato sia i limiti entro cui un edificio può essere definito tale, sia le complesse e numerose relazioni che si vengono a creare tra le opere architettoniche e le persone. Mandai non crede nella creazione di un design che sia deliberatamente non convenzionale, ma ricerca invece l’ordinario entro il quale un “nuovo paesaggio” può essere creato. Questa forma mentis, completamente in sintonia con il pensiero di AGC Asahi Glass, ha posto le basi per collaborare con Mandai e commissionargli l’installazione sperimentale “Soundscape”.

La tecnologia del vetro “che suona”

Il vetro che “che suona” progettato da AGC Asahi Glass rappresenta una nuova tipologia di vetro laminato caratterizzato dalla sovrapposizione di due lastre di vetro con uno speciale strato intermedio. Questi tre strati riducono il fenomeno della risonanza, caratteristico del vetro, consentendo di riprodurre un suono stabile e pulito in una vasta gamma di frequenze, dalle più alte alle più basse. L’azienda ha creato questo nuovo materiale con l’obiettivo di ottenere un suono di alta qualità usando il vetro come mezzo – un materiale che viene usato nella costruzione di edifici, nei complementi d’arredo e in molte altre applicazioni. Per “Soundscapes” AGC utilizza il vetro “che suona” per esplorare nuove possibilità di creare spazi acustici.

Gli ultimi anni hanno portato numerosi cambiamenti, e nuovi prodotti nell’ambito del design, come diffusori acustici che emettono suoni e illuminazioni che emettono luce dall’intera superficie anziché da singoli punti, si sono fatti strada insieme a nuove idee come la diffusione acustica che sembra “piovere” dall’intero soffitto. Queste novità implicano nuove applicazioni per il vetro che normalmente viene utilizzato per finestre, soffitti, pareti, pavimenti, complementi d’arredo, specchi eccetera. Come risposta AGC Asahi Glass sta portando avanti un programma di Ricerca e Sviluppo sulla correlazione tra suono e vetro, sia sulle modalità per bloccare sia su quelle per produrre il suono, basandosi sulle più avanzate tecnologie e sul know-how in materia di isolamento acustico e insonorizzazione accumulato in numerosi anni.

Maggiori informazioni su www.agc-glass.eu (sito aziendale) www.yourglass.com (vetro per l’industria edilizia) e www.agc-automotive.com (vetro per l’industria automobilistica).

Copyright © - Riproduzione riservata
Fuorisalone 2018: AGC Asahi Glass fa suonare il vetro a Ventura Centrale Architetto.info