Muffa in casa? Alcune soluzioni per evitarla | Architetto.info

Muffa in casa? Alcune soluzioni per evitarla

Comfort abitativo e salute degli inquilini dipendono dal grado di isolamento termico. Una soluzione contro ponti termici e conseguenti muffe è il taglio termico realizzato con giunti isolanti Isokorb® di Schöck in corrispondenza di balconi e altre parti a sbalzo degli edifici

Isokorb® è l’elemento di raccordo tra le solette a sbalzo e il solaio interno dell’edificio e garantisce il perfetto taglio termico, proteggendo quindi la struttura dell’edificio e riducendo la perdita di energia in punti nevralgici come i balconi.
(© Schöck Italia srl)
Isokorb® è l’elemento di raccordo tra le solette a sbalzo e il solaio interno dell’edificio e garantisce il perfetto taglio termico, proteggendo quindi la struttura dell’edificio e riducendo la perdita di energia in punti nevralgici come i balconi. (© Schöck Italia srl)
image_pdf

Comfort abitativo e salute degli inquilini sono oggi fra le priorità principali che il professionista deve tenere in considerazione durante la fase di progettazione di un’abitazione. Affinché la casa risulti confortevole è fondamentale mettere in atto diversi accorgimenti tecnici e costruttivi per ridurre la perdita di calore, assicurare un isolamento termico completo ed evitare la comparsa di ponti termici e di conseguenti muffe sulle pareti che possono essere dannose per la salute. Una soluzione efficace nel lungo periodo è il taglio termico realizzato attraverso la posa dei giunti isolanti Isokorb® di Schöck in corrispondenza di balconi e di altre parti a sbalzo degli edifici. Vediamo caratteristiche tecniche e vantaggi.

L’elemento isolante Isokorb® di Schöck

L’elemento isolante Isokorb® di Schöck è una tecnologia costruttiva efficace nella lotta ai ponti termici, in grado non solo di migliorare la qualità della vita in casa, e quindi il benessere degli inquilini, ma anche di favorire un risparmio energetico con effetti positivi sulle finanze domestiche. I ponti termici si vengono a creare soprattutto in corrispondenza dei balconi e delle parti a sbalzo degli edifici (tettoie, ballatoi, marciapiedi, grondaie ecc.), luoghi in cui la quantità di calore che dall’interno si trasferisce verso l’esterno è maggiore rispetto ad altri punti dell’edificio. Per questo motivo si vengono a riscontrare temperature più basse sul lato interno degli elementi costruttivi, determinando un maggiore consumo di energia e un alto rischio di formazione di condensa. In questo modo non solo si determina un aumento del fabbisogno di calore, ma si può assistere alla formazione di muffa sulle pareti e a danni strutturali.

Muffa e umidità: quali rischi per la nostra salute?

La presenza di umidità e di muffa in ambienti abitativi può avere effetti negativi sulla salute e provocare irritazioni degli occhi, della pelle, delle vie respiratorie e occasionalmente si possono riscontrare anche allergie. Con il tempo, le irritazioni delle vie respiratorie possono degenerare in bronchite cronica (tosse) e asma. Si teme inoltre che le muffe possano essere veicolo di raffreddori ed esporre a rischi supplementari le persone già affette da alcune malattie specifiche: ad esempio, chi soffre di asma cronica grave o fibrosi cistica (FC) corre un rischio maggiore di sviluppare l’aspergillosi broncopolmonare allergica (ABPA). Inoltre, i pazienti con un sistema immunitario indebolito a causa di un trapianto o perché malati di AIDS o di cancro, possono contrarre più facilmente infezioni fungine e batteriche. Per questo è importante mettere in campo tutte le misure necessarie per evitare che si formi muffa in casa.

No ai ponti termici, si al comfort abitativo

Il problema dell’umidità e della formazione di muffa, quindi, non solo può avere conseguenze sulla struttura e sugli infissi ma anche determinare un peggioramento della qualità della vita in casa. È possibile evitare la comparsa della muffa, prevenendo e neutralizzando la formazione di ponti termici. E ciò è possibile ricorrendo, in fase di costruzione, all’elemento Isokorb® di Schöck, il giunto leader in Europa per l’isolamento termico e frutto di oltre mezzo secolo di analisi di sviluppo e di un know how aziendale di alto livello.

Come funziona la tecnologia costruttiva Isokorb® di Schöck

Isokorb® è l’elemento di raccordo tra le solette a sbalzo e il solaio interno dell’edificio e garantisce da un lato il perfetto taglio termico, proteggendo quindi la struttura dell’edificio e riducendo la perdita di energia in punti nevralgici come i balconi, e dall’altro favorisce la sicurezza statica degli edifici. Isokorb® è stato studiato per trovare applicazione con tutti i tipi di materiali e può essere adattato a qualsiasi situazione costruttiva e a tutti i materiali (calcestruzzo-calcestruzzo, calcestruzzo-legno, calcestruzzo-acciaio e acciaio-acciaio). Isokorb® possiede una conducibilità termica (λ) compresa tra 0,062 e 0,528 W/(mK). Il valore varia in funzione dello spessore della soletta (standard tra 16 e 25 cm) e della classe di portata dei giunti. Le barre in acciaio che costituiscono gli elementi sono realizzate nella loro parte centrale in acciaio inossidabile, per garantire la durabilità nella zona non protetta dal calcestruzzo.

Oltre a coibentare, Isokorb® assolve anche un’importante funzione strutturale e garantisce una completa sicurezza statica, confermata da certificazioni a livello nazionale ed internazionale. Il giunto è stato infatti dichiarato assolutamente sicuro dal punto di vista strutturale dal Servizio Tecnico Centrale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici che gli ha attribuito la certificazione di idoneità tecnica all’impiego (CIT). A questa si è aggiunto l’esito più che positivo di uno studio condotto dal Politecnico di Milano che ha confermato l’assoluta idoneità di Isokorb® anche all’uso in zone a media-alta sismicità.

Per ulteriori informazioni sui ponti termici e sulle soluzioni più adatte a ridurli, visitate il sito Schöck, oppure seguite la pagina su LinkedIn.

Copyright © - Riproduzione riservata
Muffa in casa? Alcune soluzioni per evitarla Architetto.info