Pareti tridimensionali 3D Surface: tre nuove texture ispirate al tessuto | Architetto.info

Pareti tridimensionali 3D Surface: tre nuove texture ispirate al tessuto

La gamma di pareti tridimensionali firmate 3D Surface si arricchisce di tre nuove texture ispirate al tema sartoriale del tessuto

wpid-4562_TARTAN.jpg
image_pdf

3D Surface ha messo in scena le sue pareti tridimensionali al MADE expo 2015 in un suggestivo allestimento progettato dall’architetto Claudio Nardi. Un involucro caratterizzato dalla sola presenza del bianco, colore neutro capace di esaltare al meglio la purezza delle texture e la loro tridimensionalità. Lo spazio ha racchiuso all’interno un percorso che accompagnava il visitatore alla scoperta delle 22 texture di 3D Surface, dalle più elaborate alla più sinuose, esaltate da un gioco di luci e ombre.

Al MADE expo 2015, 3D Surface ha presentato in anteprima tre nuove creazioni ispirate al tema sartoriale del tessuto. Pizzo e Tartan sono un’interpretazione macroscopica di decori e trame tessili, disegnate da Jacopo Cecchi. Citymap creata dal noto architetto Andrea Castrignano si ispira al tessuto urbano della città.

Pizzo, una texture dal sapore antico ma al contempo moderno, racchiude in sé l’essenza della sartorialità. Tartan, un sottile tessuto dal gusto retrò si intreccia creando solchi sulla materia, effetti di luce e ombre fanno emergere una trama che ricopre ogni spazio come avvolto da un tessuto. Citymap una città utopica caratterizzata da una babele di strade in cui perdersi. Una texture ricca di particolari che danno vita ad una vera e propria città tridimensionale.

3D Surface, la giovane azienda toscana produttrice di pareti tridimensionali, è tornata al MADE expo per presentare al pubblico internazionale dell’importante kermesse milanese dell’edilizia 3 nuove texture, che si aggiungono alle 19 creazioni della collezione. Superfici vibranti e tridimensionali che rappresentano un’interessante innovazione nel consueto scenario dei rivestimenti per l’ampia possibilità di personalizzazione, lanciando un segnale importante al mondo dei contract e della progettazione.

La flessibilità progettuale dei materiali, pensati sia per gli interni che per gli esterni, permette al progettista di disegnare e concepire soluzioni di ogni genere. La posa è semplice e avviene mediante incollaggio e/o fissaggio con viti: stuccate le giunture le superfici assumono un aspetto fluido e continuativo. Le pareti 3D si esaltano con la luce, gli spessori si nascondono dando spazio alle ombre. La superficie si anima.

La collezione 3D Surface è molto versatile: alcune texture riproducono la realtà, come nel caso di Bamboo, Deserto, Tenda, Capitonnè e Trapuntino, altre propongono geometrie astratte, frutto dell’immaginazione e delle tendenze artistiche contemporanee, come Caos, Tagli e Millerighe.

3D Surface nasce nel 2011 dall’incontro di Romano Zenoni e Alessandro e Stefano Fazzuoli, artigiani con esperienza pluriennale nel settore delle finiture d’interni e dell’arredamento. La sinergia e l’interazione tra le parti ha permesso di dar vita a prodotti con forme e materiali innovativi, creando una linea di pannelli decorativi dal design organico e ricercato. Le combinazioni di textures, forme e materiali appositamente sviluppate da 3D Surface si ispirano alle più originali tendenze artistiche contemporanee e si prestano ad un perfetto utilizzo per ogni ambiente e situazione. La continua volontà di ricerca e di personalizzazione delle forme, rende 3D Surface una realtà unica nel settore in grado di realizzare prodotti personalizzati e su misura. Una vera e propria “sartoria” delle superfici che mette a disposizione un’equipe di tecnici professionisti per dare vita e forma alle idee dei clienti più esigenti. 

Per maggiori informazioni visita www.3dsurface.it

Copyright © - Riproduzione riservata
Pareti tridimensionali 3D Surface: tre nuove texture ispirate al tessuto Architetto.info