Torre Arcobaleno a Milano: il contributo di Marazzi | Architetto.info

Torre Arcobaleno a Milano: il contributo di Marazzi

Le soluzioni in ceramica del brand di Sassuolo impiegate per la ristrutturazione della Torre Arcobaleno a Milano, simbolo iconico della creatività meneghina

DCIM105GOPRO
image_pdf

Si è conclusa l’opera di ammodernamento della celebre Torre Arcobaleno di Porta Garibaldi. La Torre – risalente al 1964 e un tempo anonimo serbatoio dell’acqua ricompreso nel perimetro dell’importante scalo ferroviario della Stazione FS Milano Porta Garibaldi – fu oggetto di una prima ristrutturazione in occasione dei Campionati mondiali di calcio ospitati dall’Italia nel 1990, che trasformò un’opera di servizio degradata in un segno urbano molto riconoscibile.
Come nel 1990, anche oggi, grazie alla varietà della sua gamma cromatica, Sistem C di Marazzi è scelta dallo Studio Original Designers 6R5 per rinnovare la Torre Arcobaleno, architettura urbana che si inserisce nel progetto “Wonderline” che da diversi anni collega varie iniziative ed energie nel mondo del colore. “I colori della Torre Arcobaleno”, commenta il curatore del progetto, Arch. Francesco Roggero di Original Designers “spiegano la nostra voglia di vivere il pianeta in maniera intelligente in armonia tra tecnologia, natura, innovazione e tradizioni”.


Sistem C, una gamma cromatica completa composta da venticinque colori, tre superfici (lucida, opaca e strutturata antiscivolo) quattro formati e due strutture a rilievo effetto 3D è l’alleato ideale per progettare con il colore pavimenti e rivestimenti di spazi architettonici pubblici e residenziali. Una ceramica eco-accorta che ha conseguito la certificazione LEED® grazie al contenuto di materiale riciclato utilizzato nella produzione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Torre Arcobaleno a Milano: il contributo di Marazzi Architetto.info