Un cuscino sonoro per viaggiare tra i sensi | Architetto.info

Un cuscino sonoro per viaggiare tra i sensi

wpid-4842_.jpg
image_pdf

Un progetto commissionato dalla compagnia di bandiera islandese Icelandair propone un’esperienza del volo interattiva e sensoriale, lontana dalla monotonia asettica delle navigazioni convenzionali.

Progettato dai designer londinesi Leslie Borg e Anita Silva, “_scape” riproduce fedelmente una roccia raccolta nell’isola. Ad uno sguardo più attento, la sua forma rivela molti strati concepiti come un anomalo libro, e la sua fruizione stimola il viaggiatore con suoni, odori, sensazioni tattili e sapori, tutte evocative del particolare paesaggio islandese.

Una forma selvaggia e indomabile, che contrasta in modo netto con le linee regolari e minimaliste tipiche dell’interno dell’aereo. A seconda di come viene tenuta in mano, “_scape” svela differenti colori, dal bianco al nero, dalla roccia vulcanica al ghiaccio, tratti tipici del paesaggio dell’isola. L’interno dell’oggetto, inoltre, è riempito di lana artica, un materiale delicato e sensibile che, come la natura, si sgretola se maneggiato troppo.

Man mano che l’interazione con “_scape” prosegue, il viaggiatore scopre un paio di cuffie removibili, che possono trasmettere suoni secondo preset differenti, trasformando l’oggetto in un “cuscino sonoro”. Con le sue differenti modalità di interazione, “_scape” vuole essere una proposta innovativa e “personale” per cambiare le abitudini dei voli commerciali, riducendo le ansie da volo e la noia del trasbordo, e trasformando il viaggio in un’esperienza emozionale e unica.

 

V.R.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Un cuscino sonoro per viaggiare tra i sensi Architetto.info