Un "Prato Nero" per una città verde | Architetto.info

Un "Prato Nero" per una città verde

wpid-5154_hoyome.jpg
image_pdf

La città di Ostrava potrebbe diventare la capitale culturale d’Europa 2015. E’ stato infatti organizzato un concorso che esprimesse le sue recenti ambizioni di catalizzatore culturale e nuova trasformazione urbana.
In questo ambito NL architetti ha ricevuto una menzione speciale per la loro proposta: un progetto per una sala da concerto, una sala esposizioni, un centro per la musica moderna, la proposta per una scuola (asili e formazione primaria e secondaria), un “incubatore creativo”, ovvero un laboratorio combinato con una scuola di art management, ed edifici residenziali.

Il sito del progetto presenta enormi potenzialità. E’ nel quartiere “cerna louka”, che significa “prato nero”, e si trova tra il fiume cittadino, il centro storico della città, e massicci sviluppi urbani fuori scala, tipici dei primi sobborghi delle città; ragione in più per cui lo sviluppo della zona svolgerà un ruolo fondamentale nel rafforzare il magnetismo della città di Ostrava. Esso offre l’opportunità di sperimentare un nuovo tipo di parco: un parco urbano, un parco che combina una vegetazione lussureggiante con una sostanziale realtà urbana.

Il confine del centro storico è ora piuttosto sfocato, non definito. Vi è la possibilità di inserire un programma supplementare di case, uffici e negozi proprio per un rafforzamento del “limite”. Riparare il bordo della città vecchia creerà una netta distinzione tra la densità del vecchio e la ‘leggerezza’ del nuovo parco urbano. {GALLERY}

Tutti i nuovi edifici saranno anzitutto modesti nelle dimensioni. Le funzioni talvolta verranno suddivise per mantenere le dimensioni ridotte, per mantenere la continuità del parco e per migliorarne l’uso e la fruibilità.

L’unico parcheggio sarà perpendicolare al parco su un suo lato e di  modesto impatto.
La viabilità interna sarà data da strade a sezione ridotta, che mediante sinuose pieghe e curve raggiungono le funzioni ovvero i diversi edifici dislocati nel verde. La continuità della corsia con un solo lato dedicato al parcheggio perpendicolare delle vetture migliora la panoramica del complesso e ne facilita la funzionalità. Il percorso rimane elegante e l’auto non è più invadente.

NL architetti propongono inserire una serie di mini torri che possono contenere monolocali per gli artisti, single o studenti. Mentre le torri super snelle con minimo ingombro e notevole altezza con un solo appartamento per piano potranno offrire viste panoramiche senza precedenti. Il progetto contiene un catalogo di possibili «ingredienti» per il nuovo parco urbano, anche perchè la strategia proposta è ancora assai flessibile. Durante il processo di progettazione, possono essere apportate modifiche, nuovi contributi, gli edifici possono essere scambiati, e i programmi regolati in base ai più specifici requisiti mantenendo comunque intatto l’approccio globale.

Copyright © - Riproduzione riservata
Un "Prato Nero" per una città verde Architetto.info