Pianificazione urbanistica: è online "Soil monitor" | Architetto.info

Pianificazione urbanistica: è online “Soil monitor”

È disponibile online "Soil monitor", applicativo informativo che consente di conoscere, per una specifica area, dati come la quantità di suolo consumato nel corso degli anni e l'uso e l'impatto dell'uomo sulle superfici

soil_monitor
image_pdf

E’ stato presentato al Senato “Soil Monitor“, lo strumento realizzato dal centro di ricerca Crisp (formato dall’Università di Napoli Federico II e dal Cnr) diretto da Fabio Terribile con la collaborazione di Ispra, di Geosolutions e dell’Istituto Nazionale di Urbanistica.

Reperibile a questo link, Soil Monitor permette all’utente di selezionare una qualsiasi, più o meno estesa, porzione di territorio, ed è in grado di fornire come “output” non solo la quantità di suolo consumata negli anni ma di andare molto più a fondo nella “qualità” delle rilevazioni. Della porzione di territorio selezionata si può valutare l’uso e l’impatto dell’uomo sulle superfici, capendo ad esempio se un certo tipo di utilizzo (in questo senso Soil Monitor fornisce risposte dettagliate, anno per anno) ha compromesso alcune funzioni quali ad esempio l’integrità del territorio rurale o l’approvigionamento alimentare o se alcuni aspetti, come le colture di pregio, per la loro eventuale permanenza negli anni possono essere considerati fattori identitari, e quindi da preservare. Altre risposte Soil Monitor le fornisce utilizzando indici comuni nella pianificazione come la frammentazione, lo sprawl, la diffusione urbana.

E’ uno strumento pensato per un supporto ai Comuni e ai pianificatori, responsabili, attraverso gli strumenti urbanistici, dell’uso e della gestione dei suoli. Soil Monitor infatti può fornire uno sguardo approfondito sull’uso negli anni e sullo stato del suolo e facilitare e rendere più mirata e sensata la programmazione futura.

Consulta anche: “Abusi edilizi“, l’e-book che fa il punto sul tema

Le potenzialità dello strumento sono state comprese dai responsabili legislativi delle leggi sul suolo, che hanno preso parte all’evento di presentazione. Per quanto riguarda di disegno di legge quadro sulla gestione sostenibile del suolo Soil Monitor può risultare decisivo perché permette di applicarne una parte, che prevede e prescrive la valutazione e la quantificazione delle funzioni e dei servizi ecosistemici e i rischi di degrado dei suoli. Nell’ambito della futura applicazione del disegno di legge sul contenimento del consumo di suolo la piattaforma può aiutare a orientare le decisioni sull’uso dei suoli e il monitoraggio, su scala nazionale e locale. Altre risposte e supporto Soil Monitor può fornirli nell’ambito del contrasto all’abusivismo edilizio e nell’applicazione della legge sugli ecoreati.

Intervenendo nel corso dell’iniziativa di presentazione, la presidente dell’Inu Silvia Viviani ha sottolineato quanto Soil Monitor può essere utile e funzionale allo sviluppo e all’applicazione di un’urbanistica nuova (al centro del Progetto Paese lanciato in occasione del Congresso Inu di Cagliari, lo scorso aprile) che invece di basarsi sul vecchio modello incentrato su espansione edilizia e quantità punti sui paradigmi della rigenerazione e della qualità.

Leggi anche: Che rapporto c’è tra consumo di suolo e insediamenti urbani?

Copyright © - Riproduzione riservata
Pianificazione urbanistica: è online “Soil monitor” Architetto.info