Premio Barbara Cappochin 2015: vince 'El Valle Trenzado' | Architetto.info

Premio Barbara Cappochin 2015: vince ‘El Valle Trenzado’

Il progetto di riqualificazione realizzato dal Grupo Aranea riconfigura la valle del fiume Vinalopò in un parco lineare dai percorsi intrecciati. E vince il Premio Barbara Cappochin 2015

Valle_4
image_pdf

Una rete di sentieri intrecciati e di percorsi pedonali ha trasformato la valle del fiume Vinalopò in un parco lineare di circa 3 km, sviluppato in corrispondenza della città Elche, in Spagna. Il progetto di riqualificazione è opera del Grupo Aranea, uno studio spagnolo con sede ad Alicante guidato dall’architetto Francisco Leiva Ivorra e dall’ingegnere Maria Garcia Chico.
L’intervento architettonico e paesaggistico denominato “El Valle Trenzado” (ovvero La Valle Intrecciata) è stato proclamato vincitore del Premio Internazionale di Architettura “Barbara Cappochin 2015”, in seguito alla riunione della giuria tenutasi il 16 e 17 luglio 2015 presso l’Ordine degli Architetti di Padova.

Con lo scopo di connettere due parti di città divise da un fiume, il gruppo di progettazione spagnolo ha trasformato le sponde del Vinalopò in un sistema pedonale che permette ai cittadini di Elche di godere di un nuovo ecosistema naturale. Inaugurato nel 2013, il parco lineare offre passeggiate, sentieri e ponti che si curvano, si estendono, si disperdono e si intrecciano a diverse quote. Questa network di percorsi sinuosi evoca i pendii naturali ed emerge nel tessuto ottocentesco della città, caratterizzato da isolati geometrici e regolari. Le linee si sviluppano come nastri e creano una percorrenza facilmente accessibile e confortevole grazie ai numerosi ponti che mettono in comunicazione le sponde del fiume e istituiscono le giuste relazioni tra i luoghi. Alcuni sono a forma di Y e attraversano il fiume a zig-zag poggiando su pilastri metallici che ricordano i tronchi d’albero e donano leggerezza alla struttura in cemento.

GRUPO ARANEA ARCHITECTS - JUNE 2013

Le rampe di collegamento © Jesus Granada

L’incisione che il fiume ha tracciato nel terreno raggiunge una profondità di 40 m e deriva dai lavori di canalizzazione in cemento armato eseguiti negli anni ’70 per porre fine alle inondazioni. A seguito di questi interventi il fiume divenne una barriera divisoria della città e precluse anche la possibilità di raggiungere, dalla riva destra, la Palmeral de Elche, un vasto palmeto dichiarato Patrimonio dell’Unesco.
Nel 2009 è stato indetto dal comune di Elche il concorso di idee per la riqualificazione della valle del Vinalopò, vinto dal Grupo Aranea. Lo sviluppo iniziale del progetto ha coinvolto per un mese abitanti e comunità cittadine in un laboratorio partecipato. Sono state individuate le zone di particolare interesse, i percorsi più frequentati e i punti principali da collegare, fornendo le basi per definire l’intreccio.

L’ecosistema e la fauna presente sono stati valorizzati nelle loro essenze autoctone e come si nota dal masterplan i percorsi naturali si insinuano anche all’interno della città, portando con sé il verde. Il sistema del parco lineare “El Valle Trenzado” rappresenta quindi un luogo che ricuce l’habitat naturale, il tessuto della città spagnola di Elche e i sui abitanti.

Il progetto affronta, secondo la giuria, alcuni problemi ambientali tipici della città contemporanea attraverso un disegno coraggioso: la presenza del solco erosivo del fiume con i suoi rischi idrogeologici, la relazione tra progetto architettonico e paesaggistico e il coinvolgimento dei cittadini per rendere l’opera pubblica un servizio che migliora la vita degli abitanti.

Scheda del progetto

Progettisti: Grupo Aranea, arch. Francisco Leiva Ivorra e ing. Maria Garcia Chico
Luogo: Elche (Elx), Spagna
Superficie: 115.000 mq
Cronologia: fase di progetto 2009; realizzazione 2011-2013
Committente: Comune di Elche (Elx)
Costo: € 2.382.000

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Premio Barbara Cappochin 2015: vince ‘El Valle Trenzado’ Architetto.info