Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Differimento dei termini per l'applicazione delle disposizioni...

Differimento dei termini per l'applicazione delle disposizioni del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123, in materia di interventi di sostegno pubblico alle imprese, nonchè per la regolarizzazione contributiva in agricoltura.

dl 24/05/1999 n. 00000148

INDUSTRIA, COMMERCIO, ARTIGIANATO (CREDITI)
AGRICOLTURA (LAVORO)
Decreto-legge 24 maggio 1999, n. 148 (in Gazz. Uff., 25 maggio, n.
120). – Differimento dei termini per l’applicazione delle
disposizioni del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123, in
materia di interventi di sostegno pubblico alle imprese, nonchè per
la regolarizzazione contributiva in agricoltura.

Il Presidente della Repubblica:
Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Visto il decreto
legislativo 31 marzo 1998, n. 123, recante disposizioni per la
razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,
ed in particolare l’art. 12, in base al quale le disposizioni del
decreto medesimo si applicano a decorrere dalla data di entrata in
vigore dei regolamenti di riordino adottati ai sensi dell’art. 20
della legge 15 marzo 1997, n. 59, e delle leggi approvate dalle
regioni a statuto ordinario e comunque non oltre un anno dalla data
di entrata in vigore del decreto; Visto il decreto legislativo 31
marzo 1998, n. 112, recante conferimento di funzioni e compiti
amministrativi dello Stato alle regioni e agli enti locali, ed in
particolare l’art. 7, comma 1, lettera a), e l’art. 50; Visto l’art.
9 della legge 8 marzo 1999, n. 50, che al comma 6 ha abrogato i commi
2 e 3 dell’art. 50 del decreto legislativo n. 112 del 1998; Ritenuta
conseguentemente la straordinaria necessità ed urgenza di differire
il termine previsto per l’applicazione delle disposizioni del
predetto decreto legislativo n. 123 del 1998, al fine di armonizzare
i termini relativi al processo di razionalizzazione degli interventi
di sostegno pubblico alle imprese con quelli previsti per
l’attuazione del processo di decentramento; Ritenuta altresì la
straordinaria necessità ed urgenza di differire il termine di
pagamento della prima rata della regolarizzazione contributiva in
agricoltura prevista dall’art. 76, comma 1, della legge 23 dicembre
1998, n. 448, in considerazione delle numerose domande presentate ed
al fine di consentire una esatta definizione della posizione
debitoria dei singoli operatori interessati; Vista la deliberazione
del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 21 maggio
1999; Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, del
Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato e del
Ministro per le politiche agricole, di concerto con i Ministri per
gli affari regionali, del lavoro e della previdenza sociale e del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica;
Emana il seguente decreto-legge:

Art. 1. 1. Al comma 3 dell’art. 12 del decreto legislativo 31 marzo
1998, n. 123, le parole: <<non oltre un anno dalla data di entrata in
vigore del presente decreto>> sono sostituite dalle seguenti: <<non
oltre un anno dal termine individuato ai sensi del comma 1 dell’art.
7 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112>>.
2. Al comma 1, primo periodo, dell’art. 76 della legge 23 dicembre
1998, n. 448, le parole: <<entro il 31 maggio 1999>> sono sostituite
dalle seguenti: <<entro il 31 ottobre 1999>>.

Art. 2. 1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso
della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.

Architetto.info