Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1°...

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° febbraio 1977, n. 13, concernente proroga delle concessioni di grandi derivazioni di acque per uso di forza motrice.

l 31/03/1977 n. 00000092 [MOD]

ACQUE PUBBLICHE
Legge 31 marzo 1977, n. 92 (in Gazz. Uff., 2 aprile, n. 90).
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1°
febbraio 1977, n. 13, concernente proroga delle concessioni di grandi
derivazioni di acque per uso di forza motrice.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;
Il Presidente della Repubblica:
Promulga la seguente legge:

Articolo unico. — Il decreto-legge 1° febbraio 1977, n. 13,
concernente proroga delle concessioni di grandi derivazioni di acque
per uso di forza motrice è convertito in legge con le seguenti
modificazioni:
All’art. 1, nel primo e nel secondo comma, la data: <<31 gennaio
1980>> è sostituita dall’altra <<31 gennaio 1981>>;
dopo il secondo comma, sono aggiunti i seguenti:
<<La proroga si applica anche alle concessioni di grandi
derivazioni di acque per uso di forza motrice assentite ai consorzi
costituiti fra gli enti locali e le imprese di cui al comma
precedente.
Sono fatti salvi i diritti delle regioni a statuto speciale.
Nei confronti delle acque vincolate dal piano regolatore generale
degli acquedotti, di cui alla legge 4 febbraio 1963, n. 129, la
proroga prevista dal presente decreto opera fino all’attuazione
totale o parziale delle utilizzazioni delle acque in vista delle
quali il vincolo è stato disposto e comunque non oltre il 1981>>.
Dopo l’art. 1 è inserito il seguente:
Art. 1-bis. <<La proroga di cui all’art. 1 del presente decreto
riguarda anche tutti gli oneri stabiliti o comunque gravanti, a norma
del testo unico 11 dicembre 1933, n. 1775, e successive
modificazioni, della legge 27 dicembre 1953,n. 959, e successive
modificazioni, della legge 30 dicembre 1959, n. 1254, nonché degli
statuti delle regioni a statuto speciale, sulle concessioni indicate
nell’articolo medesimo>>.

Architetto.info