Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Norme tecniche per l'esecuzione delle opere in cemento armato norm...

Norme tecniche per l'esecuzione delle opere in cemento armato normale e precompresso e per le strutture metalliche.

dm 27/07/1985

EDILIZIA E URBANISTICA
Decreto Ministeriale 27 luglio 1985 (in Suppl. ordinario alla Gazz.
Uff. n. 113, del 17 maggio). — Norme tecniche per l’esecuzione delle
opere in cemento armato normale e precompresso e per le strutture
metalliche.

Il Ministro dei lavori pubblici:
Vista la legge 5 novembre 1971, n. 1086, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale n. 321 del 21 dicembre 1971, recante norme per la
disciplina delle opere in conglomerato cementizio armato, normale e
precompresso ed a struttura metallica; Visto il decreto ministeriale
1° aprile 1983 pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta
Ufficiale n. 224 del 17 agosto 1983; Ritenuto che, ai sensi dell’art.
21 della citata legge 5 novembre 1971, n. 1086, sono state apportate
modifiche alle norme tecniche alle quali devono uniformarsi le
costruzioni di cui alla legge medesima; Visto il testo delle norme
tecniche predisposto dal Servizio Tecnico Centrale; Sentito il
Consiglio nazionale delle ricerche; Sentito il Consiglio superiore
dei lavori pubblici, che si è espresso con il parere emesso
dall’assemblea generale, in data 24 maggio 1985 con il voto n. 182;

Decreta:

Art. 1. Sono approvate le norme tecniche per il calcolo,
l’esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato,
normale e precompresso e per le strutture metalliche di cui alla
legge 5 novembre 1971, n. 1086, predisposte dal Servizio Tecnico
Centrale ed allegate al presente decreto.

Art. 2. Le presenti norme entreranno in vigore sei mesi dopo la
loro pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Art. 3. In via transitoria continuano ad applicarsi le norme di cui
al decreto ministeriale 1° aprile 1983 per le opere in corso e per le
quali sia stata già presentata la denuncia prevista dall’art. 4 della
legge n. 1086/71, nonchè per le opere di cui all’ultimo comma dello
stesso art. 4, per le quali sia stato pubblicato il bando di gara per
l’appalto, ovvero sia intervenuta la stipulazione del contratto di
appalto a trattativa privata.

(Si omettono gli allegati).

Architetto.info