Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Aggiornamento dei coefficienti di dispersione termica degli edifici....

Aggiornamento dei coefficienti di dispersione termica degli edifici.

dm 30/07/1986

RISCALDAMENTO
Decreto Ministeriale 30 luglio 1986 (in Gazz. Uff., 20 ottobre, n.
244). — Aggiornamento dei coefficienti di dispersione termica degli
edifici.

Il Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato, di
concerto con il Ministro dei lavori pubblici:
Visto l’art. 15 della legge 30 aprile 1976, n. 373, sul
contenimento del consumo energetico per usi termici negli edifici;
Visto il decreto ministeriale 10 marzo 1977 sulla determinazione
delle zone climatiche e dei valori dei relativi coefficienti volumici
globali di dispersione termica negli edifici; Ritenuta l’opportunità
di diminuire i valori massimi dei coefficienti volumici globali di
dispersione termica ammissibili, tenuto conto delle variazioni
intervenute nel rapporto tra maggiori oneri di costruzione e
risparmio energetico conseguibile; Su conforme parere del Consiglio
nazionale delle ricerche e del Consiglio superiore dei lavori
pubblici;

Decreta:

Art. 1.

Rideterminazione dei valori massimi dei coefficienti
volumici di dispersione termica ammissibili nei singoli
comuni.

Ferme restando la suddivisione del territorio nazionale in zone
climatiche in funzione dei gradi-giorno indicata all’art. 1 del
decreto ministeriale 10 marzo 1977, citato nelle premesse, e la
definizione del coefficiente di dispersione termica <<Cd>> data
all’art. 21 del decreto del Presidente della Repubblica 28 giugno
1977, n. 1052, il presidente della giunta regionale procede alla
rideterminazione dei valori massimi dei coeffici enti di dispersione
termica ammissibili nei singoli comuni, entro tre mesi dalla
pubblicazione del presente decreto, mediante le seguenti operazioni:
all’interno degli intervalli di Cd indicati nella tabella
allegata al presente decreto per le zone climatiche B, C, D, ed E, in
proporzione ai gradi-giorno già assegnati al comune in esame
determina i valori massimi ammissibili di Cd per Sv ¾ 0,2 e S/V 0,9
e li assegna al comune stesso;
ai comuni appartenenti alle zone A e F assegna come valori
massimi i valori di Cd riportati nella tabella allegata.

Esempio:

per un comune di 1056 gradi-giorno, che risulta quindi nella zona C
della tabella allegata, si ha, arrotondando alla seconda cifra
decimale:

per S/V0,9 Cd=1,08-(1,08-0,95)*(1056-901)//1400-901=1,04

Art. 2.

Valori ammessi per i coefficienti volumici di dispersione
termica degli edifici.

I coefficienti volumici di dispersione termica degli edifici ai
quali si applicano le norme della legge 30 aprile 1976, n. 373, non
possono superare:
per S/V minore o uguale a 0,2 e S/V maggiore o uguale a 0,9, i
valori assegnati al comune dal presidente della giunta regionale ai
sensi del precedente art. 1;
per S/V maggiore di 0,2 e minore di 0,9, il valore determinato
per interpolazione lineare.

Nel rapporto S/V:
V è il volume lordo delle parti di edificio riscaldato, definito
dalle superfici esterne degli elementi che lo delimitano ed espresso
in metri cubi;
S è la superficie esterna che delimita il volume V, espresso in
metri quadrati.

Art. 3.

Valore massimo di Cd ammissibile per i singoli ambienti e
recuperatori di calore.

Restano ferme le disposizioni di cui agli articoli 4 e 5 del
decreto ministeriale 10 marzo 1977, citato nelle premesse, relative
al valore massimo di Cd ammissibile per i singoli ambienti e
all’impiego di apparecchiature di recupero del calore disperso per
ventilazione.
Tabella

XTAB
VALORI DI CD IN W/M^3 °C

——-+————————————————————-
| ZONA CLIMATICA
+———-+———+———+———+———+———-
| A | B | C | D | E | F
+———-+———+———+———+———+———-
S/V | gradi- | gradi- | gradi- | gradi- | gradi- | gradi-
| giorno | giorno | giorno | giorno | giorno | giorno
+———-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+———-
|fino a 600|601 | 900|901 |1400|1401|2100|2101|3000|oltre 3000
——-+———-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+———-
¾ 0,2 | 0,49 |0,49|0,46|0,46|0,42|0,42|0,34|0,34|0,30| 0,30
——-+———-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+———-
0,9 | 1,16 |1,16|1,08|1,08|0,95|0,95|0,78|0,78|0,73| 0,73
——-+———-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+—-+———-

Architetto.info