Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Abrogazione di alcune disposizioni contenute nel decreto ministeriale ...

Abrogazione di alcune disposizioni contenute nel decreto ministeriale 3 giugno 1968, concernente nuove norme sui requisiti di accettazione e modalità di prova dei cementi.

dm 13/09/1993

EDILIZIA E URBANISTICA
Decreto Ministeriale 13 settembre 1993 (in Gazz. Uff., 22 settembre,
n. 223). — Abrogazione di alcune disposizioni contenute nel decreto
ministeriale 3 giugno 1968, concernente nuove norme sui requisiti di
accettazione e modalità di prova dei cementi.

Il Ministro dell’industria del commercio e dell’artigianato, di
concerto con il Ministro dei lavori pubblici:
(Omissis).
Decreta:

Art. 1. 1. Le disposizioni contenute nel decreto ministeriale 3
giugno 1968, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 180 del 17 luglio
1968 sono abrogate, ad eccezione di quelle di cui agli articoli 1
(lettere B e C), 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 (commi 1.2, 1.3, 2 e 3),
11 e 14, concernenti i cementi alluminosi, i cementi per sbarramenti
di ritenuta, gli agglomerati cementizi e le calci idrauliche.
2. Sono altresì abrogate le disposizioni del decreto ministeriale
20 novembre 1984 ad eccezione di quelle concernenti i cementi
alluminosi ed i cementi per sbarramenti di ritenuta.

Art. 2. 1. Fatto salvo quanto previsto dal decreto ministeriale 3
giugno 1968 e dal decreto ministeriale 20 novembre 1984 per i cementi
alluminosi e per i cementi per sbarramenti di ritenuta, la
composizione, le specificazioni ed i criteri di conformità dei
cementi, sono quelli previsti dalla norma CEN/ENV 197/1 recepita in
Italia dalla norma UNI-ENV 197/1.
2. Il CNR-ICITE apporterà alla procedura di cui al regolamento del
<<Servizio di controllo e certificazione dei cementi>>, allegato al
decreto 9 marzo 1988, n. 126, le modifiche rese necessarie
dall’adozione della norma UNI-ENV 197/1.
3. Le prove di flessione e compressione per i leganti idraulici
debbono essere effettuate con malta plastica confezionata con la
sabbia le cui caratteristiche sono definite dalla norma EN 196/1,
recepita in Italia dalla norma UNI-EN 196, parte I.

Art. 3. 1. Il presente decreto entra in vigore trenta giorni dopo
la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
2. In via transitoria e per un periodo di centottanta giorni a
decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto,
possono continuare ad applicarsi le norme abrogate al precedente art.
1.
3. Per il periodo transitorio di cui al precedente comma 2 la
corrispondenza tra le denominazioni dei cementi secondo il decreto
ministeriale 3 giugno 1968 e quelle di cui alla UNI-ENV 197/1 è
determinata dalla tabella di cui all’allegato A al presente decreto.

Art. 4. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.

(é omesso l’allegato).

Architetto.info