Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 agosto ...

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 agosto 1994, n. 507 , recante misure urgenti in materia di dighe.

l 21/10/1994 n. 00000584 [MOD]

ACQUE PUBBLICHE
Legge 21 ottobre 1994, n. 584 (in Gazz. Uff., 21 ottobre, n. 247). —
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 agosto
1994, n. 507 , recante misure urgenti in materia di dighe.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;
Il Presidente della Repubblica:
Promulga la seguente legge:

Art. 1. 1. Il decreto-legge 8 agosto 1994, n. 507, recante misure
urgenti in materia di dighe, è convertito in legge con le
modificazioni riportate in allegato alla presente legge.
2. Restano validi gli atti ed i provvedimenti adottati e sono fatti
salvi gli effetti prodottisi ed i rapporti giuridici sorti sulla base
dei decreti-legge 12 agosto 1993, n. 309, 19 ottobre 1993, n. 417, 16
dicembre 1993, n. 524, 14 febbraio 1994, n. 107, 14 aprile 1994, n.
237, e 20 giugno 1994, n. 398.

Allegato

MODIFICAZIONI APPORTATE IN SEDE DI CONVERSIONE
AL DECRETO-LEGGE 8 AGOSTO 1994, N. 507

All’art. 1:
al comma 1, dopo le parole: <<della pubblica incolumità>> sono
inserite le seguenti: <<in particolare delle popolazioni e dei
territori a valle delle opere stesse>>; dopo la parola: <<adibiti>> è
inserita la seguente: <<esclusivamente>>; ed è aggiunto, in fine, il
seguente periodo: <<Ai fini della sottoposizione alla valutazione di
impatto ambientale, restano fermi i limiti di cui all’art. 2 della
legge 9 gennaio 1991, n. 9>>;
al comma 2, al capoverso, dopo le parole: <<Il Servizio nazionale
dighe provvede>> sono inserite le seguenti: <<in via esclusiva>>; le
parole: <<delle dighe di ritenuta e delle traverse>> sono sostituite
dalle seguenti: <<dighe di ritenuta o traverse>>; e dopo le parole:
<<invasi adibiti>> è inserita la seguente: <<esclusivamente>>;
dopo il comma 7, è aggiunto il seguente:
<<7-bis. L’approvazione tecnica dei progetti da parte del
Servizio nazionale dighe tiene integralmente luogo degli adempimenti
tecnici ed amministrativi di cui alle leggi 25 novembre 1962, n.
1684, 2 febbraio 1974, n. 64, e 5 novembre 1971, n. 1086>>.
All’art. 2:
al comma 1, dopo la lettera m) è aggiunta la seguente:
<<m-bis) qualificazione professionale richiesta ai tecnici
progettisti ed ai direttori dei lavori.>>;
dopo il comma 2, è aggiunto il seguente:
<<2-bis. Entro sei mesi dall’emanazione del regolamento di cui al
comma 1, le regioni adottano un regolamento per la disciplina del
procedimento di approvazione dei progetti e del controllo sulla
costruzione e sull’esercizio delle dighe di loro competenza, con
opportuno riferimento alle prescrizioni del predetto regolamento>>.
All’art. 3:
al comma 3, dopo le parole: <<a firma>> sono inserite le
seguenti: <<, per quanto di competenza,>>; e sono aggiunte, in fine,
le parole: <<; una sommaria descrizione dei terreni interessati dalle
opere.>>;
al comma 4, lettera b), dopo la parola: <<sponde>> sono inserite
le parole: <<e delle spalle>>; alla medesima lettera b), sono
aggiunte, in fine, le parole: <<in particolare dovranno essere
effettuate verifiche per quanto riguarda l’influenza dell’invaso
sulle acque superficiali e sotterranee nell’ambito del bacino
idrogeologico di competenza>>;
al comma 4, la lettera c) è sostituita dalle seguenti:
<<c) relazione geotecnica relativa alla caratterizzazione del
terreno, comprendente i risultati delle indagini sui terreni di
fondazione e la loro caratterizzazione geotecnica, nonchè i risultati
delle indagini sui terreni dell’invaso e la loro caratterizzazione
geotecnica finalizzata alla definizione delle condizioni di sicurezza
delle sponde e delle spalle;
c-bis) relazione geotecnica, comprendente la verifica delle
scelte progettuali mediante il controllo del comportamento dell’opera
nel suo insieme ed in rapporto ai terreni di fondazione. Per le dighe
di materiali sciolti, la relazione dovrà comprendere le prove
eseguite sui materiali e le verifiche di sicurezza delle opere di
sbarramento e di quelle connesse. La stabilità della diga e del
complesso diga-terreni di fondazione dovrà essere verificata almeno
nelle seguenti condizioni: a serbatoio pieno con il livello al
massimo invaso e, ove la diga ricada in zona classificata sismica,
anche in presenza di sisma, nonchè a seguito di rapido svuotamento
del serbatoio;>>;
al comma 5, le parole: <<un termine da essi prefissato>> sono
sostituite dalle seguenti: <<Tre mesi>>;
al comma 9, dopo le parole: <<pubblici e privati>> sono inserite
le seguenti: <<di provata esperienza nel settore>>.
All’art. 6, al comma 1, le parole: <<nella medesima legge>> sono
sostituite dalle seguenti: <<della medesima legge>>.
All’art. 7:
al comma 2, le parole: <<appartenenti all’ANPA, all’ENEA, ad
altre>> sono sostituite dalle seguenti: <<appartenenti alle>>;
al comma 3, le parole: <<31 dicembre 1988>> sono sostituite dalle
seguenti: <<31 dicembre 1996>>; le parole: <<di durata non superiore
a cinque anni>> sono sostituite dalle seguenti: <<di durata non
superiore a due anni>>; e le parole: <<che abbiano conseguito
dottorato di ricerca nelle materie di competenza dei Servizi tecnici
nazionali, o che siano>> sono soppresse.
All’art. 8, al comma 1, le parole: <<e da enti e società a
partecipazione statale>> sono soppresse.
All’art. 10, al comma 1, secondo periodo, le parole da: <<, come
definita nel decreto>> fino alla fine del periodo sono soppresse.

Architetto.info