Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Regolamento recante norme per l'esclusione dell'esercizio del dirit...

Regolamento recante norme per l'esclusione dell'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi ai sensi dell'art. 24, comma 4, della legge 7 agosto 1990, n. 241, e dell'art. 8 del decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352.

dm 10/01/1996 n. 00000060

MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE
Decreto Ministeriale 10 gennaio 1996, n. 60 (in Gazz. Uff., 16
febbraio, n. 39). — Regolamento recante norme per l’esclusione
dell’esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi ai
sensi dell’art. 24, comma 4, della legge 7 agosto 1990, n. 241, e
dell’art. 8 del decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno
1992, n. 352.

Il Ministro della pubblica istruzione:

Visto l’art. 24, comma 4, della legge 7 agosto 1990, n. 241; Visto
l’art. 8 del decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1992,
n. 352; Visto l’art. 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il parere della commissione per l’accesso ai documenti
amministrativi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri di cui
all’art. 27 della legge 7 agosto 1990, n. 241, espresso in data 9
maggio 1995; Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso
nell’adunanza generale del 9 novembre 1995; Vista la comunicazione al
Presidente del Consiglio dei Ministri, ai sensi dell’art. 17, comma
3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, inviata con nota del 10
gennaio 1996;

Adotta il seguente regolamento:

Art. 1.

Ambito di applicazione.

1. Il presente regolamento individua, in conformità all’art. 24,
comma 4, della legge 7 agosto 1990, n. 241, le categorie di
documenti, formati o comunque rientranti nella disponibilità del
Ministero della pubblica istruzione e degli organi periferici
dipendenti ivi comprese le istituzioni scolastiche e gli enti
vigilati, sottratti all’accesso ai sensi dell’art. 24, comma 2, della
medesima legge n. 241 del 1990 e dell’art. 8 del decreto del
Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352.

Art. 2.

Categorie di documenti inaccessibili per motivi
di riservatezza di terzi, persone, gruppi ed imprese.

1. Ai sensi dell’art. 8, comma 5, lettera d), del decreto del
Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352, ed in relazione
all’esigenza di salvaguardare la riservatezza di terzi, persone,
gruppi ed imprese, garantendo peraltro ai medesimi la visione degli
atti relativi ai procedimenti amministrativi, la cui conoscenza sia
necessaria per curare o per difendere i loro interessi giuridici,
sono sottratte all’accesso le seguenti categorie di documenti:

a) rapporti informativi sul personale dipendente;
b) documenti concernenti informazioni di carattere
psico-attitudinale di determinati soggetti, con esclusione di quelli
concernenti i criteri generali fissati, in funzione autolimitativa,
dall’amministrazione per le procedure stesse;
c) documenti rappresentativi di accertamenti e di dichiarazioni
medico-legali;
d) documenti relativi alla salute delle persone;
e) documenti rappresentativi di interventi dell’autorità
giudiziaria o della procura generale e delle procure regionali presso
la Corte dei conti, relativi a soggetti per i quali si appalesa la
sussistenza di responsabilità penale, civile o amministrativa;
f) relazioni alla procura generale e alle procure regionali
presso la Corte dei conti nei confronti dei soggetti suindicati,
nonchè atti di promovimento di azioni di responsabilità davanti alla
autorità giudiziaria.

Art. 3.

Differimento.

1. Ai sensi dell’art. 24, comma 6, della legge 7 agosto 1990, n.
241, e dell’art. 8, commi 2 e 3, del decreto del Presidente della
Repubblica 27 giugno 1992, n. 352, in caso di incarichi ispettivi nei
confronti del personale dipendente, di istituzioni scolastiche o enti
vigilati, l’accesso alla relazione finale e alla documentazione in
essa richiamata è consentito, limitatamente alla parte riguardante il
richiedente, dopo la conclusione dei procedimenti ispettivi.
2. Nei procedimenti concorsuali e di selezione in materia di
personale, l’accesso agli elaborati ed alle schede di valutazione è
consentito in relazione alla conclusione delle varie fasi del
procedimento, ai cui fini gli atti stessi sono preordinati. Fino a
quando il procedimento non sia concluso, l’accesso è limitato ai soli
atti che riguardino direttamente il richiedente, con esclusione degli
atti relativi ad altri concorrenti
3. Nei procedimenti di scelta del contraente per acquisto di beni,
forniture e servizi, le offerte sono accessibili ai partecipanti,
dopo la conclusione del procedimento, salvo brevetti e casi analoghi
protetti.

Art. 4.

Pubblicazione aggiuntiva.

1. Il presente regolamento, oltre che nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana, è pubblicato nel Bollettino ufficiale,
parte I, del Ministero della pubblica istruzione. Le stesse modalità
sono utilizzate per le successive modifiche ed integrazioni.

Architetto.info