Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Criteri per la corresponsione agli utilizzatori dell'infrastruttura fe...

Criteri per la corresponsione agli utilizzatori dell'infrastruttura ferroviaria di uno sconto temporaneo a parziale compensazione dei maggiori costi indotti dall'attuale arretratezza tecnologica della rete ferroviaria.

DECRETO 22 marzo 2000
Criteri per la corresponsione agli utilizzatori dell’infrastruttura
ferroviaria di uno sconto temporaneo a parziale compensazione dei
maggiori costi indotti dall’attuale arretratezza tecnologica della
rete ferroviaria.
IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE
Visto l’art. 7 del decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio
1998, n. 277;
Visto il decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione 21
marzo 2000, n. 43T, che disciplina la determinazione dei criteri
del canone di pedaggio relativo all’utilizzo dell’infrastruttura
ferroviaria;
Visto il decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione 28
dicembre 1999, n. 121T, con il quale e’ stata attribuita al
Sottogretario di Stato on. Giordano Angelini la delega delle
funzioni concernenti la materia oggetto del presente decreto;
Considerato che lo stato di arretratezza tecnologica della rete
ferroviaria gestita da F.S. S.p.a. determina costi aggiuntivi per
l’effettuazione dei servizi di trasporto ferroviario;
Considerato che detti costi hanno carattere temporaneo;
Valutata la necessita’ di individuare i criteri per l’adeguamento
dell’ammontare del canone di pedaggio, in relazione alla predetta
situazione, con corrispondenti variazioni dei corrispettivi
globalmente intesi;
E m a n a
il seguente decreto:
Art. 1.
1. Sul canone di utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria,
determinato ai sensi del citato decreto ministeriale 21 marzo 2000,
n. 43T, e’ applicato uno sconto temporaneo, commisurato ai maggiori
oneri di condotta dei treni derivanti dall’arretratezza tecnologica
della rete ferroviaria gestita da F.S. S.p.a. ed erogato dal
gestore dell’infrastruttura secondo i criteri fissati nei
successivi articoli.
Art. 2.
1. Lo sconto si applica sulle sezioni di rete per le quali non
sussistono le condizioni per ammettere la guida dei convogli ad
agente unico, individuate dal gestore dell’infrastruttura, che e’
tenuto a renderne pubblico ufficialmente l’elenco e ad aggiornarlo
progressivamente.
2. Lo sconto viene meno al realizzarsi delle condizioni previste
dal comma 1.
Art. 3.
1. Lo sconto e’ composto dai seguenti due addendi:
a) il primo e’ attribuito in relazione all’utilizzo
dell’infrastruttura sulle sezioni di rete di cui all’art. 2 ed e’
commisurato al percorso effettuato limitatamente alle sezioni
stesse;
b) il secondo e’ commisurato ai volumi di traffico complessivamente
prodotti nell’anno, ed e’ attribuito solo per la parte in cui lo
sconto totale non ecceda il limite dell’80% dell’importo
complessivo del canone dovuto.
Art. 4.
1. Lo sconto di cui all’art. 3, comma 1, lettera a), da applicare a
ciascun treno su ciascuna sezione di rete per fascia oraria di
riferimento e’ riportato nell’allegato 1, per treni con percorso
totale inferiore o uguale a 120 chilometri e nell’allegato 2 per
treni con percorso totale superiore a 120 chilometri.
2. L’importo massimo dello sconto per ciascun treno, calcolato
sulla base dello sconto unitario moltiplicato per i chilometri
percorsi sulle sezioni di rete di cui all’art. 2, non puo’ superare
l’importo della parte variabile chilometro/minuto del
corrispondente canone di utilizzo dell’infrastruttura.
Art. 5.
1. Lo sconto da applicare a ciascun utilizzatore in funzione dei
volumi di traffico complessivamente prodotti e’ riportato
nell’allegato 3.
2. Lo sconto viene applicato sulle somme complessivamente dovute
per il pagamento dei pedaggi ed e’ attribuito in base al tipo di
servizio prevalente, in termini di volumi di traffico, fra quelli
effettuati dall’impresa stessa.
Roma, 22 marzo 2000
p. Il Ministro: Angelini

Allegato 1

SCONTO LIRE/KM PER TIPOLOGIA DI RETE/FASCIA ORARIA DA APPLICARSI A
TRENI CON PERCORRENZA MINORE O UGUALE A 120 KM

Fascia oraria

22.00-06.00
06.00-09.00
09.00-22.00
Rete fondamentale:
Linee a doppio binario velocità max 250
1.649
396
280
Linee a doppio binario
velocità max 200
2.061
731
413
Linee tradizionali a doppio
Binario
2.356
792
528
Linee a doppio binario
con difficoltà di tracciato
2.748
951
594
Linee prevalentemente
Metropolitane
2.748
1.188
1.188
Linee con semplice binario
3.298
951
679
Nodi:
Tutti
2.748
792
792
Rete complementare:
Tutte le linee appartenenti a questo gruppo
2.748
792
792

Allegato 2

SCONTO LIRE/KM PER TIPOLOGIA DI RETE/FASCIA ORARIA DA APPLICARSI A
TRENI CON PERCORRENZA SUPERIORE A 120 KM

Fascia oraria

22.00-06.00
06.00-09.00
09.00-22.00
Rete fondamentale:
Linee a doppio binario velocità max 250
1.649
566
399
Linee a doppio binario
velocità max 200
2.061
1.045
590
Linee tradizionali a doppio
Binario
2.356
1.132
754
Linee a doppio binario
con difficoltà di tracciato
2.748
1.358
849
Linee prevalentemente
Metropolitane
2.748
1.698
1.698
Linee con semplice binario
3.298
1.358
970
Nodi:
Tutti
2.748
1.132
1.132
Rete complementare:
Tutte le linee appartenenti a questo gruppo
2.748
1.132
1.132

Allegato 3
SCONTO PER VOLUMI DI TRAFFICO
Merci
L. 1.185 (pari a euro 0,612) a treno/km
Viaggiatori a lunga percorrenza
L. 606 (pari a euro 0,313) a treno/km
Viaggiatori a breve percorrenza
L. 63 (pari a euro 0,032) a treno/km

Architetto.info