Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Disposizioni urgenti per garantire i soccorsi e l'evacuazione delle po...

Disposizioni urgenti per garantire i soccorsi e l'evacuazione delle popolazioni in caso di emergenza nell'isola di Ortigia in Siracusa. (Ordinanza n. 3035).

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE
ORDINANZA 7 febbraio 2000
Disposizioni urgenti per garantire i soccorsi e l’evacuazione delle
popolazioni in caso di emergenza nell’isola di Ortigia in Siracusa.
(Ordinanza n. 3035).
IL MINISTRO DELL’INTERNO delegato per il coordinamento della
protezione civile Visto l’Art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n.
225;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
29 novembre 1999 che delega le funzioni del coordinamento della
protezione civile di cui alla legge 24 febbraio 1992, n. 225, al
Ministro dell’interno;
Visto il proprio decreto del 30 dicembre 1999, con il quale vengono
delegate al Sottosegretario di Stato prof. Franco Barberi le
funzioni di cui alla legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’Art. 2, comma 3-bis, della legge del 31 dicembre 1996, n.
677, con il quale il Ministro dell’interno e per il coordinamento
della protezione civile e’ autorizzato a disciplinare con propria
ordinanza, emanata ai sensi dell’Art. 5 della legge del 24 febbraio
1992, n. 225, gli interventi infrastrutturali necessari per
garantire i soccorsi e l’evacuazione delle popolazioni in caso di
emergenza nell’isola di Ortigia nella citta’ di Siracusa;
Considerato che attualmente il collegamento viene assicurato solo
tramite i ponti “Umberto I” e “Ponte Nuovo”;
Considerato che il ponte Umberto I e’ stato chiuso al traffico dal
sindaco di Siracusa con propria ordinanza dal 16 gennaio 2000, a
causa di gravi dissesti riscontrati dall’Ufficio tecnico comunale,
e dal personale del comando provinciale dei vigili del fuoco a
seguito di apposito sopralluogo del 15 gennaio 2000, come
comunicato dal sindaco di Siracusa con nota n. 2901 del 17 gennaio
2000;
e che il Ponte Nuovo per dimensioni e capacita’ di traffico non e’
adeguato alle esigenze di protezione civile;
Considerato che sono in avanzato corso le procedure di approvazione
di un ulteriore collegamento stabile, che risolvera’ il problema
della via di fuga Ortigia-Siracusa;
Considerato che il prefetto di Siracusa, con telegramma del 19
gennaio 2000, ha rappresentato l’estrema gravita’ della situazione
sia per la normale convivenza, sia per la sicurezza dei cittadini
in caso di calamita’;
Vista la nota n. 4005 del 20 gennaio 2000 del sindaco di Siracusa,
con la quale viene richiesta una rimodulazione del quadro generale
di ripartizione delle spese del piano finanziario della legge n.
433 del 31 dicembre 1991, come approvata dalla giunta della regione
Sicilia con delibera n. 145 del 4 giugno 1999, per poter finanziare
sia l’opera urgente di costruzione di un ponte provvisorio Ortigia-
Siracusa, sia l’opera di consolidamento del ponte Umberto I;
Constatato che l’importo di L.3.500.000.000, necessario e
sufficiente per la fase emergenziale, viene reperito tra le somme
previste nel quadro generale di ripartizione di cui alla legge n.
433 del 31 dicembre 1991, al punto “C”:
“Priorita’ secondarie per tutti gli obiettivi”;
Constatato che con la citata nota n. 4005 del 20 gennaio 2000 del
comune di Siracusa, il comune stesso si e’ dichiarato disponibile
ad utilizzare i fondi stanziati per altra opera all’obiettivo “D”
della legge n. 433 del 31 dicembre 1991, pari a L.5.000.000.000,
per l’intervento urgente oggetto della presente ordinanza;
Ritenuto che occorre effettuare nei tempi piu’ rapidi possibile il
collegamento provvisorio Ortigia-Siracusa;
Sentita la regione siciliana;
Ritenuto altresi’ che occorre provvedere nei tempi piu’ rapidi
possibile al consolidamento dell’attuale ponte Umberto I;
Su proposta del Sottosegretario di Stato prof. Franco Barberi;
Dispone:
Art. 1.
1. Il sindaco di Siracusa e’ nominato commissario delegato ai sensi
dell’Art. 5, comma 4, della legge 25 febbraio 1992, n. 225, per
l’attuazione degli interventi finalizzati ad eliminare lo stato di
dissesto del ponte Umberto I ed a provvedere alla realizzazione di
un collegamento provvisorio, allo scopo di garantire la
possibilita’ dei soccorsi e l’eventuale evacuazione della
popolazione dall’isola in caso di emergenza;
per l’attuazione di detti interventi si avvale delle disposizioni
di cui all’Art. 57, comma 3, della legge 23 dicembre 1998, n. 448.
2. Il commissario delegato si avvale del comune di Siracusa quale
ente attuatore.
3. I lavori del collegamento provvisorio dovranno essere intrapresi
entro 5 giorni dall’approvazione del progetto da parte del
commissario delegato e conclusi entro i successivi 20 giorni.
4. La fase progettuale ed i lavori di consolidamento del ponte
Umberto I dovranno essere finalizzati alla piu’ rapida messa in
sicurezza del ponte e riapertura dello stesso alla viabilita’, con
lo scopo di rimuovere nel piu’ breve tempo possibile il
collegamento provvisorio.
I lavori relativi al consolidamento del ponte Umberto I dovranno
essere consegnati entro 60 giorni ed ultimati entro 270 giorni,
dalla data della presente ordinanza.
5. Per la realizzazione del collegamento provvisorio il commissario
puo’ derogare a quanto previsto al secondo periodo del quarto comma
dell’Art. 14 della legge n. 61 del 30 marzo 1998. Le aree demaniali
necessarie all’esecuzione degli interventi dovranno essere concesse
e consegnate non oltre tre giorni dall’approvazione degli
interventi.
Art. 2.
1. Per l’attuazione dell’intervento il commissario delegato
provvede all’espletamento dell’incarico adottando, ove necessario,
anche provvedimenti in deroga alle seguenti norme, nel rispetto dei
principi generali dell’ordinamento giuridico:
regio decreto 18 novembre 1923, n. 2240, e successive modificazioni
ed integrazioni, articoli 3, 11 e 16;
regio decreto 23 maggio 1924, n. 827, e successive modificazioni ed
integrazioni, articoli 41 e 117;
decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 1976, n. 1076,
Art. 42;
decreto del Presidente della Repubblica 5 dicembre 1983, n. 939,
articoli 5 e 7;
decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1990, n. 299,
articoli 1, comma 2, 3 e 8, comma 3;
decreto del Presidente della Repubblica 20 aprile 1994, n. 367,
Art. 20.
legge 11 febbraio 1994, n. 109, Art. 6, comma 5, 9, 16, 17, 19, 20,
23, 24, 25, 27, 28, 29, con le modifiche introdotte dal decreto-
legge 3 aprile 1995, n. 101, convertito, con modificazioni, nella
legge 2 giugno 1995, n. 216, come definitivamente variata con la
legge n. 415 del 18 novembre 1998;
decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 402, articoli 4, 8, 13, 14,
18 e 19. Art. 3.
1. Alla copertura finanziaria degli interventi di cui al comma 1 si
provvede utilizzando le risorse nel limite di L.
3.500.000.000, che verranno messe a disposizione a valere sulla
somma complessiva di cui al punto C del quadro generale di
ripartizione della spesa nel piano finanziario della legge n. 433
del 31 dicembre 1991. La presente ordinanza sara’ pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 7 febbraio 2000 Il Ministro:
Bianco

Architetto.info