Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Disposizioni in materia di tariffazione telefonica. (Deliberazione n. ...

Disposizioni in materia di tariffazione telefonica. (Deliberazione n. 286/99).

DELIBERAZIONE 28 ottobre 1999
Disposizioni in materia di tariffazione telefonica. (Deliberazione
n. 286/99).
L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI
Nella seduta del Consiglio del 28 ottobre 1999;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante “Istituzione
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo”;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n.
156, recante “Approvazione del testo unico delle disposizioni
legislative in materia postale, di bancoposta e di
telecomunicazioni”;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 1997,
n. 318, recante “Regolamento di attuazione di direttive comunitarie
nel settore delle telecomunicazioni”;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
19 settembre 1996, recante “Tariffe del servizio radiomobile
pubblico di comunicazione analogico a 900 MHz (TACS)”;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
28 febbraio 1997, recante “Tariffe telefoniche nazionali”;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
28 febbraio 1997, recante “Tariffe telefoniche internazionali”;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
8 maggio 1997, n. 197, recante “Regolamento di servizio concernente
le norme e le condizioni di abbonamento al servizio telefonico”;
Visto il decreto del Ministro delle comunicazioni 25 novembre 1997,
recante “Suddivisione del territorio nazionale per il servizio
telefonico”;
Vista la propria delibera del 22 dicembre 1998, n. 85/98, recante
“Condizioni economiche di offerta del servizio di telefonia
vocale”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 5 gennaio
1999;
Vista la propria delibera del 16 marzo 1999, n. 10/99, recante
“Condizioni economiche delle comunicazioni fisso-mobile originate
dalla rete Telecom Italia”, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.
70 del 25 marzo 1999;
Vista la propria delibera del 25 giugno 1999, n. 101/99, recante
“Condizioni economiche di offerta del servizio di telefonia vocale
alla luce dell’evoluzione dei meccanismi concorrenziali”,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 155 del 5 luglio 1999;
Vista la propria delibera del 28 luglio 1999, n. 170/99, recante
“Introduzione della tariffa a tempo”, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale n. 193 del 18 agosto 1999;
Considerata l’opportunita’ di un primo intervento di
semplificazione regolamentare al fine di adeguare la normativa
vigente al nuovo sistema di tariffazione a tempo introdotto dalla
suddetta delibera n. 170/99;
Udita la relazione al Consiglio della dott.ssa Paola Maria
Manacorda ai sensi dell’Art. 3
2 del regolamento concernente l’organizzazione e il funzionamento
dell’Autorita’;
Delibera:

Art. 1.
1. Il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 28
febbraio 1997, recante “Tariffe telefoniche nazionali” e’
modificato come segue:
a) all’Art. 2:
1) al comma 2, l’espressione “condizioni tariffarie” e’ sostituita
dalla seguente:
“condizioni economiche”;
b) all’Art. 5:
1) il testo del comma 1 e’ sostituito dal seguente:
“Alle comunicazioni teleselettive (urbane, interurbane,
internazionali ed intercontinentali) da impianto di abbonato si
applicano i prezzi definiti secondo i criteri stabiliti nella
delibera n. 170/99 del 28 luglio 1999 dell’Autorita’ per le
garanzie nelle comunicazioni, recante “Introduzione della tariffa a
tempo .”;
2) il testo del comma 2 e’ sostituito dal seguente:
“L’addebito relativo ai consumi rilevati e relativi alle varie
tipologie di comunicazioni avviene sulla base delle norme tecniche
di omologazione dei contatori o dei dispositivi equivalenti.”;
3) il testo del comma 3 e’ sostituito dal seguente:
“In sede di emissione delle bollette, i consumi rilevati per
periodi mensili sono considerati cumulativamente in relazione al
periodo della fatturazione;
il periodo di fatturazione puo’ decorrere da qualsiasi giorno del
mese di inizio della rilevazione.”;
c) all’Art. 6:
L’espressione “condizioni tariffarie” e’ sostituita dalla seguente:
“condizioni economiche”;
d) l’Art. 7
e’ soppresso;
e) all’Art. 8
e’ aggiunto il seguente comma:
“7. Le disposizioni contenute nel presente articolo si intendono
aggiornate alla luce del decreto del Ministro delle comunicazioni
25 novembre 1997, recante “Suddivisione del territorio nazionale
per il servizio telefonico , e delle delibere dell’Autorita’ per le
garanzie nelle comunicazioni numeri 85/98 del 22 dicembre 1998,
recante “Condizioni economiche di offerta del servizio di telefonia
vocale 101/99 del 25 giugno 1999, recante “Condizioni economiche di
offerta del servizio di telefonia vocale alla luce dell’evoluzione
dei meccanismi concorrenziali e 170/99 del 28 luglio 1999, recante
“Introduzione della tariffa a tempo .”;
f) il testo dell’Art. 10
e’ sostituito dal seguente:
“Alle comunicazioni interurbane da impianto di abbonato si
applicano i prezzi definiti secondo i criteri stabiliti dalla
delibera n. 170/99 del 28 luglio 1999 dell’Autorita’ per le
garanzie nelle comunicazioni, recante “Introduzione della tariffa a
tempo .”.
Art. 2
. 1. Il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
28 febbraio 1997, recante “Tariffe telefoniche internazionali” e’
modificato come segue:
a) all’art. 1:
1) il testo del comma 1 e’ sostituito dal seguente:
“I prezzi delle conversazioni internazionali da impianto di
abbonato sono stabilite secondo i principi definiti nella delibera
n. 170/99 del 28 luglio 1999 dell’Autorita’ per le garanzie nelle
comunicazioni, recante “Introduzione della tariffa a tempo .”;
2) il testo del comma 2 e’ sostituito dal seguente:
“Per le comunicazioni in teleselezione si applica un prezzo
determinato sulla base dei consumi rilevati secondo le modalita’
previste per il traffico nazionale.”;
b) all’Art. 3:
1) il testo del comma 4 e’ sostituito dal seguente:
“L’addebito relativo ai consumi rilevati avviene sulla base delle
norme tecniche di omologazione dei contatori o dei dispositivi
equivalenti.”;
2) il testo del comma 5 e’ sostituito dal seguente:
“In sede di emissione delle bollette, i consumi rilevati per
periodi mensili sono considerati cumulativamente in relazione al
periodo della fatturazione;
il periodo di fatturazione puo’ decorrere da qualsiasi giorno del
mese di inizio della rilevazione.”.
Il presente provvedimento e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e nel Bollettino ufficiale dell’Autorita’
per le garanzie nelle comunicazioni.
Napoli, 28 ottobre 1999
Il presidente:
Cheli

Architetto.info