Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Proroga dello stato di emergenza in ordine alle situazioni di inquinam...

Proroga dello stato di emergenza in ordine alle situazioni di inquinamento del suolo, delle falde acquifere e delle acque superficiali e di dissesto idrogeologico del sottosuolo determinatasi nella regione Campania, con particolare riferimento al territorio del comune di Napoli.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
3 dicembre 1999
Proroga dello stato di emergenza in ordine alle situazioni di
inquinamento del suolo, delle falde acquifere e delle acque
superficiali e di dissesto idrogeologico del sottosuolo
determinatasi nella regione Campania, con particolare riferimento
al territorio del comune di Napoli.
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Viste le relazioni dei commissari delegati presidente della regione
Campania e sindaco di Napoli che evidenziano il protrarsi e
l’aggravamento delle situazioni di emergenza relative
all’inquinamento del suolo, delle falde acquifere e delle acque
superficiali e di dissesto idrogeologico del sottosuolo
determinatasi nella regione Campania per effetto dell’abbandono e
dell’occultamento dei rifiuti, della conformazione del sottosuolo,
della carente regimazione delle acque e della persistenza di sedimi
industriali non piu’ operativi, con particolare riferimento al
territorio del comune di Napoli;
Ritenuto che sia pertanto necessario proseguire ed intensificare
gli interventi straordinari ricorrendo nel caso di specie i
presupposti di cui all’Art. 5
, comma 1, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Vista la proposta di proroga dello stato di emergenza
precedentemente dichiarato fatta dal Ministro dell’ambiente con
nota protocollo n. 21547/ARS/M/DI/UD in data 25 novembre 1999;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata nella
riunione del 3 dicembre 1999 su proposta del Ministro dell’interno
delegato per il coordinamento della protezione civile;
Decreta:
Ai sensi e per gli effetti dell’Art. 5, comma 1, della legge 24
febbraio 1992, n. 225, e sulla base delle motivazioni riportate
nelle premesse, e’ dichiarato fino al 31 dicembre 2000 lo stato di
emergenza nella regione Campania per la bonifica dall’inquinamento
dei suoli, delle falde acquifere e delle acque superficiali e per
il risanamento idrogeologico, di consolidamento del sottosuolo e la
regimazione delle acque, con particolare riferimento al territorio
del comune di Napoli.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale delle
Repubblica italiana.
Roma, 3 dicembre 1999
Il Presidente del Consiglio dei Ministri
D’Alema
IL MINISTRO DELL’INTERNO
delegato per il coordinamento della protezione civile
Russo Jervolino

Architetto.info