Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Modifiche alla legge 23 dicembre 1997, n. 454, recante interventi per ...

Modifiche alla legge 23 dicembre 1997, n. 454, recante interventi per la ristrutturazione dell'autotrasporto e lo sviluppo dell'intermodalita'.

DECRETO-LEGGE 20 dicembre 1999, n.484
Modifiche alla legge 23 dicembre 1997, n. 454, recante interventi
per la ristrutturazione dell’autotrasporto e lo sviluppo
dell’intermodalita’.
in vigore dal: 22-12-1999
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
Visto il protocollo di intesa firmato il 30 novembre 1999 tra il
Governo ed i rappresentanti delle associazioni di categoria;
Ritenuta la straordinaria necessita’ ed urgenza di dare esecuzione
alla decisione della Commissione della Comunita’ europea del 4
maggio 1999 in merito alla legge 23 dicembre 1997, n. 454, recante
interventi per la ristrutturazione dell’autotrasporto e lo sviluppo
dell’intermodalita’;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 18 dicembre 1999;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro dei trasporti e della navigazione, di concerto con il
Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica
e con il Ministro per le politiche comunitarie;
E m a n a
il seguente decreto-legge:
Art. 1.
1. All’articolo 2 della legge 23 dicembre 1997, n. 454, sono
apportate le seguenti modificazioni:
a) il comma 1 e’ sostituito dal seguente:
” 1. Gli interventi previsti dal presente articolo sono destinati
al finanziamento agevolato delle iniziative riguardanti:
a) l’acquisizione dei programmi e delle apparecchiature
informatiche da impiegare nell’ambito delle attivita’ di formazione
di cui alla successiva lettera e);
a tali iniziative e’ riservato il 10 per cento delle risorse
previste dall’articolo 1, comma 3, lettera a);
b) la partecipazione alla realizzazione di terminals per trasporti
stradali; a tali iniziative e’ riservato il 38 per cento delle
risorse previste dall’articolo 1, comma 3, lettera a);
c) la riconversione e modifica del parco veicolare circolante,
mediante l’acquisizione di nuovi veicoli, limitatamente alla
sostituzione dei veicoli immatricolati da oltre cinque anni alla
data di entrata in vigore del presente articolo; a tali iniziative
e’ riservato il 46 per cento delle risorse previste dall’articolo
1, comma 3, lettera a);
d) interventi di adeguamento per la riduzione di emissioni
inquinanti su veicoli in disponibilita’ dell’impresa di
autotrasporto, per i quali puo’ essere concesso un contributo fino
al 25 per cento del costo totale documentato dalle aziende
interessate;
a tali iniziative e’ riservato il 4 per cento delle risorse
previste dall’articolo 1, comma 3, lettera a);
e) la formazione professionale degli operatori e dei loro
dipendenti, anche utilizzando a tale scopo le risorse attivabili
mediante il cofinanziamento dell’Unione europea; a tali iniziative
e’ riservato il 2 per cento delle risorse previste dall’articolo 1,
comma 3, letera a).”;
b) al comma 2 le parole: “nel triennio 1997-1999” sono sostituite
dalle seguenti: “o avviate a realizzazione nel quadriennio 1998-
2001″;
c) al comma 2, la lettera b) e’ sostituita dalla seguente:
” b) per le operazioni di cui al comma 1, lettera b), mutui
decennali fino al 60 per cento dell’investimento nel limite massimo
di lire un miliardo;”;
d) al comma 2, lettera d), dopo le parole: “spese documentate.”
sono inserite le seguenti: “fino al 25 per cento del costo
totale.”;
e) al comma 3, le parole: “lettere a) , b) e c)” sono sostituite
dalle seguenti: “lettere a) e c)”;
f) al comma 4, la lettera e) e’ abrogata;
g) il comma 6, e’ abrogato.
2. All’articolo 3 della legge n. 454 del 1997 sono abrogati i commi
6, 7, 8 e 9.
3. All’articolo 10 della legge n. 454 del 1997, sono apportate le
seguenti modificazioni:
a) al comma 1 le parole da “di cui all’articolo 2” a “citato comma
100.” sono sostituite dalle seguenti: “di cui al decreto
legislativo 1 settembre 1993, n. 385, quali contributi pari alla
rata di ammortamento per capitali e interessi a fronte di mutui o
altre operazioni finanziarie attivate dai soggetti stessi con
separata evidenza contabile. La scelta dei predetti soggetti e’
effettuata ai sensi della vigente normativa in materia di appalti
pubblici di servizi e nelle relative convenzioni sono disciplinate
le modalita’ di istruttoria delle domande diammissione ai benefici,
quelle per l’erogazione dei benefici stessi, nonche’ per la
rendicontazione da parte delle imprese beneficiarie.”;
b) dopo il comma 4 e’ inserito il seguente:
“4-bis. Con decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione,
di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica, sentito il Comitato di cui all’articolo
8, puo’ essere mutata la destinazione delle risorse finanziarie di
cui all’articolo 1, nell’ambito delle finalita’ stabilite dalla
presente legge, in caso di mancata utilizzazione delle risorse
medesime per gli obiettivi di spesa originariamente previsti.”.
4. Le convenzioni gia’ stipulate con i soggetti di cui all’articolo
2, comma 100, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, sono risolte,
salvi gli effetti dei procedimenti gia’ conclusi, ancorche’ non si
sia proceduto alla materiale erogazione delle somme spettanti ai
beneficiari.
Art. 2.
1. Le somme iscritte sul capitolo di spesa 1586 del Ministero dei
trasporti e della navigazione UPB 2.1.1.0, destinate al
funzionamento dei comitati per l’Albo degli autotrasportatori, non
utilizzate al termine dell’esercizio finanziario 1999, sono
mantenute in bilancio per l’esercizio finanziario 2000.
Art. 3.
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e sara’ presentato alle Camere per la
conversione in legge.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di
farlo osservare.
Dato a Roma, addi’ 20 dicembre 1999
CIAMPI
D’Alema, Presidente del Consiglio
dei Ministri
Treu, Ministro dei trasporti e
della navigazione
Amato, Ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione
economica
Letta, Ministro per le politiche
comunitarie
Visto, il Guardasigilli:
Diliberto

Architetto.info