Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Dichiarazione dell'esistenza del carattere di eccezionalita' degli eve...

Dichiarazione dell'esistenza del carattere di eccezionalita' degli eventi calamitosi verificatisi nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani. (GU n. 306 del 31-12-1999)

MINISTERO PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI
E FORESTALI
DECRETO 13 dicembre 1999
Dichiarazione dell’esistenza del carattere di eccezionalita’ degli
eventi calamitosi verificatisi nelle province di Agrigento,
Caltanissetta, Catania, Enna, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani.
(GU n. 306 del 31-12-1999)
IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI
Visto l’art. 70 del decreto del Presidente della Repubblica del 24
luglio 1977, n. 616, concernente il trasferimento alle regioni
delle funzioni amministrative relative agli interventi conseguenti
a calamita’ naturali o avversita’ atmosferiche di carattere
eccezionale;
Visto l’art. 14 della legge 15 ottobre 1981, n. 590, che estende
alle regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento
e Bolzano l’applicazione dell’art. 70 del decreto del Presidente
della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, nonche’ le disposizioni
della stessa legge n. 590/1981;
Visto il decreto legislativo 4 giugno 1997, n. 143, concernente il
conferimento alle regioni delle funzioni amministrative in materia
di agricoltura e pesca, nonche’ la riorganizzazione
dell’amministrazione centrale;
Vista la legge 14 febbraio 1992, n. 185, concernente la nuova
disciplina del Fondo di solidarieta’ nazionale;
Visto l’art. 2 della legge 18 luglio 1996, n. 380, di conversione
del decreto-legge 17 maggio 1996, n. 273, che estende gli
interventi compensativi del Fondo alle produzioni non assicurate
ancorche’ assicurabili;
Visto l’art. 2, comma 2 della legge 14 febbraio 1992, n. 185, che
demanda al Ministro delle politiche agricole e forestali la
dichiarazione dell’esistenza di eccezionale calamita’ o avversita’
atmosferica, attraverso l’individuazione dei territori danneggiati
e le provvidenze da concedere sulla base delle specifiche richieste
da parte delle regioni e province autonome;
Vista la richiesta di declaratoria della regione Sicilia degli
eventi calamitosi di seguito indicati, per l’applicazione nei
territori danneggiati delle provvidenze del Fondo di solidarieta’
nazionale:
siccita’ dal 1° settembre 1998 al 15 ottobre 1998 nelle province di
Siracusa, Enna, Ragusa, Catania, Agrigento, Palermo, Caltanissetta;
venti sciroccali dal 9 agosto 1999 al 22 agosto 1999 nella
provincia di Trapani;
eruzione vulcanica del 4 settembre 1999 nella provincia di Catania;
grandinate 7 settembre 1999 nella provincia di Catania;
Accertata l’esistenza del carattere eccezionale degli eventi
calamitosi segnalati, per effetti dei danni alle produzioni,
strutture aziendali;
Decreta:
E’ dichiarata l’esistenza del carattere eccezionale degli eventi
calamitosi elencati a fianco delle sottoindicate province per
effetto dei danni alle produzioni, strutture aziendali nei
sottoelencati territori agricoli, in cui possono trovare
applicazione le specificate provvidenze della legge 14 febbraio
1992, n. 185:
Agrigento:
siccita’ dal 1° ottobre 1998 al 30 settembre 1999 – provvidenze di
cui all’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), nell’intero territorio
provinciale;
Caltanissetta:
siccita’ dal 1° gennaio 1999 al 30 agosto 1999 – provvidenze di cui
all’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), nel territorio dei comuni
di Acquaviva Platani, Bompensiere, Butera, Caltanissetta,
Campofranco, Delia, Gela, Marianopoli, Mazzarino, Milena,
Montedoro, Mussomeli, Niscemi, Resuttano, Riesi, San Cataldo, Santa
Caterina Villarmosa, Serradifalco, Sommatino, Sutera, Vallelunga
Pratameno, Villalba;
Catania:
siccita’ dal 1° gennaio 1999 al 30 settembre 1999 – provvidenze di
cui all’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), nel territorio dei
comuni di Aci Sant’Antonio, Acireale Adrano, Belpasso, Biancavilla,
Bronte, Calatabiano, Caltagirone, Castel di Iudica, Castiglione di
Sicilia, Catania, Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Licodia Eubea,
Linguaglossa, Maletto, Maniace, Mascali, Mazzarrone, Militello in
Val di Catania, Milo, Mineo, Mirabella Imbaccari , Misterbianco,
Motta Santanastasia, Nicolosi, Palagonia, Paterno’, Pedara,
Piedimonte Etneo, Raddusa, Ramacca, Randazzo, Riposto, San Cono,
San Michele di Ganzaria, Sant’Alfio, Santa Maria di Licodia, Santa
Venerina, Scordia, Trecastagni, Viagrande, Vizzini, Zafferana Etna;
eruzione vulcanica del 4 settembre 1999 – provvidenze di cui
all’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), e), nel territorio dei
comuni di Giarre, Mascali, Milo, Riposto, Sant’Alfio;
grandinate del 7 settembre 1999 – provvedenze di cui all’art. 3,
comma 2, lettere b), c), d), nel territorio dei comuni di
Palagonia, Ramacci;
Enna:
siccita’ dal 1° marzo 1999 al 30 giugno 1999 – provvidenze di cui
all’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), nel territorio dei comuni
di Agira, Aidone, Assoro, Barra-Franca, Calascibetta, Catenanuova,
Centuripe, Cerami, Enna, Gagliano Castelferrato, Leonforte,
Nicosia, Nissoria, Piazza Armerina, Pietraperzia, Regalbuto,
Sperlinga, Troina, Valguarnera Caropepe, Villarosa;
Palermo:
siccita’ dal 1° aprile 1999 al 15 ottobre 1999 – provvidenze di cui
all’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), f), g), nel territorio dei
comuni di Alia, Alimena, Aliminusa, Altavilla Milicia, Altofonte,
Bagheria, Baucina, Belmonte Mezzagno, Bisacquino, Blufi,
Bolognetta, Bompietro, Borgetto, Caccamo, Caltavuturo, Campofelice
di Fitalia, Campofelice di Roccella, Campofiorito, Camporeale,
Capaci, Carini, Castelbuono, Casteldaccia, Castellana Sicula,
Castronuovo di Sicilia, Cefala’ Diana, Cefalu’, Cerda, Chiusa
Sclafani, Ciminna, Cinisi, Collesano, Contessa Entellina, Corleone,
Gangi, Geraci Siculo, Giardinello, Giuliana, Godrano, Gratteri,
Isnello, Lascari, Lercara Friddi, Marineo, Mezzojuso, Misilmeri,
Monreale, Montelepre, Montemaggiore Belsito, Palazzo Adriano,
Partinico, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Piana degli
Albanesi, Polizzi Generosa, Pollina, Prizzi, Roccamena,
Roccapalumba, San Cipirello, San Giuseppe Iato, San Mauro
Castelverde, Santa Cristina Gela, Santa Flavia, Sciara, Scillato,
Sclafani Bagni, Termini Imerese, Terrasini, Torretta, Trabia,
Ustica, Valledolmo, Ventimiglia di Sicilia, Vicari, Villafrati;
Ragusa:
siccita’ dal 1° marzo 1999 al 30 giugno 1999 – provvidenze di cui
dell’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), nel territorio dei comuni
di Acate, Chiaramonte Gulfi, Comiso, Giarratana, Ispica, Modica,
Monterosso Almo, Pozzallo, Ragusa, Santa Croce Camerina, Scicli,
Vittoria;
Siracusa:
siccita’ dal 1° settembre 1998 al 30 giugno 1999 – provvidenze di
cui all’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), nell’intero territorio
provinciale;
Trapani:
venti sciroccali dal 9 agosto 1999 al 22 agosto 1999 – provvidenze
di cui all’art. 3, comma 2, lettere b), c), d), nel territorio dei
comuni di Alcamo, Buseto Palizzolo, Cala”tafimi, Castellammare del
Golfo, Castelvetrano, Custonaci, Erice, Gibellina, Marsala, Mazara
del Vallo, Paceco, Partanna, Petrosino, Poggioreale, Salaparuta,
Trapani, Valderice.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 13 dicembre 1999
Il Ministro:
De Castro

Architetto.info