Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Adozione di disposizioni urgenti concernenti i criteri per la negoziaz...

Adozione di disposizioni urgenti concernenti i criteri per la negoziazione dei prezzi di cessione del gas naturale sottoposti al regime di sorveglianza e per la modificazione delle tariffe del servizio di distribuzione del gas naturale a mezzo di reti urbane. (Deliberazione n. 193/99). (GU n. 303 del 28-12-1999)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
DELIBERAZIONE 22 dicembre 1999
Adozione di disposizioni urgenti concernenti i criteri per la
negoziazione dei prezzi di cessione del gas naturale sottoposti al
regime di sorveglianza e per la modificazione delle tariffe del
servizio di distribuzione del gas naturale a mezzo di reti urbane.
(Deliberazione n. 193/99). (GU n. 303 del 28-12-1999) L’AUTORITA’
PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 22 dicembre 1999;
Premesso che:
ai sensi dell’art. 2, comma 14, della legge 14 novembre 1995, n.
481 (di seguito: legge n. 481/1995) devono intendersi trasferite
all’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas (di seguito:
autorita’) tutte le funzioni amministrative esercitate da organi
statali e da altri enti e amministrazioni pubbliche, anche a
ordinamento autonomo, relative alle sue attribuzioni;
ai sensi dell’art. 3, comma 1, della legge n. 481/1995, sono in
particolare trasferite all’autorita’ le funzioni in materia di
energia elettrica e gas attribuite dall’art. 5, comma 2, lettera
b), del decreto del Presidente della Repubblica 20 aprile 1994, n.
373, al Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato;
tra le suddette funzioni rientrano quelle in materia di controllo
dei prezzi di cessione del gas naturale come previste dalle
delibere del Comitato interministeriale della programmazione
economica (di seguito: CIPE) 26 giugno 1974 e 20 settembre 1974;
alcune associazioni di categoria hanno segnalato all’autorita’ che
i prezzi del gas naturale in Italia, al netto delle tasse, sono in
media superiori a quelli praticati negli altri Stati membri
dell’Unione europea;
i prezzi del petrolio e dei suoi derivati hanno subito nel corso
del 1999 un forte rialzo e le tariffe, per la parte relativa al
costo della materia prima, nel servizio di distribuzione dei gas a
mezzo di reti urbane, sono indicizzate a tali prezzi ai sensi della
deliberazione dell’autorita’ 22 aprile 1999, n. 52/1999, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale – serie generale, n. 100 del 30 aprile
1999 (di seguito: delibera n. 52/99);
Visti il decreto legislativo luogotenenziale 19 ottobre 1944, n.
347, il decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 22
aprile 1947, n. 283, e il decreto del Presidente della Repubblica
30 marzo 1968, n. 626;
Vista la direttiva 98/30/CE del Parlamento europeo e del Consiglio
del 22 giugno 1998 relativa a norme comuni per il mercato interno
del gas naturale, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle
Comunita’ europee, L 204 del 21 luglio 1998;
Viste le delibere del CIPE 26 giugno 1974 e 20 settembre 1974, con
cui si prevede che il gas (industriale, naturale e tecnico)
distribuito a mezzo di reti urbane per usi domestici, artigianali
ed industriali sia sottoposto al regime dei prezzi amministrati e
che i prezzi di cessione del gas naturale siano sottoposti al
regime dei prezzi sorvegliati;
Visto il provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi 23
dicembre 1993, n. 16/1993, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 303 del 28 dicembre 1993, come modificato dal
decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 4 agosto 1994, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale, – serie generale – n. 184 dell’8 agosto 1994 e dal
decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 19 novembre 1996, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 300 del 23 dicembre 1996;
Visto l’art. 5 del regolamento recante disposizioni generali in
materia di svolgimento dei procedimenti per la formazione delle
decisioni di competenza dell’Autorita’, approvato dalla medesima
Autorita’ con delibera 20 maggio 1997, n. 61/97;
Viste la delibera dell’Autorita’ 23 aprile 1998, n. 40/98, che ha
avviato il procedimento per la formazione del provvedimento in
materia di fissazione e aggiornamento, in relazione all’andamento
del mercato, delle tariffe del gas come previsto dall’art. 2, comma
12, lettera e), della legge n. 481/1995 e la deliberazione
dell’Autorita’ 22 aprile 1999, n. 52/99 pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 100 del 30 aprile 1999 che ha
definito i criteri per l’indicizzazione delle tariffe nel servizio
di distribuzione dei gas a mezzo di reti urbane, per la parte
relativa al costo della materia prima;
Considerato che:
con delibera 28 ottobre 1999, n. 164/99, l’Autorita’ ha richiesto
informazioni e documenti in materia di reti e infrastrutture del
gas naturale alla Snam S.p.a., alla Edison S.p.a. e alla Sgm S.p.a.
anche per definire le condizioni tecnico-economiche di accesso e di
interconnessione alle reti del gas ai sensi dell’art. 2, comma 12,
lettera d), della legge n. 481/1995;
i dati e le informazioni sui servizi di pubblica utilita’ nel
settore del gas sinora acquisiti dall’Autorita’, anche ai sensi
dell’art. 2, comma 22, della legge n. 481/1995, hanno consentito di
stimare che i costi relativi alle attivita’ di trasporto,
stoccaggio, bilanciamento e vendita in alta pressione, comprensivi
di un’equa remunerazione del capitale investito e del rischio
commerciale, siano inferiori ai prezzi medi del gas naturale
praticati nel 1998 per le medesime attivita’ e che il divario tra i
prezzi di cessione del gas naturale per la parte che si riferisce
alle attivita’ di trasporto, stoccaggio, bilanciamento e vendita in
alta pressione, relativamente al servizio di distribuzione a mezzo
di reti urbane, e i relativi costi non sia inferiore al dodici per
cento;
Considerato che in ragione della mancata aderenza ai costi di
fornitura, i prezzi di cessione del gas naturale non rispondono ai
criteri di cui alla delibera del CIPE 20 settembre 1974, in quanto:
comportano distorsioni rispetto agli utilizzatori di prodotti
petroliferi, che possono avvalersi di condizioni concorrenziali
dell’offerta, ed ai clienti idonei del mercato dell’energia
elettrica, che possono avvalersi di condizioni dell’offerta
tendenzialmente concorrenziali;
non sono compatibili con i principi seguiti per i prodotti
energetici assoggettati alla disciplina amministrativa dei prezzi,
quali l’energia elettrica i cui prezzi, a partire dal 1° gennaio
2000, saranno regolamentati dall’Autorita’ secondo criteri di
aderenza ai costi;
Considerato che il rialzo del prezzo del petrolio e dei suoi
derivati comporta aumenti delle tariffe del servizio di
distribuzione dei gas a mezzo di reti urbane provocando, tra
l’altro, una riduzione del potere di acquisto dei ceti meno
abbienti, la cui salvaguardia e’ uno dei criteri stabiliti dalla
delibera del CIPE 20 settembre 1974;
Ritenuto conseguentemente che per i sopraddetti motivi sia urgente
ridurre del dodici per cento, nelle tariffe del gas naturale
distribuito a mezzo di reti urbane, la parte della componente
materia prima che si riferisce ai costi di trasporto,
bilanciamento, stoccaggio e vendita in alta pressione al fine di
tutelare gli interessi di utenti e consumatori e di attenuare gli
effetti provocati dal rialzo dei prezzi dei prodotti petroliferi;
Ritenuto che sia altresi’ necessario con riferimento ai prezzi di
cessione del gas naturale sottoposti al regime di sorveglianza dei
prezzi ai sensi della delibera del CIPE 20 settembre 1974 e al fine
di assicurare la compatibilita’ con le politiche seguite per i
prodotti assoggettati al regime di amministrazione dei prezzi:
prevedere che la negoziazione debba portare alla definizione di
prezzi di cessione del gas naturale aderenti ai costi delle
attivita di trasporto, bilanciamento, stoccaggio e vendita in alta
pressione;
prevedere che i criteri di indicizzazione per i prezzi di cessione
del gas naturale sottoposti al regime di sorveglianza siano
compatibili con quelli relativi all’indicizzazione delle tariffe
per il gas distribuito a mezzo di reti urbane;
Delibera:
Art. 1.
Modificazione delle tariffe per la parte della componente materia
prima che si riferisce ai costi di trasporto, stoccaggio,
bilanciamento e vendita in alta pressione relativamente al servizio
di distribuzione del gas naturale a mezzo di reti urbane.
1.1 A decorrere dal 1° gennaio 2000, le tariffe del gas naturale
distribuito a mezzo di reti urbane sono ridotte di 23,7 L/mc, per
la parte relativa alla componente di costo materia prima Qm, come
definita dal decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 19 novembre 1996.
1.2 Qualora il potere calorifico superiore (PCS) del gas
distribuito a mezzo di reti urbane si discosti di oltre il 5 per
cento in piu’ o in meno rispetto al valore di riferimento, assunto
uguale a 9200 kcal/mc standard, la riduzione delle tariffe (Delta)T
e’ pari a:

PCS
(Delta)T = 23,7 x —- (L/mc)
9200

1.3 Le tariffe cosi’ determinate sono soggette a indicizzazione ai
sensi dell’art. 1 della deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas 22 aprile 1999, n. 52/99.
Art. 2.
Criteri per la negoziazione dei prezzi di cessione del gas naturale
sottoposti a regime di sorveglianza
2.1 l prezzi di cessione del gas naturale sottoposti a regime di
sorveglianza devono essere aderenti ai costi delle attivita’ di
trasporto, stoccaggio, bilanciamento e vendita in alta pressione, e
devono consentire un’equa remunerazione del capitale investito e
del rischio commerciale, tenendo conto dei criteri utilizzati per
le modifiche tariffarie di cui al precedente art. 1, nonche’ dei
criteri per l’indicizzazione delle tariffe del servizio di
distribuzione dei gas a mezzo di reti urbane, adottati
dall’Autorita’ per l’…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info