Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Definizione dell'obbligo di comunicazione di dati ai sensi dell'art. 8...

Definizione dell'obbligo di comunicazione di dati ai sensi dell'art. 8, comma 8, della deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 11 maggio 1999, n. 61, da parte delle imprese distributrici di energia elettrica. (Deliberazione n. 149/99).

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
DELIBERAZIONE 14 ottobre 1999
Definizione dell’obbligo di comunicazione di dati ai sensi
dell’art. 8, comma 8, della deliberazione dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas 11 maggio 1999, n. 61, da parte delle
imprese distributrici di energia elettrica. (Deliberazione n.
149/99).
(GU n. 262 del 8-11-1999)
L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione del 14
ottobre 1999, premesso che: l’art. 8, comma 8, della deliberazione
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas (di seguito:
l’Autorita’) 11 maggio 1999, n. 61/99 pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 164 del 15 luglio 1999 (di seguito:
deliberazione n. 61/99) prevede che: “I soggetti giuridici sono
tenuti a rendere disponibili all’Autorita’ ogni anno, sulla base di
un modello predisposto da parte della stessa Autorita’ entro il 30
settembre dell’anno precedente a quello di riferimento, dati per
provincia o per altra area geografica e per categoria di utenza,
relativi a: a) consistenza degli impianti e delle infrastrutture;
b) costi diretti; c) ricavi.”; i dati suddetti sono necessari anche
ai fini della rilevazione della qualita’ dei servizi di
distribuzione e di vendita dell’energia elettrica;
Visti: la legge n. 481/1995, recante norme per la concorrenza e la
regolazione dei servizi di pubblica utilita’, e in particolare
l’art. 2, comma 20, lettera a); il decreto legislativo 16 maggio
1999, n. 79, di attuazione della direttiva 96/92/CE recante norme
comuni per il mercato interno dell’energia elettrica; Visti: la
deliberazione n. 61/99 dell’Autorita’, recante direttiva per le
separazioni contabile e amministrativa per i soggetti giuridici che
operano nel settore dell’energia elettrica e relativi obblighi di
pubblicazione e comunicazione; la deliberazione dell’Autorita’ 1
settembre 1999, n. 128/99, recante definizione di obblighi di
registrazione delle interruzioni del servizio di distribuzione
dell’energia elettrica e di indicatori di continuita’ del servizio;
Ritenuto che la dimensione geografica minima necessaria per
garantire la confrontabilita’ dei dati di cui all’art. 8, comma 8,
della deliberazione n. 61/99, relativamente alle attivita’ di
distribuzione e di vendita, tra le imprese distributrici di energia
elettrica sia con riferimento ai dati contabili di cui alle lettere
a) e b), la provincia per le reti alimentate in media e bassa
tensione e la regione per le reti alimentate in alta tensione e con
riferimento agli altri dati di cui alla lettera a) e ai ricavi di
cui alla lettera c), la provincia. Ritenuto che sia necessario
richiedere anche informazioni statistiche relative alla domanda di
energia elettrica e di potenza, nonche’ alla consistenza dei
clienti finali, sia idonei che vincolati, poiche’ funzionali al
calcolo dei ricavi delle vendite di energia elettrica;
Delibera:
Art. 1. Definizioni 1. Ai fini del presente provvedimento si
applicano le seguenti definizioni: a) Autorita’: e’ l’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas, istituita ai sensi della legge 14
novembre 1995, n. 481; b) Aree territoriali ad alta, media e bassa
concentrazione: sono le aree territoriali come definite dall’art. 4
della deliberazione dell’Autorita’ 1 settembre 1999, n. 128/99; c)
Distribuzione: e l’attivita’ come definita dall’art. 4, comma 6,
della deliberazione dell’Autorita’ 11 maggio 1999, n. 61/99; d)
Vendita: e’ l’attivita’ come definita dall’art. 4, comma 7, della
deliberazione dell’Autorita’ 11 maggio 1999, n. 61/99; e) Categoria
di utenza: e’ l’insieme di clienti vincolati a cui si applica la
stessa tariffa o la stessa opzione tariffaria; f) Alta tensione
(AT): e’ la tensione nominale tra le fasi superiore a 35 kV e
inferiore o uguale a 150 kV; g) Altissima tensione (AAT): e’ la
tensione nominale tra le fasi superiore a 150 kV; h) Media tensione
(MT): e’ la tensione nominale tra le fasi superiore a 1 kV e
inferiore o uguale a 35 kV; i) Bassa tensione (BT): e’ la tensione
nominale tra le fasi inferiore o uguale a 1 kV.
Art. 2. Ambito di applicazione 1. La presente delibera si applica
alle imprese distributrici di energia elettrica di cui all’art. 9,
comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79.
Art. 3. Adempimento dell’obbligo di comunicazione di dati mediante
il modello di cui all’art. 8, comma 8, della deliberazione
dell’Autorita’ 11 maggio 1999, n. 61/99. 1. Il modello di cui
all’art. 8, comma 8, della deliberazione dell’Autorita’ 11 maggio
1999, n. 61, con riferimento all’anno 2000 deve contenere: a) il
valore patrimoniale degli impianti e delle infrastrutture di
distribuzione in AT distinti per regione; b) il valore patrimoniale
degli impianti e delle infrastrutture di distribuzione in MT e BT
distinti per provincia; c) il valore patrimoniale degli impianti e
delle infrastrutture relativi all’attivita’ di vendita distinti per
provincia; d) le caratteristiche tecniche degli impianti e delle
infrastrutture di distribuzione distinti per provincia; e) le
caratteristiche tecniche degli impianti e delle infrastrutture
relativi all’attivita’ di vendita distinti per provincia; f) i
costi operativi direttamente attribuibili agli impianti e alle
infrastrutture di distribuzione in AT distinti per regione; g) i
costi operativi direttamente attribuibili agli impianti e alle
infrastrutture di distribuzione in MT e BT distinti per provincia;
h) i costi operativi direttamente attribuibili all’attivita’ di
vendita distinti per provincia; i) i ricavi delle vendite di
energia elettrica a clienti finali, separati in clienti idonei e
vincolati, e a distributori, i contributi di allacciamento e i
diritti fissi distinti per provincia; j) i ricavi delle vendite di
energia elettrica a clienti vincolati allacciati MT e BT, distinti
per categoria di utenza, per aree territoriali ad alta, media e
bassa concentrazione e per provincia; k) i ricavi delle vendite di
energia elettrica a clienti vincolati allacciati in AT e AAT,
distinti per categoria di utenza e per provincia; l) le
informazioni statistiche relative alla domanda di energia elettrica
e di potenza e alla consistenza dei clienti finali, separati in
clienti idonei e vincolati, serviti dall’impresa allacciati in MT e
BT, distinti per categoria di utenza, per aree territoriali ad
alta, media e bassa concentrazione e per provincia; m) le
informazioni statistiche relative alla domanda di energia elettrica
e di potenza e alla consistenza dei clienti finali, separati in
clienti idonei e vincolati, serviti dall’impresa allacciati in AT e
AAT, distinti per categoria di utenza e per provincia. 2. Le
regioni e le province di cui al precedente comma 1 sono quelle
definite dalla ripartizione del territorio italiano quale
risultante alla data del 31 dicembre 1998. 3. I dati contabili di
cui al comma 1, lettere a), b) e c) comprendono il valore lordo
delle immobilizzazioni materiali, il fondo di ammortamento
calcolato sulla base delle aliquote economicotecniche e il fondo di
ammortamento calcolato sulla base delle aliquote fiscali e
finanziarie delle linee AT, delle stazioni di trasformazione AT/MT,
delle linee MT, delle stazioni di trasformazione MT/BT, delle linee
BT, degli impianti di teleconduzione e degli apparecchi di misura.
4. I dati contabili di cui al comma 1, lettere f), g) e h) si
riferiscono alla voce B) “Costi della produzione” dello schema dei
conti economici annuali delle attivita’ di distribuzione e di
vendita ripartite per comparti, di cui all’allegato 3 della
deliberazione dell’Autorita’ 11 maggio 1999, n. 61/99, non
comprendendovi le attribuzioni dei costi dei servizi comuni di cui
all’art. 9 della medesima deliberazione. 5. Le caratteristiche
tecniche di cui al comma 1, lettere d) ed e) si riferiscono ai dati
fisici relativi agli impianti e alle infrastrutture delle attivita’
di distribuzione e di vendita, ivi inclusi i chilometri di linee e
il numero delle stazioni di trasformazione. 6. I ricavi delle
vendite di energia elettrica di cui al comma 1, lettere i), j) e k)
si riferiscono alla voce A1) “Ricavi delle vendite e delle
prestazioni” dello schema dei conti economici annuali delle
attivita’ di distribuzione e di vendita ripartite per comparti di
cui all’allegato 3 della deliberazione dell’Autorita’ 11 maggio
1999, n. 61/99. 7. La comunicazione all’Autorita’ dei dati di cui
al presente articolo dovra’ essere effettuata per mezzo di appositi
formulari che la medesima Autorita’ provvedera’ a pubblicare entro
il 30 giugno 2000. Con gli stessi formulari verranno fissate le
date entro cui le imprese distributrici sono tenute all’adempimento
dell’obbligo.
Art. 4. Disposizioni finali Il presente provvedimento viene
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana ed
entra in vigore dalla data di pubblicazione. Milano, 14 ottobre
1999 Il presidente: Ranci

Architetto.info