Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Documento di lineeguida per la sicurezza e la salute dei lavoratori es...

Documento di lineeguida per la sicurezza e la salute dei lavoratori esposti a chemioterapici antiblastici in ambiente sanitario. (Repertorio atti n. 736).

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE
PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO
PROVVEDIMENTO 5 agosto 1999
Documento di lineeguida per la sicurezza e la salute dei lavoratori
esposti a chemioterapici antiblastici in ambiente sanitario.
(Repertorio atti n. 736).
LA CONFERENZA PERMANENTE
per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di
Trento e Bolzano
Visto l’art. 2, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 28
agosto 1997, n. 281, che attribuisce a questa Conferenza il compito
di promuovere e sancire accordi, secondo quanto disposto dall’art.
4 del medesimo decreto;
Visto l’art. 4 del predetto decreto legislativo, nel quale si
prevede che in questa Conferenza Governo, regioni e province
autonome, in attuazione del principio di leale collaborazione,
possano concludere accordi al fine di coordinare l’esercizio delle
rispettive competenze per svolgere attivita’ di interesse comune;
Visto il documento di lineeguida in oggetto, trasmesso dal
Ministero della sanita’ il 12 maggio 1999;
Considerato che in sede tecnica Statoregioni, il 9 giugno 1999, i
rappresentanti regionali, pur esprimendo una valutazione
complessivamente positiva sul documento in esame, hanno rilevato
l’opportunita’ di un incontro con i tecnici dell’ISPELS, al fine di
approfondire e chiarire alcuni aspetti specificamente tecnici dello
stesso e che il rappresentante del Ministero della sanita’ ha
accolto la richiesta;
Visto il documento di lineeguida in questione, trasmesso nuovamente
dal Ministero della sanita’, il 13 luglio 1999, nella stesura
modificata a seguito di quanto concordato con i rappresentanti
regionali nel predetto incontro, tenutosi presso il Ministero della
sanita’ il 7 luglio 1999;
Vista la nota del 13 luglio 1999, pervenuta dal coordinamento
interregionale, nella quale le regioni esprimono avviso favorevole
sul documento di linee guida nel testo trasmesso il 13 luglio 1999
dal Ministero della sanita’;
Acquisito l’assenso del Governo e dei presidenti delle regioni e
province autonome, espresso nel corso dell’odierna seduta di questa
Conferenza;
Sancisce
il seguente accordo nei termini sottoindicati:
Il Ministro della sanita’, le regioni e le province autonome di
Trento e Bolzano
convengono che:
tra gli obiettivi indicati nel Piano sanitario nazionale 1998-2000
si collocano gli interventi atti a migliorare la sicurezza delle
strutture sanitarie pubbliche e private, nel rispetto delle
disposizioni di prevenzione previste dai decreti legislativi 19
settembre 1994, n. 626, e 19 marzo 1996, n. 242;
uno dei rischi rilevanti per la salute dei lavoratori in ambiente
sanitario e’ quello derivante dall’esposizione ai chemioterapici
antiblastici;
vengano forniti, tramite linee guida, alla luce delle attuali
conoscenze scientifiche, gli indirizzi relativi alla valutazione
della esposizione, alla sorveglianza sanitaria, alle misure di
prevenzione, alle modalita’ operative, ai carichi lavorativi, alla
suscettibilita’ individuale, utili alla prevenzione del rischio
medesimo, considerata la possibile cancerogenicita’ di alcuni
farmaci
antiblastici;
il potenziale assorbimento, dovuto alla esposizione a
chemioterapici antiblastici, possa essere sensibilmente ridotto
adottando specifiche misure preventive;
concordano:
sulla necessita’ di centralizzare le strutture e le attivita’, al
fine di garantire un adeguato sistema di protezione per i soggetti
che impiegano professionalmente chemioterapici antiblastici in
ambiente sanitario;
sull’opportuna di istituire una specifica “Unita’ farmaci
antitumorali”, ai cui componenti affidare l’intero ciclo
lavorativo:
preparazione, trasporto, somministrazione, smaltimento,
eliminazione degli escreti contaminati, manutenzione degli
impianti;
sulla necessita’ che, al fine di ridurre al minimo i tempi
necessari all’attuazione delle linee guida, le misure previste
debbano essere realizzate entro tre anni dalla data di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
del documento di linee guida, che allegato al presente atto, ne
costituisce parte integrante.
Roma, 5 agosto 1999
Il Presidente
Belillo
Il segretario
Carpani
* Allegato
* Allegato 1

Architetto.info