Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Fissazione degli standard di qualita' dei servizi ferroviari di media ...

Fissazione degli standard di qualita' dei servizi ferroviari di media e lunga percorrenza.

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE
Vista la deliberazione n. 173 del 5 novembre 1999 con la quale il
CIPE, in attuazione degli indirizzi stabiliti con precedente
deliberazione del 24 aprile 1996, ha previsto un adeguamento delle
tariffe del trasporto viaggiatori della Ferrovie dello Stato
S.p.a., successivamente definita F.S. S.p.a., sulla media-lunga
percorrenza e un meccanismo di revisione dello stesso sistema
tariffario, nell’ambito temporale 2000-2003;
Considerato che il nuovo sistema tariffario, basato sulla
metodologia del “price-cap”, nel postulare un maggiore orientamento
al mercato e, nella prospettiva di acquisire quote maggiori di
traffico, nonche’, nel perseguire l’obiettivo di una maggiore
tutela degli utenti, prevede aumenti tariffari necessariamente
connessi al miglioramento della qualita’ complessiva del servizio;
Considerata la procedura individuata dall’art. 3 della citata
deliberazione CIPE 173/1999 sulla determinazione degli standard di
qualita’ del servizio e degli obiettivi di miglioramento della
qualita’ stessa, nonche’ sul monitoraggio e successiva verifica dei
risultati di esercizio, alla quale restano condizionate le
variazioni annuali di prezzo;
Tenuto conto, in particolare che, ai sensi dell’art. 3, punto
3.1.2. della citata deliberazione CIPE 173/1999, nella
determinazione degli standard di qualita’ si deve tener conto dei
parametri e degli standard stabiliti nella carta dei servizi F.S.
S.p.a. con particolare riferimento a:
a) velocita’ commerciale, da considerare sia per le singole
tipologie di servizi, che globalmente;
b) puntualita’, da considerare sia per le singole tipologie di
servizi, che globalmente;
c) eta’ media del materiale rotabile;
d) quantita’ dei punti vendita informatizzati;
Tenuto conto che, ai sensi del citato art. 3, punto 3.1.2., per
l’anno 2000 la fissazione degli obiettivi di miglioramento e’
prevista entro il 30 aprile 2000 e la relativa verifica entro il 31
ottobre 2000, contestualmente alla fissazione degli obiettivi
qualitativi per l’anno 2001;
Considerato che le particolari condizioni stabilite per la
fissazione degli standard e per la successiva verifica nell’anno
2000 limitano, per tale anno le possibilita’ di estensione del
numero e del livello di dettaglio dei fattori e degli indicatori di
qualita’;
Vista la nota n. 1384 del 20 aprile 2000, recante la proposta del
Ministero dei trasporti e della navigazione al NARS per la
determinazione degli standard di qualita’ del servizio di trasporto
viaggiatori di media e lunga percorrenza della F.S. S.p.a. per
l’anno 2000;
Sentita F.S. S.p.a. che ha evidenziato una serie di difficolta’ di
ordine tecnico non risolvibili entro i termini previsti per la
fissazione degli obiettivi di miglioramento per l’anno 2000;
Considerato che tali difficolta’ potranno essere risolte attraverso
la definizione di procedure di misurazione della qualita’ e la
costruzione progressiva di un sistema “qualita’” ed il
contemporaneo avvio del sistema SISCT – RIACE per il monitoraggio
della circolazione dei treni, ivi compreso l’accertamento della
puntualita’ degli stessi;
Considerato che i fattori di qualita’, gli indicatori di qualita’ e
gli standard individuati rappresentano il punto di partenza per
l’adeguamento del livello della qualita’ dei servizi, entro i sei
mesi disponibili dell’anno 2000, nonche’ per la costruzione di una
banca dati adeguata per il rilevamento dei servizi e del loro
corretto e soddisfacente funzionamento anche al fine della
regolazione dei servizi stessi;
Ritenuto che tale processo deve consentire l’individuazione sia di
ulteriori indicatori di qualita’ significativi per i servizi di
media e lunga percorrenza, da effettuarsi entro ottobre 2000 per
l’anno successivo, nonche’ l’avvio di indagini sul livello di
soddisfazione dell’utenza;
Vista la nota n. 16239 del 26 aprile 2000 con la quale il NARS ha
espresso parere favorevole sulle determinazioni assunte da questo
Ministero ed ha formulato delle raccomandazioni in ordine
all’articolazione, per aree geografiche, degli standard di
qualita’, all’adozione, entro il mese di ottobre, della carta dei
servizi F.S., alla definizione di un adeguato sistema di sanzioni a
carico della F.S. S.p.a., in caso di mancato raggiungimento degli
obiettivi di qualita’, nonche’ in ordine al mantenimento del
livello di qualita’ dei servizi di interesse regionale ed al
mantenimento dei livelli di sicurezza dell’esercizio, quale
elemento di valutazione ai fini del riconoscimento dell’incremento
tariffario per l’anno 2001;
Visto l’art. 5 del decreto-legge 28 marzo 2000, n. 70, concernente
il rilascio dei titoli autorizzatori da parte del Ministero dei
trasporti e della navigazione ai soggetti in possesso dei requisiti
previsti dal decreto del Presidente della Repubblica 16 marzo 1999,
n. 146, anche in deroga a quanto disposto dagli art. 1, comma 1,
lettera a) e 3, comma 1, lettera a), del medesimo decreto.
Vista la licenza di impresa ferroviaria rilasciata alla F.S. S.p.a.
e alla Italiana Trasporti Ferroviari S.p.a., successivamente
definita I.T.F. S.p.a., in data 23 maggio 2000, per lo svolgimento
dell’attivita’ di trasporto ferroviario;
Considerato che in data 30 maggio 2000 e’ stato stipulato il
contratto, in corso di registrazione, di affitto di ramo d’azienda
tra la F.S. S.p.a. e la I.T.F. S.p.a., relativo all’attivita’ di
trasporto ferroviario, espletata da quest’ultima societa’ a partire
dal 1o giugno 2000;
Decreta:
Art. 1.
O g g e t t o
1. Il presente decreto disciplina i fattori di qualita’, gli
indicatori di qualita’, gli standard ed i metodi di rilevazione,
nonche’ le prescrizioni per l’anno di esercizio 2000, in base ai
quali il Ministero dei trasporti e della navigazione effettua entro
il 31 ottobre 2000 le previste verifiche, in conformita’ a quanto
disposto dall’art. 3 della delibera CIPE n. 173 del 5 novembre
1999, in materia di qualita’ dei servizi ferroviari a media e lunga
percorrenza erogati dalla F.S. S.p.a. e dalla I.T.F. S.p.a.
2. Gli aumenti tariffari relativi ai servizi di media e lunga
percorrenza, a decorrere dal 1o gennaio 2001 sono condizionati alle
verifiche di cui al comma 1, all’accertamento del grado di
conseguimento degli obiettivi di riduzione dei costi di tali
servizi stabiliti nel piano d’impresa 1999/2003, nonche’
all’adozione della carta dei servizi per l’anno 2000.
Art. 2.
Fattori, indicatori, standard di qualita’
1. I fattori, gli indicatori di qualita’, gli standard stabiliti
per l’anno 2000 e i relativi periodi di riferimento sono riportati
nelle allegate tabelle A e B. Per gli standard relativi alla
puntualita’, tenuto conto dell’incidenza sulla stessa dei lavori
previsti dal programma di manutenzione straordinaria e di
potenziamento dei principali nodi della rete, i valori per l’anno
2000 sono considerati in duplice forma: al netto della incidenza
delle perturbazioni generate dai cantieri di lavoro, lettera a),
nella tabella allegata A ed al lordo delle stesse, lettera b),
nella stessa tabella A.
Art. 3.
Ulteriori adempimenti
1. I requisiti di sicurezza dei servizi di trasporto di lunga e
media percorrenza debbono essere in ogni caso mantenuti ai piu’
alti livelli europei e costituiscono oggetto della valutazione
sull’attivita’ svolta dalla F.S. S.p.a. e dalla I.T.F. S.p.a., da
effettuarsi ai sensi dell’art. 3 della citata delibera CIPE.
2. La F.S. S.p.a. e la I.T.F. S.p.a. provvedono, entro il mese di
ottobre 2000, a disaggregare gli indicatori con riferimento:
a) direttrici di traffico riferite a diverse tipologie
territoriali;
b) tipologie di servizio di trasporto passeggeri;
c) particolari tratte ferroviarie della rete nazionale;
d) particolari criticita’ dei servizi di trasporto, come i ritardi
superiori a 60 minuti primi;
e) efficacia dei servizi per i portatori di handicap;
f) funzionamento dei servizi e degli impianti tecnologici;
g) pulizia delle carrozze.
3. Ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
30 dicembre 1998, la F.S. S.p.a. e LT.F. S.p.a. adottano la carta
dei servizi avente quali contenuti minimi:
la predeterminazione degli indicatori di qualita’ generali,
riferiti a parametri medi e alle modalita’ di informazione agli
utenti sui contenuti della stessa carta dei servizi, la cui
osservanza deve essere garantita nei confronti dell’autorita’
vigilante;
gli indicatori di qualita’ specifici e il livello minimo o massimo
delle singole prestazioni il cui rispetto e’ altresi’ garantito nei
confronti dell’utenza anche mediante l’individuazione dei casi e
procedure di rimborso a favore degli utenti.
4. La I.T.F. S.p.a., a decorrere dal termine di cui al comma 1,
attiva, secondo le procedure da comunicare a questo Ministero con
preavviso di almeno trenta giorni, sondaggi di opinione su campioni
adeguatamente rappresentativi dell’utenza, mirati alla rilevazione
della qualita’ percepita e della qualita’ attesa dall’utenza per i
servizi di trasporto oggetto del presente decreto. Tali sondaggi
costituiscono, per le verifiche annuali a partire dal 2001,
elemento di valutazione dei risultati conseguiti nell’anno di
riferimento.
5. Entro l’anno 2000 la F.S. S.p.a. e la I.T.F. S.p.a. garantiscono
che il funzionamento degli impianti (di climatizzazione, dei
servizi igienici e, in generale, preposti all’interazione attiva e
passiva con l’utenza) installati sia a bordo che nelle stazioni,
per la parte di competenza del trasporto ferroviario viaggiatori di
media e lunga percorrenza, sia quantificata con opportuni
indicatori numerici di funzionalita’. Provvedimenti analoghi sono
predisposti, contestualmente dalla F.S. S.p.a., e dalla I.T.F.
S.p.a. per rappresentare il livello di efficacia dei servizi di
pulizia. A tal fine, possono essere utilizzati anche indicatori di
quantita’ delle prestazioni relative al servizio di pulizia
effettuato, accompagnati da indicatori che riportino misure di
efficienza percepita ed attesa dall’utenza.
Art. 4.
Monitoraggio e verifiche
1. La F.S. S.p.a. fornisce, ai fini del monitoraggio della qualita’
dei servizi erogati e per la verifica del raggiungimento degli
obiettivi prefissati, i dati nei tempi e nei modi indicati dal
servizio vigilanza sulle Ferrovie, agevolando l’acquisizione
diretta ed, ove possibile, immediata, da parte del suddetto
servizio, di dati anche disaggregati, relativi alla produzione del
servizio, alle modalita’ del relativo esercizio ed al funzionamento
degli impianti preposti all’interazione attiva e passiva con
l’utenza.
2. Il servizio di vigilanza sulle Ferrovie, avvia forme d’intesa
con l’ufficio qualita’ della presidenza del Consiglio dei Ministri
e con il NARS-Segreteria CIPE del Ministero del tesoro, bilancio e
programmazione economica, per pervenire alla definizione di un
opportuno sistema di monitoraggio e verifica di qualita’ dei
servizi e per l’espletamento delle verifiche di cui al precedente
comma.
Roma, 4 luglio 2000
p. Il Ministro: Angelini
ALLEGATO – Lista degli indicatori di qualita’ e dei relativi
standard
pag. 8
pag. 9

Architetto.info