Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Regolamento concernente le categorie di documenti formati o comunque r...

Regolamento concernente le categorie di documenti formati o comunque rientranti nella disponibilita' dell'Autorita', sottratti all'accesso.

L’AUTORITA’ PER LA VIGILANZA SUI LAVORI PUBBLICI
Visto l’art. 24, comma 4, della legge 7 agosto 1990, n. 241, e
successive modificazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n.
352;
Ritenuto di doversi provvedere all’emanazione di un regolamento per
l’attuazione dell’art. 24, comma 4, della legge 7 agosto 1990, n.
241, e successive modificazioni, in materia di procedimenti
amministrativi di competenza dell’Autorita’;
Sentiti i dirigenti generali dei servizi dell’Autorita’;
Visto il parere della commissione per l’accesso ai documenti
amministrativi espresso ai sensi dell’art. 10, del decreto del
Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352, nella seduta
dell’11 maggio 2000.
Delibera il seguente regolamento:
Art. 1.
Ambito di applicazione
1. Il presente regolamento, emanato ai sensi dell’art. 24, comma 4,
della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni,
individua le categorie di documenti formati dagli uffici
amministrativi dell’Autorita’ o comunque rientranti nella loro
disponibilita’, sottratti all’accesso in conformita’ a quanto
previsto dal medesimo art. 24, comma 2.
Art. 2.
Documenti esclusi dall’accesso per motivi di riservatezza di terzi,
persone, gruppi ed imprese
1. Ai sensi dell’art. 24, della legge 7 agosto 1990, n. 241,
nonche’ dell’art. 8, comma 5, lettera d), del decreto del
Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352, ed in relazione
all’esigenza di salvaguardare la riservatezza di terzi, persone,
gruppi, imprese ed associazioni, garantendo peraltro ai medesimi la
visione degli atti relativi ai procedimenti amministrativi, la cui
conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i loro
interessi giuridici, sono sottratte all’accesso le seguenti
categorie di documenti:
a) accertamenti medico-legali e relativa documentazione;
b) documenti relativi alla salute delle persone ovvero concernenti
le condizioni psicofisiche delle medesime;
c) rapporti informativi nonche’ note personali caratteristiche a
qualsiasi titolo compilate riguardanti dipendenti diversi dal
richiedente;
d) documentazione caratteristica, matricolare nonche’ quella
relativa a situazioni private dell’impiegato;
e) documentazione attinente alla fase istruttoria dei procedimenti
penali e disciplinari, nonche’ quella concernente l’istruzione dei
ricorsi amministrativi prodotti dal personale dipendente;
f) documentazione attinente ai provvedimenti di dispensa dal
servizio per i soggetti diversi dal destinatario del servizio
stesso;
g) documenti amministrativi riguardanti la c.d. busta paga se dalla
stessa si possano desumere informazioni di carattere riservato
qualora la richiesta provenga da persona diversa dal richiedente;
h) documenti amministrativi riguardanti la concessione di sussidi e
provvidenze per effetto di particolari motivazioni connesse allo
stato di necessita’ e/o salute limitatamente ai motivi;
i) documentazione attinente ad accertamenti ispettivi e
amministrativo-contabili per la parte relativa alla tutela della
vita privata e della riservatezza;
l) documentazione relativa alla situazione finanziaria, economica e
patrimoniale di persone, gruppi, imprese ed associazioni comunque
utilizzata ai fini dell’attivita’ amministrativa.
2. E’ inoltre esclusa dall’accesso tutta la documentazione
d’ufficio, salvo che questa non abbia costituito il necessario ed
esclusivo presupposto per azione del potere pubblico; in ogni caso
non sono sottratti all’accesso i documenti amministrativi richiesti
dal diretto interessato relativi alla sua persona.
Art. 3
Documenti amministrativi esclusi dall’accesso per motivi di ordine
e sicurezza pubblica
1. Ai sensi dell’art. 8, comma 5, lettere a) e c), del decreto del
Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352, ed in relazione
all’esigenza di salvaguardare la sicurezza e l’ordine pubblico,
sono sottratte all’accesso le seguenti categorie di documenti:
a) documenti amministrativi che per la loro connessione con le
categorie di cui alla lettera a), del comma 5 dell’art. 8 del
decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352,
siano qualificati riservati, da parte di uffici della Autorita’;
b) documenti amministrativi concernenti gli impianti di sicurezza
degli edifici destinati a sede dell’amministrazione;
c) documenti amministrativi relativi al responsabile del
trattamento dei dati del personale e dei componenti il consiglio
dell’Autorita’ per la vigilanza sui lavori pubblici;
d) documenti amministrativi concernenti l’organizzazione ed il
funzionamento dei servizi di sicurezza nell’ambito
dell’amministrazione in occasione di visite ufficiali di autorita’
civili e militari o di incontri con rappresentanti di organismi
italiani o stranieri;
e) lavori preparatori, documentazione predisposta e carteggi
scambiati in vista di incontri con rappresentanti di organismi
nazionali o internazionali;
f) documenti amministrativi che riguardano l’attuazione di
procedimenti finalizzati a garantire la sicurezza personale dei
componenti l’Autorita’, dei dirigenti e impiegati della Autorita’
stessa che svolgano incarichi di particolare natura o rilevanza.
Art. 4.
Differimento dell’accesso ai documenti amministrativi
1. Il differimento dell’accesso ai documenti amministrativi puo’
essere disposto, ai sensi dell’art. 24, comma 6, della legge 7
agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, quando vi sia una
oggettiva necessita’ di salvaguardia delle esigenze di riservatezza
dell’amministrazione in relazione a documenti amministrativi la cui
conoscenza possa compromettere l’efficienza e l’efficacia
dell’azione amministrativa.
2. L’accesso alle categorie di documenti amministrativi di seguito
indicate viene differito fino al momento espressamente specificato
per ciascuna di esse:
a) nelle procedure concorsuali l’accesso e’ differito sino
all’approvazione della graduatoria ad eccezione degli elaborati del
candidato richiedente. Nei concorsi per titoli ed esami il
candidato puo’ richiedere, successivamente alla comunicazione di
cui all’art.
12, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio
1994, n. 487, copia dei verbali contenenti i criteri di valutazione
dei titoli posseduti;
b) nei procedimenti relativi all’effettuazione di opere, lavori e
forniture, l’accesso ai documenti amministrativi riguardanti
progetti di massima presentati da imprese e/o professionisti
nonche’ preventivi e offerte in occasione di licitazioni private o
ricerche di mercato e’ differito sino al formale affidamento della
realizzazione dell’opera o della effettuazione della fornitura;
c) per le segnalazioni, gli atti o esposti informali di privati, di
organizzazioni sindacali e di categorie o altre associazioni,
l’accesso e’ differito fino a quando non sia conclusa la necessaria
istruttoria.
Art. 5.
Procedimento di accesso
1. Il diritto di accesso si esercita in via informale mediante
richiesta, anche verbale, dell’ufficio competente a formare l’atto
conclusivo del procedimento o a detenerlo stabilmente, con le
modalita’ di cui all’art. 3 del decreto del Presidente della
Repubblica n. 352/1992.
2. L’accesso puo’ altresi’, essere esercitato in via formale
mediante apposita istanza motivata indirizzata all’ufficio
competente, utilizzando i moduli allegati al presente regolamento.
3. Il richiedente, sara’, parimenti, invitato espressamente a
produrre istanza formale in tutti i casi in cui non sia possibile
l’accoglimento immediato della richiesta in via informale.
4. L’estrazione di copie di documenti e’ sottoposta al pagamento
delle spese relative ai costi di riproduzione mediante applicazione
sulla richiesta di marche da bollo, soggette ad annullamento da
parte dell’ufficio.
Art. 6.
Pubblicita’
1. Il presente regolamento e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
2. Potranno essere adottate altre forme e modalita’ di pubblicita’,
sia per il presente regolamento sia per le successive modifiche ed
integrazioni.
3. Il presente regolamento sostituisce quello pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 12 del 17 gennaio 2000.
Cosi’ deliberato dall’Autorita’ nell’adunanza del 31 agosto 2000.
Il presidente: Garri

Allegati

DOMANDA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

All’Ufficio….
Il sottoscritto …. nato a …. il …………………..
residente in ……………………. via/piazza …. c.a.p
………..
chiede di prendere visione dei sottoindicati documenti:
….
….
….
(indicare per ciascun documento la tipol ogia, la data, il numero
d’ordine o di protocollo, l’oggetto).
Al riguardo evidenzia le seguenti motivazioni della richiesta:
….
….
….
Data ………………………..
Firma ………………………
Documento di riconoscimento …. n.
…………………………… rilasciato il
………………….. da ….
Il sottoscritto …. responsabile dell’ufficio …. autorizza la
presa visione di documenti.
Data ……………………….
Firma …………………….

Richiesta di copia di documenti amministrativi
Il sottoscritto …. nato/a il …………………… residente
in …. via/piazza …. c.a.p ……………….. tel. n.
……………………………
Chiede copia dei sottoindicati documenti:
….
….
….
….
(indicare per ciascun documento la tipologia, la data, il numero
d’ordine o di protocollo, l’oggetto). Al riguardo evidenzia le
seguenti motivazioni della richiesta:
….
….
….
Data ……………………….
Firma ………………………….
Documento di riconoscimento …. n. ……. rilasciato il …. da
……

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info