Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Liquidazione della GESCAL dell'ISES e dell'INCIS e proroga dei contrib...

Liquidazione della GESCAL dell'ISES e dell'INCIS e proroga dei contributi previsti dalla L. 14 febbraio 1936, numero 60 e successive modificazioni ed integrazioni, per il finanziamento dei programmi di edilizia residenziale pubblica.

1. Il Ministro per i lavori pubblici provvede, mediante appositi
comitati dotati di autonomia patrimoniale e contabile:
a) alla liquidazione delle situazioni attive e passive della
GESCAL, dell’ISES e dell’INCIS;
b) al completamento dei programmi deliberati dai predetti enti
anteriormente al 31 dicembre 1972, già appaltati o in corso di
appalto, nonché al graduale trasferimento del patrimonio e dei
programmi degli enti stessi alle amministrazioni ed enti di
competenza, entro il 31 dicembre 1974, in base agli articoli 14, 15
e 16 del decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1972,
n. 1036.
Ciascuno dei comitati di cui al presente articolo è composto:
a) da due esperti in materia giuridica ed economica designati dal
Ministro per i lavori pubblici;
b) da due funzionari designati dal Ministro per il tesoro, dei
quali uno della Ragioneria generale dello Stato e l’altro della
Direzione generale del tesoro;
c) da un funzionario designato dal Ministro per il lavoro e la
previdenza sociale;
d) da un rappresentante designato dalle organizzazioni sindacali
dei lavoratori maggiormente rappresentative.
I comitati sono nominati dal Ministro per i lavori pubblici e
presieduti dallo stesso o da un suo delegato. Alla emanazione degli
atti di amministrazione e di spesa il comitato delega uno dei suoi
componenti.
Sulle attività dei comitati di cui al presente articolo la Corte
dei conti esercita il controllo a norma dell’articolo 12 della
legge 11 marzo 1958, n. 259.
2. I fondi necessari per la realizzazione delle opere e dei
programmi di cui al precedente articolo 1, compresi quelli relativi
all’attuazione del servizio sociale di cui all’articolo 14 della
legge 14 febbraio 1963, n. 60, occorrenti fino al completo
trasferimento del personale agli enti destinatari, nonché per il
funzionamento degli articoli e dei comitati di cui alla presente
legge, sono prelevati dalle disponibilità di cui all’art. 5 della
legge 22 ottobre 1971, n. 865, ed erogati secondo le modalità
fissate dal Ministro per i lavori pubblici, nei limiti delle
necessità accertate dal Ministro per i lavori pubblici d’intesa con
il Ministro per il tesoro.
3. I compiti relativi al completamento del programma di costruzione
ed alle assegnazioni degli alloggi di cui al piano triennale
approvato per gli esercizi 1972-73-74 ai sensi della legge 30
dicembre 1960, n. 1676, vengono affidati agli istituti autonomi per
le case popolari competenti per territorio, fino al 31 dicembre
1974.
Nei casi in cui gli istituti autonomi per le case popolari
competenti per territorio non svolgano funzioni di stazione
appaltante, rimangono in vita per gli stessi compiti e fino alla
stessa data i comitati provinciali di cui alla legge 30 dicembre
1960, n. 1676.
4. Il personale utilizzato presso il Ministero dei lavori pubblici
ai sensi del quinto comma dell’articolo 18 del decreto del
Presidente della Repubblica 30 dicembre 1972, n. 1036, può essere
destinato al CER ed ai comitati di cui all’articolo 1 della
presente legge.
5. I contributi previsti dalla legge 14 febbraio 1963, n. 60, e
successive modificazioni ed integrazioni, sono versati, per un
ulteriore periodo di quattro mesi, a decorrere dal 1° gennaio 1974
nelle misure e secondo le modalità previste dalle leggi stesse
concernenti il finanziamento dei programmi di edilizia residenziale
pubblica.
6. Il termine di cui all’articolo 1 della legge 22 febbraio 1973,
n. 37, è prorogato al 31 dicembre 1975.
7. Il termine di cui all’ultimo comma dello articolo 13 della legge
1° giugno 1971, n. 291, e successive modificazioni e integrazioni,
è prorogato al 31 marzo 1974.
8. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello
della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana ed ha effetto dal 1° gennaio 1974.

Architetto.info