Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Adozione di disposizioni in materia di Cassa conguaglio per il settore...

Adozione di disposizioni in materia di Cassa conguaglio per il settore elettrico. (Deliberazione n. 124/00).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 19 luglio 2000, Premesso che:
l’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas (di seguito:
Autorita’), avendo acquisito l’intesa del Ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, ha adottato con propria
deliberazione 21 maggio 1998, n. 47/1998, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 119 del 25 maggio 1998 (di seguito:
deliberazione n. 47/1998), disposizioni urgenti sulla Cassa
conguaglio per il settore elettrico (di seguito: Cassa conguaglio),
tra l’altro consistenti nello scioglimento del Comitato di gestione
in carica e nella contestuale istituzione di un collegio
commissariale con mandato annuale avente scadenza 21 maggio 1999,
composto dal dott. Enzo Berlanda, dal dott. Franco Pontani e dal
dott. Gianfrancesco Vecchio;
con deliberazione dell’Autorita’ 8 giugno 1999, n. 83/1999,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 156 del 6
luglio 1999 (di seguito: deliberazione n. 83/1999) e’ stato
disposto il rinnovo delle disposizioni urgenti concernenti la Cassa
conguaglio adottate con la deliberazione n. 47/1998, prorogando. di
conseguenza, fino al 30 maggio 2000, il collegio commissariale
della Cassa conguaglio nella composizione definita in base alla
medesima deliberazione, al fine di consentire a detto collegio di
consolidare i risultati operativi conseguiti sul piano della
efficienza nelle procedure di gestione dei sistemi di perequazione
e di formulare una proposta di nuova organizzazione della Cassa
conguaglio, estesa anche ai sistemi di controllo contabile interno,
che tenga conto della nuova disciplina del mercato elettrico;
con la delibera 30 maggio 2000, n. 102/2000 l’Autorita’ ha
richiesto l’intesa del Ministro del tesoro, del bilancio e della
progranimazione economica ai fini dell’adozione di disposizioni
riguardanti la Cassa conguaglio e, in particolare, della proroga
del collegio commissariale;
con la deliberazione 29 giugno 2000, n. 118/2000, l’Autorita’ ha
deciso di sottoporre al Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica, ai fini dell’acquisizione della
necessaria intesa, disposizioni recanti una nuova disciplina in
materia di organizzazione e funzionamento della Cassa conguaglio
per il settore elettrico;
Visto l’art. 2 del decreto legislativo 26 gennaio 1948, n. 98;
Visti gli articoli 2, 3, 4 e 5 della legge 15 luglio 1994, n. 444,
recante “Disposizioni sulla proroga degli organi amministrativi”;
Visto l’art. 3, comma 7, della legge 14 novembre 1995, n. 481;
Visto il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (di seguito:
decreto legislativo n. 79/1999);
Considerato che il collegio commissariale ha espletato i compiti in
relazione ai quali e’ stata disposta la proroga di cui alla
deliberazione n. 83/99, in particolare:
consolidando i risultati operativi conseguiti sul piano della
efficienza nelle procedure di gestione dei sistemi di perequazione
mediante il completamento delle procedure per il recupero degli
arretrati relativi alle procedure di erogazione di competenza degli
esercizi passati e, sul piano organizzativo, mediante l’impianto
della rete informatica degli uffici, la definizione delle procedure
per l’effettuazione dei controlli tecnico-amministrativi presso le
imprese e il rinnovo della convenzione con l’istituto cassiere,
cosi’ come risulta dai documenti “Relazione all’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas sull’attivita’ svolta dal Collegio
commissariale dal 1o aprile 1999 al 1o luglio 1999” e “Relazione
all’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas sull’attivita’
svolta dal Collegio commissariale dall’1o ottobre 1999 al 31
dicembre 1999” trasmessi all’Autorita’, rispettivamente con note in
data 4 agosto 1999, protocollo n. 1013, e in data 3 aprile 2000,
protocollo n. 464, e dall’Autorita’ successivamente trasmesse, tra
l’altro, al ragioniere generale dello Stato, rispettivamente, con
note in data 20 settembre 1999, protocollo n. PR/M99/1388 e
protocollo n. PR/M00/585;
presentando, con nota in data 27 gennaio 2000, protocollo n. 0064,
una relazione recante “Proposte e osservazioni del collegio
commissariale in materia di riforma o riassetto della Cassa
conguaglio per il settore elettrico e dei sistemi perequazione”;
Considerato che il Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica ha rilasciato la prevista intesa ai fini
dell’adozione di disposizioni riguardanti la Cassa conguaglio e, in
particolare, della proroga del collegio commissariale;
Considerato altresi’ che allo stato attuale i nuovi sistemi di
perequazione non sono stati completamente definiti, avendo
l’Autorita’ esclusivamente approvato, in data 8 giugno 2000, e
successivamente diffuso, il documento per la consultazione recante
“Criteri per la definizione dei sistemi di perequazione dei costi
di distribuzione e di altri oneri a carico dei distributori di
energia elettrica”, nel quale, tra l’altro si delinea una sequenza
procedurale che condurra’ alla definizione di tali sistemi non
prima del dicembre del corrente anno e che, di conseguenza, non e’
ancora possibile definire l’impianto organizzativo necessario al
funzionamento, a regime, dei nuovi sistemi di perequazione dovendo
di conseguenza essere mantenuta in operativita’ la Cassa
conguaglio;
Ritenuta l’opportunita’ di rinnovare le disposizioni urgenti
concernenti la Cassa conguaglio adottate dall’Autorita’ con la
deliberazione n. 47/98, prorogando il collegio commissariale della
medesima Cassa conguaglio nella sua attuale composizione per il
periodo necessario al perfezionamento della procedura per
l’adozione dei provvedimenti in materia di definizione dei sistemi
di perequazione tra i diversi soggetti esercenti il servizio di
fornitura di energia elettrica e alla nomina ed assunzione delle
funzioni da parte degli organi ordinari di gestione e di controllo
delle procedure di gestione dei sistemi di perequazione, tale
decisione essendo garanzia di continuita’, nel menzionato periodo,
dei risultati operativi conseguiti dal Collegio commissariale della
Cassa conguaglio sul piano della efficienza di dette procedure;
Delibera:
a) di rinnovare le disposizioni urgenti concernenti la medesima
Cassa conguaglio per il settore elettrico adottate con la
deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas 21
maggio 1998, n. 47/1998, prorogando, di conseguenza, per il periodo
necessario al perfezionamento della procedura per l’adozione dei
provvedimenti in materia di definizione dei sistemi di perequazione
tra i diversi soggetti esercenti il servizio di fornitura di
energia elettrica e alla nomina ed assunzione delle funzioni da
parte degli organi ordinari di gestione e di controllo delle
procedure di gestione dei sistemi di perequazione, il Collegio
commissariale della Cassa conguaglio per il settore elettrico;
b) di confermare i compensi ai componenti del Collegio
commissariale della Cassa conguaglio per il settore elettrico
determinati, in base alla deliberazione dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas 10 luglio 1998, n. 87/1998, nella
misura di centocinquanta milioni di lire annui lordi per il
Presidente e di cento milioni di lire annui lordi per i rimanenti
componenti;
c) di pubblicare la presente deliberazione nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Milano, 19 luglio 2000
Il presidente: Ranci

Architetto.info