Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Regolamento recante norme in materia di licenze, attestati e abilitazi...

Regolamento recante norme in materia di licenze, attestati e abilitazioni per il personale addetto al servizio pubblico di informazioni al volo.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visto l’articolo 87, quinto comma, della Costituzione;
Vista la convenzione relativa all’aviazione civile internazionale
stipulata a Chicago il 7 dicembre 1944, approvata e resa esecutiva
con decreto legislativo 6 marzo 1948, n. 616, ratificato con la
legge 17 aprile 1956, n. 561;
Vista la legge 21 novembre 1950, n. 1237, concernente la ratifica
ed esecuzione della convenzione dell’organizzazione meteorologica
mondiale conclusa a Washington l’11 ottobre 1947;
Vista la legge del 20 dicembre 1995, n. 575, concernente l’adesione
della Repubblica italiana alla Convenzione internazionale di
cooperazione per la sicurezza della navigazione aerea (Eurocontrol)
firmata a Bruxelles il 13 dicembre 1960 e atti internazionali
successivi;
Visto l’articolo 3, primo comma, lettera h), del decreto del
Presidente della Repubblica 24 marzo 1981, n. 145;
Vista la legge 21 dicembre 1996, n. 665, ed in particolare
l’articolo 8 recante modifiche agli articoli 731 e 735 del codice
della navigazione;
Visto l’articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Vista la legge 12 gennaio 1991, n. 13, concernente la
determinazione degli atti amministrativi da adottarsi nella forma
del decreto del Presidente della Repubblica;
Udito il parere del Consiglio di Stato espresso dalla Sezione
consultiva per gli atti normativi nella adunanza del 10 gennaio
2000, n. 163/99;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata nella
riunione del 30 marzo 2000;
Sulla proposta del Ministro dei trasporti e della navigazione;
E m a n a il seguente regolamento:
Art. 1.
Obbligo della licenza e delle abilitazioni per il personale addetto
al servizio pubblico di informazione al volo gestito direttamente
dall’Ente.
1. Il personale addetto al servizio pubblico di informazione al
volo gestito direttamente dall’Ente nazionale di assistenza al volo
(ENAV) deve essere titolare di licenza di operatore di servizio
informazioni aeronautiche, rilasciata dall’Ente stesso secondo le
modalita’ fissate dal presente regolamento e comunque sotto la
vigilanza e sulla base di apposite direttive del Ministero dei
trasporti e della navigazione.
2. L’ENAV adotta le disposizioni tecniche di attuazione del
presente regolamento.
3. Restano salve le attribuzioni del Ministero della difesa in
materia di certificazione del personale militare addetto al
servizio pubblico di informazione al volo.
Art. 2.
Licenza di operatore di servizio informazioni aeronautiche
1. La licenza di operatore di servizio informazioni aeronautiche
costituisce titolo professionale aeronautico e autorizza il
titolare ad espletare i servizi pubblici di informazione al volo,
ai sensi del presente decreto, nell’ambito delle specifiche
funzioni ed entro i limiti delle abilitazioni di cui agli articoli
4 e 5.
2. La titolarita’ della licenza e’ condizionata alla verifica, con
cadenza quinquennale, del possesso dei requisiti psicofisici di cui
all’articolo 12.
Art. 3.
Rinnovo della licenza di operatore di servizio informazioni
aeronautiche
1. La licenza di operatore di servizio informazioni aeronautiche
deve essere rinnovata nel caso in cui il titolare non eserciti le
relative abilitazioni o almeno una di esse, per un periodo
continuativo superiore a cinque anni.
2. Per il rinnovo della licenza il titolare deve superare l’esame
teorico nei modi e nelle forme di cui all’articolo 9 e deve
risultare in possesso dei requisiti psicofisici di cui all’articolo
12, nonche’ privo delle condizioni ostative di cui all’articolo 7,
comma 4.
Art. 4.
Funzioni autorizzate dalla licenza di operatore di servizio
informazioni aeronautiche
1. La licenza di operatore di servizio informazioni aeronautiche
autorizza il titolare a:
a) esercitare le prerogative di cui all’articolo 5 relativamente
alle abilitazioni conseguite;
b) svolgere mansioni di coordinamento nell’ambito delle attivita’
inerenti ai servizi del traffico aereo per la parte di specifica
competenza, al servizio informazioni aeronautiche e al servizio di
meteorologia aeroportuale;
c) sovraintendere con idonea abilitazione all’addestramento del
personale operatore di servizio informazioni aeronautiche in
tirocinio operativo di abilitazione presso l’ente di servizio;
d) svolgere compiti connessi con la gestione operativa e tecnica
della sede di appartenenza, nonche’ operare nelle attivita’
d’ufficio strumentali ai servizi di assistenza al volo;
e) svolgere attivita’ di insegnamento, consulenza, studio,
pianificazione, programmazione, coordinamento e controllo nel campo
dei servizi di assistenza al volo, anche in ambito internazionale.
Art. 5.
Abilitazioni della licenza di operatore di servizio informazioni
aeronautiche
1. Le abilitazioni, distinte come segue, autorizzano il titolare
all’esercizio delle attivita’ riportate:
a) operatore dati volo/ufficio riporti dei servizi del traffico
aereo (ARO):
1) codificare e inserire, prelevare e decodificare dati aeronautici
in e da appropriati sistemi automatizzati;
2) compilare, ricevere, validare e trasmettere piani di volo
compilati (FPL) e ripetitivi (RPL) e la messaggistica associata;
3) selezionare, preparare e fornire agli esercenti, alle unita’ di
controllo del traffico aereo, agli operatori aeroportuali
informazioni aeronautiche in linguaggio chiaro e informati
codificati quali avvisi agli aeronaviganti (Notam), bollettini
informazioni pre-volo (Pib), circolari di informazione aeronautica
(AIC);
4) trattare messaggistica per la gestione del flusso del traffico
aereo (ATFM) e fornire informazioni inerenti la gestione del flusso
del traffico aereo agli esercenti e alle unita’ di controllo del
traffico aereo, codificare e trasferire messaggi tattici (TACT) tra
esercenti e l’unita’ centrale di gestione del flusso (CFMU), tra
questa e unita’ di controllo del traffico aereo;
5) operare presso unita’ posizione di gestione del flusso del
traffico aereo (FMP);
6) estrarre, decodificare, tradurre, informazioni dalle
pubblicazioni del servizio di informazioni aeronautiche (AIS) e
carte aeronautiche;
7) fornire informazioni e documentazione (briefing) pre-volo;
8) ricevere, verificare, codificare e trasmettere richieste di
avviso agli aeronaviganti, ricevere, verificare e trasmettere
avvisi di neve (snowtam) e di presenza di volatili (birdtam);
9) compilare liste inerenti piani di volo ripetitivi (RPL),
statistica di partenza e di arrivo;
10) controllare l’integrita’ ed accettare rapporti post-volo
codificati;
11) cooperare con gli esercenti per ottenere permessi di sorvolo e
di atterraggio;
12) cooperare con le unita’ di controllo del traffico aereo, con le
autorita’ aeroportuali, con le unita’ di ricerca e soccorso (SAR),
effettuare coordinamenti con le unita’ dei servizi del traffico
aereo e con i servizi tecnici;
b) operatore ufficio internazionale avvisi agli aeronaviganti
(NOF):
1) ricevere, verificare e trattare le richieste di avviso agli
aeronaviganti (Notam);
2) codificare e autorizzare l’emissione di avviso agli
aeronaviganti (Notam);
3) preparare sommari e lista di controllo degli avvisi agli
aeronaviganti (check list notam);
4) curare l’aggiornamento del sistema internazionale di
classificazione degli avvisi agli aeronaviganti (sistem notam);
5) estrarre e tradurre informazioni dalle pubblicazioni del
servizio di informazioni aeronautiche (AIS) e dalle carte
aeronautiche;
6) curare l’aggiornamento della banca dati del servizio di
informazioni aeronautiche e del servizio del traffico aereo (ATS);
c) pubblicazioni e carte aeronautiche:
1) curare la redazione, la pubblicazione e l’aggiornamento della
pubblicazione informazioni aeronautiche (AIP);
2) curare la redazione, la pubblicazione degli emendamenti e dei
supplementi alle pubblicazioni informazioni aeronautiche (AIP);
3) codificare l’avviso preavvisatore agli aeronaviganti delle
modifiche alla pubblicazione informazioni aeronautiche (trigger
notam);
4) curare la pubblicazione delle circolari di informazione
aeronautica;
5) curare la pubblicazione delle carte aeronautiche;
d) osservatorio meteorologico:
1) effettuare le osservazioni di routine e speciali, codificare e
distribuire i riporti, i riporti speciali selezionati e i riporti
per decolli ed atterraggi delle condizioni meteorologiche
aeroportuali nelle forme codificate dall’ICAO e dall’Organizzazione
meteorologica mondiale;
2) decodificare tutti i messaggi di osservazione, di previsione e
di pericolo della meteorologia aeronautica;
3) verificare l’integrita’ e l’accuratezza dei dati prelevati dai
sensori e trattati dai sistemi automatizzati per l’osservazione;
4) curare la strumentazione e l’equipaggiamento della stazione
meteorologica, coordinare la manutenzione tecnica;
5) cooperare con i centri di previsione e con le unita’ di
controllo del traffico aereo;
6) ricevere e trasmettere modelli di riporto dell’area (Airep) e
segnalazioni utili all’emissione di avvisi di aeroporto, avviso di
condizioni meteorologiche pericolose per il volo per gli strati
bassi dell’atmosfera (Airmet) e avviso di condizioni meteorologiche
pericolose per il volo (sigmet);
e) informatore meteorologico:
1) decodificare tutti i messaggi di osservazione, di previsione e
di pericolo della meteorologia aeronautica;
2) decodificare le carte di meteorologia aeronautica;
3) selezionare, prelevare, fornire e spiegare agli esercenti le
informazioni del servizio meteorologico per la navigazione aerea
internazionale;
4) coordinare con gli esercenti il tipo di informazioni e le carte
di meteorologia aeronautica nonche’ le modalita’ e l’orario …

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info