Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Misure in materia di assegnazione di frequenze nella banda GSM. (Delib...

Misure in materia di assegnazione di frequenze nella banda GSM. (Deliberazione n. 289/00/Cons).

L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI
Nella sua riunione di
Consiglio del 24 maggio 2000;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249,
recante “Istituzione dell’Autorita’ per le garanzie nelle
comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e
radiotelevisivo”;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 19
settembre 1997, n. 318, recante “Regolamento per l’attuazione di
direttive comunitarie nel settore delle telecomunicazioni”;
Visto il
decreto del Ministero delle comunicazioni del 28 febbraio 2000, che
approva il piano di ripartizione delle frequenze, pubblicato nel
supplemento ordinario n. 45 alla Gazzetta Ufficiale n. 65 del 18 marzo
2000;
Visto il decreto del Ministero delle comunicazioni del 3 giugno
1997, recante “Modificazioni al piano di ripartizione delle
frequenze”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 135 del 12 giugno
1997;
Visto il decreto del Ministero delle comunicazioni del 20 marzo
1998, recante “Modificazioni al piano nazionale di ripartizione delle
radiofrequenze”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 71 del 26
marzo 1998;
Visto il decreto del Ministero delle comunicazioni 25
marzo 1998, n. 113, recante “Regolamento recante norme per la
copertura degli oneri derivanti al Ministero della difesa a seguito di
modifiche al piano nazionale di ripartizione delle radiofrequenze”,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 93 del 22 aprile 1998;
Visto il
decreto del Ministro delle comunicazioni del 26 marzo 1998, recante
“Modificazioni dell’utilizzazione di alcune bande di frequenza dello
spettro radioelettrico”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 93 del
22 aprile 1998;
Visto il decreto del Ministro delle comunicazioni del
1o aprile 1998, recante “Numero delle licenze rilasciabili per il
servizio di comunicazione numerico DCS 1800”, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 93 del 22 aprile 1998;
Visto il provvedimento
del Comitato dei Ministri del 4 aprile 1998, recante “Misure per
garantire condizioni di effettiva concorrenza nel mercato delle
comunicazioni mobili e personali”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
n. 93 del 22 aprile 1998;
Vista la delibera dell’Autorita’ n. 20/99
del 22 marzo 1999, recante “Riesame del numero di licenze rilasciabili
per il servizio di comunicazione numerico GSM (DCS) 1800”, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale n. 70 del 25 marzo 1999;
Vista la delibera
dell’Autorita’ n. 69/99 del 9 giugno 1999, recante “Misure atte a
garantire condizioni di effettiva concorrenza nel mercato delle
comunicazioni mobili e personali da parte di tutti gli operatori e
criteri e modalita’ per l’assegnazione delle frequenze”, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale n. 139 del 16 giugno 1999;
Vista la delibera
dell’Autorita’ n. 339/99 del 6 dicembre 1999, recante “Modifica del
termine per la determinazione dei valori ponderali da attribuire ai
criteri per l’assegnazione di frequenze per il GSM 1800 fissato dalla
delibera n. 69/99, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 10 del 14
gennaio 2000;
Vista la decisione della Conferenza europea delle poste
e delle telecomunicazioni (CEPT) n. ERC/DEC/(95)03 del 1o dicembre
1995 sulla attribuzione delle bande di frequenza a livello europeo per
l’introduzione dei servizi mobili GSM (DCS) 1800;
Considerato
che:
l’Autorita’ intende procedere alla razionalizzazione
dell’utilizzo delle bande di spettro a 900 MHz e a 1800 MHz riservate
ai sistemi radiomobili pubblici, con l’obiettivo di ottenere una
distribuzione dello spettro piu’ efficiente nell’interesse dell’utenza
e di un equilibrato sviluppo della concorrenza;
l’Autorita’ ha avviato
una istruttoria finalizzata alla determinazione dei valori ponderali
da attribuire ai criteri per l’assegnazione di ulteriori frequenze
GSM, anche tenendo conto di quanto indicato in materia dal
provvedimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4 aprile
1998 e dalla delibera dell’Autorita’ n. 69/99;
l’Autorita’ ha rilevato
l’urgenza di destinare ulteriori risorse spettrali ai sistemi
radiomobili pubblici e pertanto ha avviato, in collaborazione col
Ministero delle comunicazioni, le procedure per la liberazione
anticipata delle porzioni di spettro radioelettrico nella banda a 1800
MHz riservate al GSM (1740-1755 MHz e 1835-1850 MHz) previste dal
decreto 26 marzo 1998 e ribadite nel nuovo Piano nazionale di
ripartizione delle frequenze del 28 febbraio 2000 come liberabili al
piu’ tardi al 1o gennaio 2002; l’Autorita’ ha altresi’ richiesto al
suddetto Ministero di verificare la possibilita’ di apportare una
variazione al Piano nazionale di ripartizione delle frequenze ai fini
dell’allocazione al servizio radiomobile pubblico GSM delle porzioni
di spettro radioelettrico nella stessa banda a 1800 MHz (1710- 1740
MHz e 1805-1835 MHz), cosi’ come previsto dalla decisione
ERC/DEC/(95)03;
al fine di determinare le esigenze dei gestori dei
servizi radiomobili pubblici in termini di risorse frequenziali
addizionali, l’Autorita’ ritiene necessario procedere ad un
accertamento tecnico sulla entita’ e tipologia del traffico gestito
dalle reti radiomobili, anche con riferimento al traffico in roaming
nazionale, sulla qualita’ del servizio offerto, sulla crescita
dell’utenza e sul grado di sviluppo sul territorio delle reti
stesse;
l’Autorita’, alla luce dell’evoluzione del mercato radiomobile
che portera’ nei prossimi anni alla definitiva dismissione dei sistemi
analogici, all’introduzione dei sistemi avanzati di trasmissione dati
sulle reti GSM e soprattutto all’introduzione dei sistemi di terza
generazione, ritiene necessario avviare approfondimenti in merito a
regole, procedure e condizioni economiche relative all’assegnazione di
frequenze ai gestori dei servizi radiomobili pubblici;
i gestori dei
servizi radiomobili pubblici GSM che gestiscono un elevato numero di
clienti propri e in roaming nazionale, rappresentando una situazione
di grave carenza di risorse frequenziali in relazione alla crescita
dell’utenza e in comparazione con la media dei gestori europei, hanno
richiesto, nel corso delle audizioni tenute presso l’Autorita’
nell’ambito del citato procedimento istruttorio, l’assegnazione
urgente, anche su base temporanea, di ulteriori bande di frequenze GSM
a causa di una grave congestione della rete dovuta all’elevato
traffico per unita’ di banda;
Sentiti gli attuali gestori dei servizi
radiomobili pubblici nell’ambito del citato procedimento istruttorio
relativo alla determinazione dei valori ponderali da attribuire ai
criteri per l’assegnazione di ulteriori frequenze GSM 1800;
Udita la
relazione del commissario ing. Mario Lari, relatore ai sensi dell’art.
32 del regolamento concernente l’organizzazione ed il funzionamento
dell’Autorita’;
Delibera:
Articolo unico
1. L’Autorita’ dispone
l’apertura di un procedimento istruttorio finalizzato alla
predisposizione di una procedura per l’assegnazione, anche su base
temporanea, di frequenze agli attuali gestori dei servizi radiomobili
pubblici. A tal fine l’Autorita’ provvede ad accertare l’effettivo
utilizzo delle risorse frequenziali assegnate a ciascun attuale
gestore del servizio radiomobile pubblico, considerando lo stato e lo
sviluppo della rete, anche in relazione ai dati attuali e previsionali
sul traffico generato dalla clientela propria e da quella in roaming
nazionale.
2. Entro il 30 settembre 2000 l’Autorita’ rende nota la
procedura per l’assegnazione delle frequenze di cui al comma 1 ed il
relativo calendario.
3. Il termine di cui all’art. 8, comma 2, della
delibera n. 69/99 e’ fissato al 30 giugno 2001. Entro lo stesso
termine, l’Autorita’, alla luce dell’evoluzione del mercato dei
sistemi di comunicazioni mobili e personali, puo’ procedere, in
alternativa alle previsioni di cui al menzionato comma, alla revisione
del quadro regolamentare relativo alle modalita’ e alle condizioni
relative all’assegnazione delle frequenze ai gestori dei servizi
radiomobili pubblici.
La presente delibera e’ pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e nel bollettino
ufficiale dell’Autorita’.
Napoli, 24 maggio 2000
Il presidente

Cheli
Il commissario relatore
Lari
Il segretario degli organi
collegiali
Belati

Architetto.info