Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Ratifica ed esecuzione dell'Accordo per la cooperazione nel settore de...

Ratifica ed esecuzione dell'Accordo per la cooperazione nel settore del turismo tra la Repubblica italiana e la Grande Giamahiria araba libica popolare socialista, fatto a Roma il 4 luglio 1998.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
promulga la seguente legge:
Art. 1.
1. Il Presidente della Repubblica e’ autorizzato a ratificare
l’Accordo per la cooperazione nel settore del turismo tra la
Repubblica italiana e la Grande Giamahiria araba libica popolare
socialista, fatto a Roma il 4 luglio 1998.
Art. 2.
1. Piena ed intera esecuzione e’ data all’Accordo di cui
all’articolo 1, a decorrere dalla data della sua entrata in vigore,
in conformita’ a quanto disposto dall’articolo 7 dell’Accordo
stesso.
Art. 3.
1. All’onere derivante dall’applicazione della presente legge,
valutato in lire 15 milioni annue per ciascuno degli anni 1999 e
2001, si provvede mediante corrispondente riduzione dello
stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 1999-2001,
nell’ambito dell’unita’ previsionale di base di parte corrente
“Fondo speciale” dello stato di previsione del Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica per l’anno
finanziario 1999, allo scopo parzialmente utilizzando
l’accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri.
2. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione
economica e’ autorizzato ad apportare, con propri decreti, le
occorrenti variazioni di bilancio.
Art. 4.
1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello
della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di
farla osservare come legge dello Stato.
Data a Napoli, addi’ 22 agosto 2000
CIAMPI
Amato, Presidente del Consiglio dei Ministri
Dini, Ministro degli affari esteri
Visto: il Guardasigilli: Fassino
ACCORDO PER LA COOPERAZIONE NEL SETTORE DEL TURISMO TRA LA
REPUBBLICA ITALIANA E LA GRANDE GIAMAHIRIA ARABA LIBICA POPOLARE
SOCIALISTA.
Il Governo della Repubblica italiana e la Grande Giamahiria araba
libica popolare socialista (di seguito denominate “le Parti”);
Nel desiderio di consolidare i legami di amicizia esistenti tra il
popolo italiano ed il popolo arabo libico;
Convinti dell’importanza che puo’ avere lo sviluppo e l’incremento
della cooperazione nel settore turistico per il rafforzamento delle
buone relazioni;
hanno convenuto quanto segue:
Articolo 1
Le Parti si adopereranno per istituire uffici di rappresentanza
turistica nel territorio dell’altra Parte contraente in conformita’
alle legislazioni vigenti nei due Paesi, con il compito di
diffondere informazioni e propaganda turistica senza fini di lucro
e senza espletare attivita’ commerciali. Gli uffici e il loro
personale non saranno accreditati presso il Ministero degli affari
esteri italiano ed il Comitato popolare generale per le relazioni
estere e non goderanno dei privilegi e delle immunita’ normalmente
concesse ai diplomatici ed alle Rappresentanze diplomatiche dei due
Paesi.
Articolo 2
Le Parti rispetteranno le legislazioni vigenti nei due Paesi per
facilitare e semplificare le formalita’ previste per l’ingresso ed
il reingresso dei turisti di entrambi i Paesi.
Articolo 3
Le Parti incoraggeranno la cooperazione nel settore della
promozione turistica, attraverso l’organizzazione di settimane
turistiche e la partecipazione a manifestazioni, fiere, conferenze
e convegni turistici che si svolgono nei due Paesi.
Articolo 4
Al fine di migliorare la conoscenza delle rispettive industrie
turistiche, le Parti si scambieranno informazioni sulle proprie
organizzazioni turistiche, dati statistici relativi al settore, e
stabiliranno di comune accordo le priorita’ da attribuire ai
programmi di cooperazione nel settore in questione, con particolare
riguardo agli investimenti.
Articolo 5
Le due Parti si impegnano a cooperare nei settori dell’educazione,
dell’addestramento e della formazione turistiche anche attraverso
la possibilita’ di concessione di borse di studio.
Articolo 6
Sara’ formato un Comitato tecnico misto nel settore del turismo che
si riunira’ alternativamente nei due Paesi su iniziativa di una
delle Parti, allo scopo di garantire l’applicazione del presente
Accordo.
Articolo 7
Il presente Accordo avra’ validita’ di cinque anni ed entrera’ in
vigore, dopo l’espletamento delle rispettive procedure di ratifica,
alla data dello scambio degli strumenti di ratifica.
Il presente Accordo verra’ rinnovato automaticamente per periodi
successivi di un anno, salvo il caso di denuncia da una delle Parti
all’altra Parte, da notificare sei mesi prima della sua scadenza.
Il presente Accordo potra’ essere modificato d’intesa tra le Parti
e le modifiche cosi’ concordate entreranno in vigore per scambio di
note.
Fatto a Roma, il 4 luglio 1998, in due originali, ciascuno nelle
lingue italiana ed araba, entrambi i testi facenti ugualmente fede.
Per il governo della repubblica italiana
____________________________
Per la grande Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista
____________________________
LAVORI PREPARATORI
Senato della Repubblica (atto n. 3835):
Presentato dal Ministro degli affari esteri (Dini), il 23 febbraio
1999.
Assegnato alla 3a commissione (Affari esteri), in sede referente,
il 10 marzo 1999, con pareri delle commissioni 1a, 5a e 10a.
Esaminato dalla 3a commissione il 22 aprile 1999.
Relazione scritta annunciata il 3 maggio 1999 (atto n. 3835/A –
relatore sen. Corrao).
Esaminato ed approvato in aula il 26 maggio 1999.
Camera dei deputati (atto n. 6103): Assegnato alla III commissione
(Affari esteri), in sede referente, il 15 giugno 1999, con pareri
delle commissioni I, V e X.
Esaminato dalla III commissione l’8 febbraio 2000.
Relazione scritta annunciata il 14 febbraio 2000 (atto n. 6103/A –
relatore on. Niccolini).
Esaminato in aula il 20 marzo 2000 e approvato il 27 luglio 2000.

Architetto.info