Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Attribuzione all'ENEL S.p.a., ai sensi dell'art. 14 del D.L. 11 luglio...

Attribuzione all'ENEL S.p.a., ai sensi dell'art. 14 del D.L. 11 luglio 1992, n. 333 (2), convertito con L. 8 agosto 1992, n. 359, della concessione delle attività per l'esercizio del pubblico servizio di fornitura dell'energia elettrica nel territorio nazionale.

ENTE NAZIONALE PER L’ENERGIA ELETTRICA (E.N.E.L.)
A) Norme generali sull’industria elettrica e sull’E.N.E.L.
D.M. 28 dicembre 1995 (1).

Attribuzione all’ENEL S.p.a., ai sensi
dell’art. 14 del D.L. 11 luglio 1992, n. 333
(2), convertito con L. 8 agosto 1992, n. 359,
della concessione delle attività per
l’esercizio del pubblico servizio di fornitura
dell’energia elettrica nel territorio
nazionale.

IL MINISTRO DELL’INDUSTRIA
DEL COMMERCIO E DELL’ARTIGIANATO

Vista la legge 6 dicembre 1962, n. 1643, concernente
l’istituzione dell’Ente nazionale per l’energia elettrica ENEL,
e successive modificazioni ed integrazioni;
Visto l’art. 1, primo comma, della stessa legge che ha
riservato al detto Ente il compito di esercitare nel territorio
nazionale le attività di produzione, importazione, esportazione,
trasporto, trasformazione, distribuzione e vendita dell’energia
elettrica da qualsiasi fonte prodotta;
Visto l’art. 14, primo comma, del decreto-legge 11 luglio
1992, n. 333, convertito, con modificazioni, nella legge 8
agosto 1992, n. 359, in base al quale tutte le attività
riservate per legge ad enti pubblici o a società a
partecipazione statale restano attribuite, a titolo di
concessione, ai medesimi soggetti che ne erano titolari all’atto
dell’entrata in vigore del citato decreto;
Visto l’art. 15, primo comma, dello stesso decreto, convertito
come sopra, che ha disposto la trasformazione dell’Ente
nazionale per l’energia elettrica ENEL in Società per azioni;
Visto il verbale dell’assemblea straordinaria dell’Ente
nazionale per l’energia elettrica ENEL S.p.a., tenutasi il 7
agosto 1992 e recante approvazione dello Statuto della Società
derivante dalla trasformazione dell’ENEL, la quale ha assunto la
denominazione di ENEL – Società per azioni;
Vista la legge 14 novembre 1995, n. 481, recante norme per la
concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità e
per la istituzione delle autorità di regolazione dei servizi
stessi;
Visti, in particolare, gli articoli 2, commi 35, 36 e 37, e 3,
comma 8, della citata legge, recanti norme in materia di
concessioni nei settori ivi disciplinati ed in materia di
attività elettriche esercitate dalle imprese elettriche degli
enti locali;
Viste le risoluzioni approvate dal Senato della Repubblica il
16 marzo e il 26 settembre 1995 e dalla Camera dei deputati il
20 luglio 1995;
Viste le linee fondamentali per la privatizzazione dell’ENEL
S.p.a. e la riforma del settore elettrico nazionale approvate
dal Comitato di Ministri per le privatizzazioni il 28 novembre
1995;
Visto il contratto di programma stipulato il 10 aprile 1991
tra il Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato e l’Ente nazionale per l’energia elettrica
ENEL, ai sensi dell’art. 30, primo comma, della legge 9 gennaio
1991, n. 9;
Considerato che, in relazione a quanto disposto dall’art. 14,
comma 2, del decreto-legge 11 luglio 1992, n. 333, convertito
nella legge 8 agosto 1992, n. 359 e dall’art. 2, comma 2, del
decreto-legge 23 aprile 1993, n. 118, convertito dalla legge 23
giugno 1993, n. 202, il Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato deve disciplinare, in conformità alle
disposizioni vigenti, la concessione relativa alle attività
elettriche esercitate dalla società derivante dalla
trasformazione dell’ENEL;
Visto il parere reso in data 22 dicembre 1995 dalla Autorità
garante della concorrenza e del mercato, ai sensi dell’art. 2,
comma 34, della legge 14 novembre 1995, n. 481;
Ritenuto, in relazione al detto parere, di accogliere, cos
come accoglie, le proposte e le indicazioni formulate
dall’Autorità garante in ordine: ai diritti attribuiti alle
imprese elettriche degli enti locali dall’art. 3, comma 8, della
legge 14 novembre 1995, n. 481 (art. 1, comma 1, della
convenzione annessa al presente decreto); all’osservanza delle
norme di legge sulla tutela della concorrenza e del mercato
(art. 10, comma 4); alle disposizioni che si riferiscono agli
indennizzi (premessa, art. 19, comma 4, ed art. 26, comma 1);
alla ottimizzazione dei sistemi di distribuzione locale, ed
all’aumento della quota di distribuzione delle imprese
elettriche degli enti locali, da perseguire mediante meccanismi
che non siano di natura esclusivamente consensuale (art. 14,
commi 4, 5, 6); alla partecipazione delle imprese elettriche
degli enti locali ad una eventuale costituenda società per la
trasmissione (art. 13, comma 7);
Ritenuto, infine, sempre in relazione al parere dell’Autorità
garante, che, anche nell’ipotesi di liberalizzazione delle
attività di generazione, la previsione relativa al controllo
dell’ENEL S.p.a. sulla costituenda società per la produzione
debba essere mantenuta, nell’interesse dello Stato riservatario
del servizio, in quanto funzionale all’adempimento di precisi
obblighi, che rientrano tra quelli di servizio universale, posti
a carico della concessionaria, quali, tra l’altro, quelli
previsti dall’art. 5, comma 3, e dall’art. 13, comma 5, secondo
capoverso dell’annessa convenzione;
Considerato che la formalizzazione della convenzione relativa
alla concessione di attività elettriche all’ENEL S.p.a.
costituisce per l’Amministrazione, un atto dovuto a norma di
quanto prescritto dall’art. 14, comma 2, del decreto-legge 11
luglio 1992, n. 333, convertito, con modificazioni, dalla legge
8 agosto 1992, n. 359 e dall’art. 2, comma 2, del decreto-legge
n. 118, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno
1993, n. 202;
Ritenuto che l’adempimento di tale obbligo, coerente con
l’attuale assetto dell’ordinamento, non costituisce peraltro un
vincolo in ordine ai futuri assetti del sistema elettrico
nazionale, in considerazione di quanto espressamente previsto e
regolato nella premessa e nell’art. 19, comma 4, della annessa
convenzione;
Decreta:

1. 1. E’ attribuita all’ENEL S.p.a., a norma dell’art. 14,
primo comma, del decreto-legge 11 luglio 1992, n. 333 (3),
convertito nella legge 8 agosto 1992, n. 359, la concessione
delle attività di cui all’art. 1, primo comma, della legge 6
dicembre 1962, n. 1643 (4), per l’esercizio del pubblico
servizio di fornitura dell’energia elettrica nel territorio
nazionale.
2. Il servizio, di cui al comma 1, deve essere svolto per le
finalità e secondo le condizioni, modalità e limiti previsti
dalla annessa convenzione.
3. La concessione di cui al precedente comma 1 avrà la durata
di anni quaranta a decorrere dall’11 luglio 1992.
4. Previa autorizzazione del Ministro dell’industria, del
commercio e dell’artigianato, le attività indicate al precedente
comma 1 possono essere affidate in sub-concessione dall’ENEL
S.p.a., alle condizioni prescritte nella annessa convenzione.

2. E’ approvata l’annessa convenzione stipulata tra il
Ministero dell’industria, del commercio e dell’artigianato e
l’ENEL S.p.a. per la disciplina della concessione relativa alle
attività indicate nella convenzione stessa.

Convenzione tra il Ministero dell’Industria, del Commercio e
dell’Artigianato e l’ENEL S.p.a.

Tra il Ministero dell’Industria, del Commercio e
dell’Artigianato (d’ora innanzi indicato con l’abbreviazione
®Ministero¯ o ®Amministrazione¯), in persona del Dottor Ettore
Rossoni, Direttore Generale delle Fonti di Energia e delle
Industrie di Base, e l’ENEL S.p.a. (d’ora innanzi denominata con
l’abbreviazione ®Societ௠o con il termine ®Concessionaria¯), in
persona del Presidente del Consiglio di Amministrazione, Dottor
Franco Viezzoli, e dell’Amministratore Delegato, Dottor Alfonso
Limbruno
Premesso

Ä che, a norma degli artt. 14, primo comma, e 15, primo comma,
del D.L. 11 luglio 1992, n. 333 (3), convertito nella legge 8
agosto 1992, n. 359, sono attribuite all’ENEL S.p.a., a titolo
di concessione, le attività di importazione, esportazione,
produzione, trasporto, trasformazione, distribuzione e vendita
dell’energia elettrica, prima riservate all’Ente Nazionale per
l’Energia Elettrica – ENEL, ai sensi dell’art. 1, primo comma,
della legge 6 dicembre 1962, n. 1643 (4);
Ä che la disciplina della concessione regolata dalla presente
convenzione interviene, tuttavia, nel quadro di una evoluzione
dell’ordinamento del sistema elettrico italiano che dovrà
conformarsi alle direttive dell’Unione Europea e che, laddove il
mercato non sia caratterizzato da condizioni di monopolio
naturale, sarà orientata verso una sempre pi— larga apertura ai
princpi di competitività e di concorrenza, se prevista dalle
anzidette direttive della Unione Europea;
Ä che, secondo le linee fondamentali per la privatizzazione
dell’ENEL S.p.a. e la riforma del settore elettrico nazionale,
approvate dal Comitato di Ministri per le privatizzazioni il 28
novembre 1995 e secondo, inoltre, le risoluzioni approvate dal
Senato della Repubblica il 16 marzo ed il 26 settembre 1995 e
dalla Camera dei Deputati il 20 luglio 1995, il futuro assetto
del settore sarà ispirato ad alcune linee-guida tra i cui
termini essenziali rientrano, in particolare: la integrale
liberalizzazione della attività di produzione mediante la
realizzazione della capacità di generazione sulla base di aste
competitive; la separazione delle attività di produzione
dell’ENEL S.p.a. in una separata società; la liberalizzazione
delle attività di importazione ed esportazione alle condizioni
di reciprocità previste dagli …

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info