Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Comunicato concernente il rispetto della superficie di base ai sensi d...

Comunicato concernente il rispetto della superficie di base ai sensi del regolamento CE n. 1251/99 relativo al regime di sostegno a favore dei produttori di taluni seminativi e della superficie massima garantita per il riso, di cui al regolamento CE n. 3072/95 (raccolto 2000)

In conformita’ al disposto di cui all’art. 10 del regolamento CE n.
2316/99 del 22 ottobre 1999, si rende noto che, sulla base delle
risultanze della partecipazione al regime di sostegno comunitario
previsto in favore dei coltivatori di taluni seminativi
(regolamento CE n. 1251/99), l’area di base globale nazionale,
fissata in 5,8012 milioni di ettari, non e’ stata superata.
Conseguentemente, per il 2000, le superfici dichiarate dai
coltivatori di cereali, escluso il mais, sono totalmente
ammissibili ai pagamenti per superficie.
L’area di base specifica per il mais, fissata dal predetto
regolamento CE n. 2316/99 in 1,2 mio/ha, risulta invece superata,
in via previsionale, nella misura dell’8,99% e, pertanto, allo
stato, le superfici investite a mais ammissibili ai pagamenti per
superficie saranno ridotte nella misura di detta percentuale.
Per quanto concerne i semi oleosi, le superfici dichiarate
risultano pari a 540.565 ha; pertanto, la superficie massima
garantita determinata per l’Italia, al netto della quota teorica
(10%) di messa a riposo, risulta superata.
Tuttavia, eventuali penalita’ in questo comparto saranno previste
secondo la vigente normativa comunitaria solo qualora sara’
constatato anche il superamento della superficie massima garantita
comunitaria.
La superficie massima garantita per il grano duro (1.646.000 ha)
delle regioni tradizionali non e’ stata superata, in quanto le
superfici dichiarate risultano pari a 1.589.264 ha.
Di contro, la superficie massima garantita delle regioni non
tradizionali (4.000 ha) risulta superata, in quanto sono stati
dichiarati a tal fine 18.506 ha.
La superficie massima garantita attribuita all’Italia per il riso
non risulta superata e, pertanto, i produttori interessati
riceveranno integralmente la compensazione al reddito loro
spettante.

Architetto.info