Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Rideterminazione dell'importo del contributo a parziale copertura del ...

Rideterminazione dell'importo del contributo a parziale copertura del danno subito dal settore della pesca e della acquacoltura.

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI
Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 72, concernente il Fondo di
solidarieta’ nazionale della pesca;
Visto l’art. 1 che stabilisce la destinazione delle risorse del
fondo alla concessione di contributi a titolo di pronto intervento
a parziale copertura del danno a favore di pescatori singoli o
associati che abbiano subito gravi danni o si trovino in
particolare condizioni di bisogno per la ripresa produttiva della
propria azienda in conseguenza di calamita’ naturali o di
avversita’ meteomarine ovvero ecologiche di carattere eccezionale;
Visto il decreto 3 marzo 1992 del Ministero della marina mercantile
recante “Modalita’ tecniche e criteri relativi alla provvidenza
previste dalla citata legge n. 72/1992”;
Visto in particolare l’art. 5 di detto decreto che stabilisce
l’entita’ massima del contributo previsto a parziale copertura dei
danni di cui all’art. 1 della legge n. 72/1992;
Visto il decreto ministeriale 25 febbraio 1997 che ha modificato
l’importo dei contributi di cui sopra;
Visto il decreto-legge 30 settembre 1994, n. 561, convertito in
legge 30 novembre 1994, n. 655, recante: “Misure urgenti in materia
di pesca e di acquacoltura”;
Visto l’art. 1, comma 2, di detto decreto-legge che prevede
l’approvazione, con decreto del Ministro delle risorse agricole,
alimentari e forestali, sentita la Commissione consultiva centrale
per la pesca marittima, delle modalita’ tecniche di attuazione in
materia di fondo di solidarieta’ nazionale della pesca;
Ritenuto opportuno rideterminare i massimali di intervento;
Sentita la Commissione consultiva della pesca marittima che nella
riunione del 19 luglio 2000 ha espresso parere favorevole;
Decreta:
A decorrere dal mese di ottobre 2000 l’importo del contributo a
parziale copertura del danno di cui all’art. 1 della legge 5
febbraio 1992, n. 72, e’ determinato, in relazione ai diversi tipi
di attivita’ e per categorie omogenee, nelle misure massime
seguenti:
a) navi inferiori a 10 tsl, fino a 7 milioni;
b) navi da 10 tsl a 50 tsl, fino a 15 milioni;
c) navi oltre 50 tsl, fino a 20 milioni;
d) imprese di acquacoltura, mitilicoltura, molluschicoltura: il 35%
del danno accertato fino ad un massimo di 1.000 milioni.
Il presente decreto, registrato all’organo di controllo, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 4 agosto 2000
Il Ministro: Pecoraro Scanio
Registrato alla Corte dei conti il 4 ottobre 2000
Registro n. 2 Politiche agricole e forestali, foglio n. 140

Architetto.info