Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Requisiti, limiti delle abilitazioni e certificazioni della gente di m...

Requisiti, limiti delle abilitazioni e certificazioni della gente di mare.

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE
Vista la legge 21 novembre 1985, n. 739, concernente l’adesione
alla convenzione sulle norme relative alla formazione della gente
di mare, al rilascio dei brevetti e alla guardia, adottata a Londra
il 7 luglio 1978, nonche’ il comunicato del Ministero degli affari
esteri, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 275 del 24 novembre
1987, relativo al deposito presso il segretariato generale
dell’Organizzazione internazionale marittima (IMO), in data 26
agosto 1987, dello strumento di adesione dell’Italia alla
convenzione suddetta, entrata, pertanto, in vigore, per l’Italia il
26 novembre 1987, conformemente all’art. XIV;
Vista la risoluzione 1 della Conferenza dei Paesi aderenti all’IMO
tenutasi a Londra il 7 luglio 1995, con la quale sono stati
adottati gli emendamenti all’annesso della sopra citata Convenzione
del 1978;
Vista la risoluzione 2 della sopra citata Conferenza internazionale
con la quale e’ stato adottato il codice di addestramento,
certificazione e tenuta della guardia per i marittimi;
Considerato che gli emendamenti di cui alle risoluzioni 1 e 2 sopra
richiamate sono entrati in vigore dal 1o febbraio 1997;
Considerato che la direttiva 94/58/CE del Consiglio del 22 novembre
1994, concernente i requisiti minimi di formazione per la gente di
mare, come modificata dalla direttiva 98/35/CE del 25 maggio 1998,
recepite, rispettivamente, con legge 24 aprile 1998, n. 128, e con
legge 21 dicembre 1999, n. 526, e che le stesse sono entrate in
vigore, rispettivamente, alla data del 31 dicembre 1995 e del 1o
luglio 1999;
Considerato che i capitoli II e III dell’annesso sopra richiamato
individuano i requisiti minimi obbligatori per la certificazione
dei marittimi per i servizi di coperta e di macchina e le
corrispondenti abilitazioni cosi’ come segue:
1) Sezione coperta:
a) ufficiale di navigazione;
b) ufficiale di navigazione di seconda classe;
c) ufficiale di navigazione di terza classe;
d) capitano;
e) capitano di seconda classe;
f) comandante;
g) comandante di seconda classe;
h) comandante di terza classe;
i) comandante di quarta classe;
l) comune di guardia di coperta.
2) Sezione macchina:
a) ufficiale di macchina;
b) capitano di macchina;
c) capitano di macchina di seconda classe;
d) direttore di macchina;
e) direttore di macchina di seconda classe;
f) comune di guardia di macchina.
Considerata la necessita’ di procedere all’indicazione dei
requisiti e dei limiti delle abilitazioni nonche’ le modalita’ di
rilascio delle certificazioni della gente di mare di cui alla
citata convenzione STCW/78, come emendata nel 1995;
Visto l’art. 7, comma 1-bis, del decreto-legge 30 dicembre 1997, n.
457, convertito in legge 27 febbraio 1998, n. 30, che prevede che
il Ministro dei trasporti e della navigazione con proprio decreto
stabilisca i requisiti ed i limiti delle abilitazioni della gente
di mare e ne disciplini la necessaria attivita’ di certificazione;
Visto il decreto ministeriale 28 dicembre 1999, n. 121-T con il
quale all’art. 4 sono state delegate al Sottosegretario di Stato
sen. Mario Occhipinti le funzioni nelle materie di competenza del
Dipartimento della navigazione marittima ed interna;
Decreta:
Art. 1.
Ufficiale di navigazione
1. L’ufficiale di navigazione puo’ imbarcare in qualita’ di
ufficiale di coperta di grado inferiore al primo e ad assumere la
responsabilita’ di una guardia di navigazione a bordo di navi
aventi stazza lorda pari o superiore a 500 tonnellate.
2. Per conseguire il certificato di ufficiale di navigazione
occorrono i seguenti requisiti:
a) essere iscritto nelle matricole della gente di mare di prima
categoria;
b) avere compiuto i diciotto anni di eta’;
c) essere in possesso del diploma di scuola secondaria superiore;
d) avere completato, con esito favorevole, un programma di
addestramento sui compiti e sulle mansioni dell’ufficiale di
coperta, di cui alla sezione A-II/1 del codice STCW, a livello
operativo, comprensivo di un periodo di navigazione di almeno
dodici mesi su navi di stazza lorda pari o superiore a 500
tonnellate in attivita’ di addestramento, nonche’ della frequenza,
con esito favorevole, dei corsi antincendio di base e avanzati,
sopravvivenza e salvataggio, radar e A.R.P.A. presso istituti, enti
o societa’ riconosciuti idonei da questo Ministero.
Il periodo di addestramento a bordo deve essere effettuato sotto la
supervisione del comandante o di un ufficiale di coperta da questi
designato e il suo svolgimento deve essere riportato in un apposito
libretto di addestramento approvato dall’amministrazione. Tale
periodo puo’ essere sostituito da un periodo di navigazione di
almeno trentasei mesi in servizio di coperta a bordo di navi di
stazza lorda pari o superiore a 500 tonnellate, dei quali almeno
sei in compiti connessi con la tenuta della guardia sotto la
supervisione del comandante o di un ufficiale di coperta da questi
designato;
e) aver sostenuto, con esito favorevole, dopo il completamento del
programma di addestramento, un esame teorico-pratico, atto a
dimostrare il possesso delle conoscenze e capacita’ di eseguire i
compiti e le mansioni dell’ufficiale di coperta, di cui alla
sezione A-II/1 del codice STCW, a livello operativo.
3. Qualora in possesso di apposita abilitazione rilasciata o
riconosciuta dal Ministero delle comunicazioni, l’ufficiale di
navigazione potra’ svolgere mansioni connesse con i servizi radio
di bordo.
Art. 2.
Ufficiale di navigazione di seconda classe
1. L’ufficiale di navigazione di seconda classe puo’ imbarcare in
qualita’ di ufficiale di coperta di grado inferiore al primo e ad
assumere la responsabilita’ di una guardia di navigazione a bordo
di navi aventi stazza lorda inferiori a 500 tonnellate senza
limitazioni riguardo la destinazione della nave.
2. Per conseguire il certificato di ufficiale di navigazione di
seconda classe occorre essere in possesso dei requisiti previsti
all’art. 1 per il conseguimento del certificato di ufficiale di
navigazione.
Art. 3.
Ufficiale di navigazione di terza classe
1. L’ufficiale di navigazione di terza classe puo’ imbarcare in
qualita’ di ufficiale di coperta di grado inferiore aI primo ed
assumere la responsabilita’ di una guardia di navigazione a bordo
di navi aventi stazza lorda inferiori a 500 tonnellate che compiono
navigazione costiera.
2. Per conseguire il certificato di ufficiale di navigazione di
terza classe occorrono i seguenti requisiti:
a) essere iscritto nelle matricole della gente di mare di prima
categoria;
b) avere compiuto i diciotto anni di eta’;
c) essere in possesso del diploma di scuola secondaria superiore;
d) avere completato, con esito favorevole, un programma di
addestramento sui compiti e mansioni dell’ufficiale di coperta su
navi impegnate in navigazione costiera, di cui alla sezione A-II/3
del codice STCW, a livello operativo, comprensivo di un periodo di
navigazione di almeno trentasei mesi in servizio di coperta.
Il periodo di navigazione deve essere integrato dalla frequenza,
con esito favorevole, dei corsi antincendio di base e avanzati,
sopravvivenza e salvataggio, e radar presso istituti, enti o
societa’ riconosciuti idonei da questo Ministero;
e) aver sostenuto, con esito favorevole, al termine del periodo di
addestramento, un esame teoricopratico, atto a dimostrare il
possesso delle conoscenze e capacita’ di eseguire i compiti e le
mansioni dell’ufficiale di coperta su navi impegnate in navigazione
costiera, di cui alla sezione A-II/3 del codice STCW a livello
operativo.
Art. 4.
Capitano
1. Il capitano puo’ imbarcare in qualita’ di primo ufficiale di
coperta a bordo di navi senza limitazioni riguardo le
caratteristiche e la destinazione della nave.
2. Per conseguire il certificato di capitano occorrono i seguenti
requisiti:
a) essere in possesso del certificato di abilitazione di “ufficiale
di navigazione”;
b) avere completato, con esito favorevole, un programma di
addestramento sui compiti e mansioni dei primi ufficiali e
comandanti, di cui alla sezione A-II/2 del codice STCW, al livello
direttivo, comprensivo di un periodo di navigazione di almeno
dodici mesi in qualita’ di ufficiale responsabile di una guardia di
navigazione a bordo di navi di stazza lorda pari o superiore a 500
tonnellate;
c) aver sostenuto, con esito favorevole, al termine del periodo di
addestramento, un esame teorico-pratico, atto a dimostrare il
possesso delle conoscenze e capacita’ di eseguire i compiti e le
mansioni dei primi ufficiali e comandanti, di cui alla sezione A-
II/2 del codice STCW, al livello direttivo.
Art. 5.
Capitano di seconda classe
1. Il capitano di seconda classe puo’ imbarcare in qualita’ di
primo ufficiale di coperta a bordo di navi aventi stazza lorda
compresa tra 500 e 3000 tonnellate senza limitazioni riguardo la
destinazione della nave.
2. Per conseguire il certificato di capitano di seconda classe
occorrono i seguenti requisiti:
a) essere in possesso del certificato di abilitazione di “ufficiale
di navigazione”;
b) avere completato, con esito favorevole, un programma di
addestramento sui compiti e mansioni dei primi ufficiali e
comandanti di navi di stazza lorda compresa tra 500 e 3000
tonnellate, di cui alla sezione A-II/2 del codice STCW, al livello
direttivo;
c) aver sostenuto, con esito favorevole, al termine del periodo di
addestramento, un esame teoricopratico, atto a dimostrare il
possesso delle conoscenze e capacita’ di eseguire i compiti e le
mansioni dei primi ufficiali e comandanti di navi di stazza lorda
compresa tra 500 e 3000, di cui alla sezione A-II/2 del codice
STCW, a…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info