Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 settembr...

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 settembre 1997, n. 324, recante ulteriori interventi in materia di incentivi per la rottamazione

Testo del decreto-legge coordinato con la legge di conversione
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 26 novembre 1997
(*) Le modifiche apportate dalla legge di conversione sono stampate
con caratteri corsivi
Art. 1.
Incentivi per la rottamazione
1. Il contributo agli acquisti dei veicoli di cui all’articolo 29
del decreto-legge 31 dicembre 1996, n. 669, convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 febbraio 1997, n. 30, e’
riconosciuto, fino a lire unmilionecinquecentomila, per quelli
effettuati tra il 1 ottobre 1997 e il 31 gennaio 1998. Tale
contributo, ferme restando le disposizioni previste dal predetto
articolo 29, commi 2, 3, 4 e 5, viene corrisposto ai soggetti
indicati al comma 2, lettera b), del medesimo articolo purche’
risultino intestatari del veicolo da rottamare da data anteriore al
31 marzo 1997. Per gli acquisti di veicoli effettuati tra il 1
febbraio 1998 e il 31 luglio 1998 il predetto contributo e’
commisurato al consumo di carburante, certificato per cento
chilometri, nei limiti che seguono:
a) fino a lire un milione per consumi compresi tra 7 e 9 litri;
b) fino a lire unmilioneduecentocinquantamila per consumi inferiori
a 7 litri.
2. A decorrere dal 1 ottobre 1997, il contributo per gli acquisti
di cui all’articolo 29 del citato decreto-legge n. 669 del 1996 e’
riconosciuto, per gli autoveicoli con trazione elettrica, fino
all’importo massimo di lire 3.500.000. Nei limiti di importo di
lire 30 miliardi a valere sulle disponibilita’ finanziarie di cui
al comma 3, il Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato determina, con proprio decreto, priorita’,
criteri, modalita’, durata ed entita’ delle agevolazioni a partire
dal 1 agosto 1998 per gli autoveicoli alimentati a metano o a gas
di petrolio liquefatto (GPL). Tale decreto dovra’ determinare
altresi’ agevolazioni per l’installazione di impianti di
alimentazione a metano o a GPL effettuata entro l’anno successivo
alla data di immatricolazione dell’autoveicolo purche’ quest’ultima
abbia avuto luogo a partire dal 1 agosto 1997.
3. All’onere derivante dalle disposizioni del presente articolo,
valutato in lire 75 miliardi per il 1997, in lire 170 miliardi per
il 1998 ed in lire 5 miliardi a decorrere dal 1999, si provvede,
per l’anno 1997, mediante utilizzo delle maggiori entrate derivanti
dall’articolo 29 del decreto-legge 31 dicembre 1996, n. 669,
convertito, con modificazioni, dalla legge 18 febbraio 1997, n. 30,
e, per gli anni 1998 e 1999, mediante utilizzo delle proiezioni per
gli anni medesimi dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio
triennale 1997-1999, al capitolo 6856 dello stato di previsione del
Ministero del tesoro per l’anno finanziario 1997, all’uopo
parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero
medesimo. Il predetto importo e’ iscritto ad apposito capitolo
dello stato di previsione del Ministero delle finanze per il
successivo riversamento agli appropriati capitoli dell’entrata. Con
provvedimenti legislativi di variazione di bilancio, gli eventuali
miglioramenti del saldo netto da finanziare derivanti nel triennio
1997-1999 dalle maggiori entrate accertate in connessione con le
maggiori vendite realizzate per effetto delle disposizioni di cui
al presente articolo potranno, in deroga alla vigente normativa
contabile, essere acquisiti a reintegrazione del predetto
accantonamento. Il Ministro del tesoro e’ autorizzato ad apportare,
con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
Art. 2.
Modifiche al decreto-legge 31 dicembre 1996, n. 669, convertito,
con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 1997, n. 30
1. La lettera b) del comma 5 dell’articolo 29 del decreto-legge 31
dicembre 1996, n. 669, convertito, con modificazioni, dalla legge
28 febbraio 1997, n. 30, e’ sostituita dalla seguente: ” b) copia
del libretto e della carta di circolazione e del foglio
complementare o del certificato di proprieta’ del veicolo usato; in
caso di loro mancanza, copia dell’estratto cronologico;”.
Art. 3.
Entrata in vigore
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e
sara’ presentato alle Camere per la conversione in legge.

Architetto.info