Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Misure urgenti per l'autotrasporto...

Misure urgenti per l'autotrasporto

Art. 1.
Oneri indiretti
1. Le disposizioni di cui all’articolo 3, comma 2, del decreto-
legge 8 agosto 1996, n. 437, convertito, con modificazioni, dalla
legge 24 ottobre 1996, n. 556, sono confermate per il periodo di
imposta relativo all’anno 1997. Il relativo onere e’ determinato in
lire 29 miliardi per l’anno 1998.
2. Al fine di ottimizzare le misure di sicurezza e contenere il
rilevante fenomeno infortunistico, i premi INAIL per i dipendenti
delle imprese di autotrasporto in conto di terzi sono rideterminati
nei limiti di lire 32 miliardi. I minori introiti derivanti
dall’applicazione del presente articolo sono rimborsati
all’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul
lavoro (INAIL) nei limiti di lire 32 miliardi, per l’anno 1998,
dietro presentazione di apposita rendicontazione.
Art. 2.
Contributi al Comitato centrale per l’Albo degli autotrasportatori
1. Per l’anno 1998 e’ assegnato al Comitato centrale per l’Albo
degli autotrasportatori l’importo di lire 114 miliardi per lo
svolgimento delle proprie finalita’ istituzionali con particolare
riguardo alle nuove funzioni attribuitegli dall’articolo 1, comma
4, lettera g), della legge 23 dicembre 1997, n. 454, nonche’ per le
attivita’ di studio e consulenza propedeutiche alla riforma
organica di cui alla citata legge n. 454 del 1997, e dall’articolo
106 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112.
Art. 3.
Copertura finanziaria
1. All’onere di lire 175 miliardi, derivante dall’attuazione del
presente decreto, si provvede mediante utilizzo delle
disponibilita’ in conto residui dell’unita’ previsionale 2.2.1.3
“Trasporti in gestione diretta ed in concessione”, capitolo 7304
dello stato di previsione del Ministero dei trasporti e della
navigazione per l’anno 1998, intendendosi corrispondentemente
ridotta l’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 13, comma 12,
della legge 11 marzo 1988, n. 67, come rideterminata dalla tabella
C della legge 23 dicembre 1996, n. 663. Tali disponibilita’ sono
versate all’entrata del bilancio dello Stato per essere
riassegnate, con decreti del Ministro del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica alle apposite unita’ previsionali
degli stati di previsione dei competenti Ministeri.
Art. 4.
Entrata in vigore
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e
sara’ presentato alle Camere per la conversione in legge.

Architetto.info