Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Aumenti tariffari per i servizi di trasporto passeggeri sulla media e ...

Aumenti tariffari per i servizi di trasporto passeggeri sulla media e lunga percorrenza, con le modalita' e secondo le procedure di cui alla deliberazione CIPE n. 173/99.

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE
Vista la deliberazione n. 173 del 5 novembre 1999 con la quale il
CIPE, in attuazione degli indirizzi stabiliti con la precedente
deliberazione del 24 aprile 1996, ha previsto il meccanismo di
adeguamento delle tariffe del trasporto viaggiatori della Ferrovie
dello Stato S.p.a. sulla media-lunga percorrenza nell’arco
temporale 2000-2003;
Visto in particolare il punto 3 della citata deliberazione CIPE n.
173/99, che disciplina la procedura per la determinazione degli
standard di qualita’ del servizio e degli obiettivi di
miglioramento della qualita’ stessa, e che condiziona le variazioni
tariffarie annuali eccedenti il tasso programmato di inflazione
alla verifica del raggiungimento di tali obiettivi, nonche’ al
conseguimento degli obiettivi di riduzione dei costi di esercizio
dei servizi viaggiatori di media e lunga percorrenza stabiliti dal
piano d’impresa 1999-2003;
Considerato che il nuovo sistema tariffario, basato sulla
metodologia del “price-cap”, postula un maggiore orientamento al
mercato, prospetta l’acquisizione di quote maggiori di traffico con
l’obiettivo di una maggiore tutela degli utenti ed in tale contesto
prevede aumenti tariffari strettamente connessi al miglioramento
della qualita’ complessiva del servizio erogato;
Considerato che nell’ambito dell’indicato regime tariffario la
citata deliberazione del CIPE n. 173/99 prevede per il gestore dei
servizi passeggeri la facolta’ di praticare un aumento annuale
medio delle tariffe dei singoli servizi di media e lunga
percorrenza inclusi nel paniere di cui alla stessa deliberazione,
nei limiti della somma del tasso programmato di inflazione e di
un’ulteriore percentuale pari al 3,5%, quest’ultima condizionata al
raggiungimento degli obiettivi di qualita’ prefissati;
Vista la licenza di impresa ferroviaria rilasciata alla F.S. S.p.a.
ed alla Italiana trasporto ferroviario (ITF) S.p.a. in data 23
maggio 2000 per lo svolgimento dell’attivita’ di trasporto
ferroviario;
Vista la nota del 19 luglio 2000 con la quale e’ stato comunicato
che, con deliberazione dell’assemblea dei soci di ITF S.p.a. del 7
giugno 2000, omologata dal tribunale di Roma il successivo 20
giugno, la societa’ ITF ha mutato la propria ragione sociale in
Trenitalia S.p.a.;
Visto il decreto ministeriale 4 luglio 2000, n. 88T, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale del 21 luglio 2000, che, all’art. 2, ha
fissato gli standard di qualita’ del servizio di trasporto
viaggiatori sulla media e lunga percorrenza svolto da Trenitalia
S.p.a. per l’anno 2000 e, all’art. 3, ha disciplinato gli ulteriori
adempimenti di F.S. S.p.a. e di Trenitalia S.p.a. necessari ai fini
del raggiungimento degli obiettivi di qualita’ indicati dallo
stesso decreto;
Vista la nota in data 27 ottobre 2000 con cui Trenitalia S.p.a. ha
dichiarato di aver rispettato tutti gli obiettivi di qualita’ e gli
ulteriori adempimenti stabiliti dal predetto decreto ministeriale e
ha chiesto di essere autorizzata a praticare, a decorrere dal 1o
gennaio 2001, aumenti tariffari medi pari al 5,2% per i servizi
passeggeri a media e lunga percorrenza inclusi nel paniere di cui
alla deliberazione CIPE n. 173/99;
Visto lo scambio di note fra il Servizio di vigilanza sulle
ferrovie, F.S. S.p.a. e Trenitalia S.p.a. riguardanti la verifica
dell’avvenuto rispetto degli standard di cui al citato decreto
ministeriale n. 88/T e l’individuazione degli ulteriori obiettivi
di miglioramento della qualita’ per il 2001;
Viste la Carta dei servizi per l’anno 2000, resa pubblica da F.S.
S.p.a. in data 5 ottobre 2000, e le note di Trenitalia S.p.a. del 9
novembre 2000 e del 15 novembre 2000, con le quali la stessa
societa’ ha assunto l’impegno di adottare entro il 28 febbraio 2001
una nuova Carta dei servizi per il 2001 ed ha altresi’ indicato
prestazioni i cui livelli minimi di qualita’ saranno garantiti
anche attraverso l’individuazione dei casi e delle procedure di
rimborso a favore degli utenti;
Vista la relazione in data 21 novembre 2000 del Servizio di
vigilanza sulle ferrovie al Ministero del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica – Nucleo consulenza attuazione linee
guida regolazione servizi di pubblica utilita’ (N.A.R.S.), sulla
verifica del raggiungimento degli standard di qualita’ per i
servizi di trasporto passeggeri a media e lunga percorrenza svolti
da F.S. S.p.a. e sulla determinazione degli standard di qualita’
degli stessi servizi per l’anno 2001;
Vista la nota del N.A.R.S. del 4 dicembre 2000 e l’allegato parere
favorevole, con osservazioni e raccomandazioni, formulato nella
seduta del 23 novembre 2000 sulle proposte contenute nella suddetta
relazione del Servizio di vigilanza sulle ferrovie;
Vista la nota del Servizio di vigilanza sulle ferrovie in data 6
dicembre 2000 con la quale si attesta che Trenitalia ha conseguito
gli standard di qualita’ ed attuato gli ulteriori adempimenti
stabiliti dal citato decreto ministeriale n. 88/T ai fini
dell’adeguamento tariffario previsto dalla citata delibera CIPE n.
173/99 e con la quale – tenuto anche conto delle osservazioni e
raccomandazioni del N.A.R.S. – si propongono gli obiettivi e
standard di qualita’, unitamente agli ulteriori adempimenti per
l’anno 2001;
Considerato in particolare che risultano essere stati rispettati
tutti gli standard di qualita’ relativi alla velocita’ commerciale,
puntualita’ e regolarita’ del servizio, eta’ del materiale
rotabile, quantita’ dei punti vendita automatizzati, requisiti
delle imprese di pulizia, numero treni attrezzati per portatori di
handicap, diffusione degli impianti di climatizzazione e dei
servizi di ristoro e informativi a bordo, copertura territoriale
dei servizi di biglietteria telefonica, personale con conoscenza
delle lingue, previsti dal citato decreto ministeriale n. 88/T;
Considerato altresi’ che risultano essere stati ottemperati gli
ulteriori adempimenti previsti dal citato decreto ministeriale n.
88/T, con particolare riguardo al mantenimento dei requisiti di
sicurezza ai piu’ alti livelli europei, alla disaggregazione degli
indicatori di riferimento, all’effettuazione di sondaggi di
opinione su campioni adeguatamente rappresentativi dell’utenza,
nonche’ all’adozione di una carta dei servizi recante indicatori di
qualita’ generali ed indicatori di qualita’ specifici garantiti
anche mediante l’individuazione dei casi e delle procedure di
rimborso a favore degli utenti, avendo F.S. S.p.a. adottato la
Carta dei servizi per l’anno 2000 (prevedente anche rimborsi
relativi alla puntualita’ di Eurostar e Intercity) ed assunto
l’impegno alla sua implementazione con ulteriori indicatori
specifici garantiti da rimborso entro il 28 febbraio 2001;
Visto il documento di programmazione economica e finanziaria
predisposto e approvato dal Governo per l’esercizio finanziario
2001, recante il valore pari all’1,7% per il tasso programmato di
inflazione;
Considerato che, ai fini del miglioramento della qualita’ per
l’anno 2001 ai sensi del punto 3 della citata deliberazione CIPE n.
173/99, appare necessario prevedere per l’anno 2001, in conformita’
alle indicazioni contenute nella nota del Servizio di vigilanza
sulle ferrovie in data 6 dicembre 2000 ed al parere del N.A.R.S. in
data 23 novembre 2000, ulteriori indicatori di puntualita’ e
regolarita’, con riferimento alle diverse tipologie di servizio ed
alle diverse aree geografiche, di pulizia, anche mediante
l’individuazione del numero minimo di treni provvisti di apposito
personale a bordo, e di comfort, anche con riferimento al
funzionamento degli impianti igienici di climatizzazione;
Considerato che, ai medesimi fini, appare necessario prevedere
ulteriori adempimenti, relativi anche alle coincidenze, alla
raccolta ed elaborazione sistematica dei reclami degli utenti, alla
effettuazione di sondaggi circa il grado di soddisfazione degli
utenti nonche’ all’aggiornamento annuale, alla pubblicizzazione
presso gli utenti ed ai contenuti minimi della carta dei servizi;
Considerato che, anche a seguito dell’introduzione degli ulteriori
parametri, appare necessario disciplinare la valutazione
dell’eventuale mancato raggiungimento dei singoli obiettivi di
qualita’ prefissati ai fini delle conseguenti determinazioni circa
le variazioni tariffarie ai sensi del punto 3.2 della citata
deliberazione CIPE n. 173/99;
Decreta:
Art. 1.
Aumenti tariffari per l’anno 2001
1. Dal 1° gennaio 2001 la societa’ Trenitalia S.p.a. e’ autorizzata
a praticare aumenti tariffari per i servizi di trasporto passeggeri
sulla media e lunga percorrenza, con le modalita’ e secondo le
procedure di cui alla deliberazione CIPE n. 173/99. Tenuto conto
del tassoprogrammato di inflazione per l’anno 2001 di cui in
premessa, la media ponderata delle variazioni dei prezzi delle
relazioni incluse nel paniere di cui alla citata delibera non
potra’ superare, nell’anno 2001, la soglia del 5,2%, rispetto alle
tariffe vigenti al 31 dicembre 2000.
Art. 2.
Standard di qualita’ per l’anno 2001
1. I fattori di qualita’, gli indicatori di qualita’, gli standard
minimi di qualita’ dei servizi ferroviari passeggeri sulla media e
lunga percorrenza erogati dalla societa’ Trenitalia per il periodo
1o ottobre 2000 – 30 settembre 2001, unitamente alle relative
unita’ di misura, sono indicati nell’allegato 1. Nello stesso
allegato sono altresi’ indicati i fattori di ponderazione di cui
all’art. 6.
Art. 3.
Adempimenti relativi alla Carta dei servizi
1. F.S. S.p.a e Trenitalia S.p.a. curano l’aggiornamento annuale
della Carta dei servizi, inserendo ulteriori indicatori specifici
garantiti da rimborso nei confronti degli utenti, contestualmente
all’implementazione di metodologie di misurazione dei valori degli
indicatori stessi.
2. In particolare F.S. S.p.a. e Trenitalia S.p.a. adottano entro il
28 febbraio 2001 la Carta dei servizi per l’anno 2001, che tiene
conto degli standard qualitativi raggiunti nel 2000, nonche’ di
quelli fissati con il presente decreto e che deve comunque
prevedere:
a) la predeterminazione degli indicatori di qualita’ generali,
riferiti a parametri medi, la cui osservanza deve essere garantita
nei confronti dell’autorita’ vigilante;
b) la predeterminazione degli indicatori di qualita’ specifici e
del livello minimo o massimo delle singole prestazioni, il cui
rispetto e’ garantito anche mediante l’individuazione dei casi e
delle procedure di rimborso a favore degli utenti; in particolare
e’ prevista l’estensione, fermi restando gli impegni gia’ contenuti
nella carta dei servizi 2000, delle modalita’ di rimborso (bonus)
per ritardo relativamente a:
1) treni Intercity notte (ICN) ed espressi: per ritardi superiori a
sessanta minuti e con modalita’ analoghe agli Intercity ed Eurocity
giorno;
2) treni Eurostar: per ritardi superiori ai venticinque minuti;
c) l’estensione della rimborsabilita’ del biglietto ai servizi con
percorrenza compresa tra 50 e 100 km;
d) la garanzia del miglioramento della pulizia dei convogli con
interventi durante il viaggio, secondo parametri non inferiori a
quelli individuati nella tabella di cui all’allegato n. 1;
e) l’obbligo di garantire l’ultima coincidenza serale, anche
attraverso servizi sostitutivi, e di assicurare, ove necessario, il
pernottamento;
f) le informazioni utili per la presentazione dei reclami da parte
dell’utenza.
3. F.S. S.p.a. e Trenitalia S.p.a. garantiscono il miglioramento
dell’informazione alla utenza in merito alla carta dei servizi,
provvedendo, entro il 31 gennaio 2001 per la Carta 2000 ed entro il
15 marzo 2001 per la Carta 2001, alla loro diffusione via Internet,
all’ampliamento della diffusione del documento sintetico presso le
stazioni assegnate alla divisione passeggeri e le agenzie di
viaggio abilitate alla emissione dei titoli di viaggio, nonche’
alla realizzazione, anche in lingua inglese, di un opuscolo di
facile ed essenziale consultazione da mettere a disposizione degli
utenti.
Art. 4.
Ulteriori adempimenti
1. I requisiti di sicurezza dei servizi di trasporto sulla media e
lunga percorrenza devono essere, in ogni caso, mantenuti ai piu’
alti livelli europei e costituiscono oggetto della valutazione
sull’attivita’ svolta dalla F.S. S.p.a. e dalla Trenitalia S.p.a.
2. Trenitalia S.p.a. rende consultabili per via telematica tramite
Internet le condizioni di trasporto.
3. F.S. S.p.a e Trenitalia S.p.a. provvedono a monitorare, a
partire dal 1o gennaio 2001, il ritardo all’arrivo dei treni
Eurostar entro dieci minuti primi, al fine della definizione di un
apposito indicatore per l’anno 2002. Devono, inoltre:
a) monitorare la puntualita’ dei servizi di trasporto passeggeri
effettuati nell’ambito delle direttrici e delle aree geografiche
definite nell’allegato n. 1, al fine di definire specifici
indicatori di puntualita’ per l’anno 2002 per ridurre la
disomogeneita’ territoriale della qualita’ dei servizi;
b) adottare adeguate strategie commerciali dirette al miglioramento
del servizio fornito ai passeggeri in transito fra piu’ relazioni
ferroviarie;
c) monitorare l’andamento a livello nazionale del rispetto delle
coincidenze individuate nell’ambito delle iniziative di cui al
punto b) nei principali nodi di interscambio della rete.
4. A decorrere dall’esercizio 2001, Trenitalia S.p.a. provvede
affinche’ venga avviato un apposito processo di registrazione ed
elaborazione sistematica dei reclami presentati dall’utenza,
secondo modalita’ riportate nella Carta dei servizi, finalizzato
alla rilevazione di informazioni utili per il miglioramento
continuo del servizio.
5. Trenitalia S.p.a. attiva, secondo procedure da comunicare a
questo Ministero con preavviso di almeno trenta giorni, sondaggi di
opinione su campioni adeguatamente rappresentativi dell’utenza,
mirati alla rilevazione della qualita’ percepita e della qualita’
attesa dall’utenza per i servizi di trasporto oggetto del presente
decreto. I risultati di tali sondaggi, che devonoessere pubblicati
sul sito Internet della societa’, saranno utilizzati per
individuare le criticita’ maggiori del servizio anche al fine di
permettere l’elaborazione di specifici indicatori di qualita’
erogata diretti a superare tali criticita’.
6. Trenitalia S.p.a. attiva, nel corso del 2001, iniziative mirate
al miglioramento dei processi di assegnazione dei posti e di
controllo del possesso dei titoli di viaggio a bordo treno.
Art. 5.
Monitoraggio
1. F.S. S.p.a. e Trenitalia S.p.a. forniscono, ai fini del
monitoraggio della qualita’ dei servizi erogati e per la verifica
del raggiungimento degli obbiettivi prefissati, i dati nei tempi e
nei modi indicati dal Servizio vigilanza sulle ferrovie, agevolando
l’acquisizione diretta ed, ove possibile, immediata, da parte del
suddetto Servizio, di dati anche disaggregati, relativi alla
produzione del servizio, alle modalita’ del relativo esercizio, al
funzionamento degli impianti preposti all’interazione attiva e
passiva con l’utenza ed al processo di indagine sulla soddisfazione
dell’utenza.
Art. 6.
Verifica annuale
1. Gli aumenti tariffari relativi ai servizi di media e lunga
percorrenza, a decorrere dal 1o gennaio 2002, sono condizionati
alla verifica del rispetto degli standard di qualita’ di cui
all’art. 2, all’accertamento del grado di conseguimento degli
obiettivi di riduzione dei costi di esercizio di tali servizi
stabiliti nel piano d’impresa 1999-2003, nonche’ alla verifica
dell’esatto adempimento delle prescrizioni contenute negli articoli
3 e 4.
2. Nel rispetto delle prescrizioni riportate nel punto 3.2 della
deliberazione CIPE n. 173/99 e fermo restando l’obbligo, da parte
di F.S. S.p.a. e di Trenitalia S.p.a. di ottemperare agli
adempimenti contenuti negli articoli 3 e 4, nel caso in cui le
verifiche effettuate evidenzino che sono stati raggiunti solo
alcuni degli standard di qualita’ indicati nella tabella di cui
all’allegato n. 1, il differenziale rispetto al tasso programmato
di inflazione della variazione delle tariffe per l’esercizio 2002
dovra’ essere ridotto in misura pari al fattore di ponderazione,
riportato nell’ultima colonna della stessa tabella, relativo agli
indicatori i cui obiettivi non sono stati raggiunti.
Roma, 7 dicembre 2000
p. Il Ministro: Angelini
ALLEGATO
Pag. 44
Pag. 45
Pag. 46
Pag. 47

Architetto.info