Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Periodicita' delle verifiche e revisioni delle cisterne fisse (veicoli...

Periodicita' delle verifiche e revisioni delle cisterne fisse (veicoli-cisterna e vagoni-cisterna), cisterne smontabili, veicolibatteria e vagoni-batteria, destinati a contenere gas compressi liquefatti o disciolti.

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive
modificazioni, con il quale e’ stato emanato il nuovo Codice della
strada;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992,
n. 495, e successive modificazioni, con il quale e’ stato emanato
il regolamento di esecuzione del nuovo Codice della strada;

Visto l’art. 229 del citato nuovo Codice della strada, che delega i
Ministri della Repubblica a recepire, secondo le competenze loro
attribuite, le direttive comunitarie afferenti materie disciplinate
dallo stesso Codice;

Vista la legge 12 agosto 1962, n. 1839, e successive modificazioni,
con la quale e’ stato ratificato l’accordo europeo, relativo al
trasporto internazionale di merci pericolose su strada (ADR);

Visto l’art. 30 della legge 24 aprile 1998, n. 128, con la quale,
in attuazione alle disposizioni per l’adempimento di obblighi
derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunita’ europee
(legge comunitaria 1995-1997), e’ stato deciso di applicare al
trasporto nazionale per ferrovie delle merci pericolose le norme
contenute nel regolamento concernente il trasporto internazionale
per ferrovia delle merci pericolose (RID) e abrogare il regolamento
nazionale per il trasporto per ferrovia delle merci pericolose e
nocive (RMP);

Visto il decreto del Ministero dei trasporti e della navigazione 4
settembre 1996, relativo all’attuazione della direttiva 94/55/CE
del Consiglio dell’Unione europea del 21 novembre 1994, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita’ europee n. L 319 del 21
dicembre 1994, concernente il ravvicinamento delle legislazioni
degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose su
strada e successivi adeguamenti e modificazioni;

Visto il decreto legislativo 13 gennaio 1999, n. 41, relativo
all’attuazione della direttiva 96/49/CE del Consiglio dell’Unione
europea del 23 luglio 1996, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
delle Comunita’ europee n. L 235 del 17 settembre 1996, concernente
il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al
trasporto di merci pericolose per ferrovia e della direttiva
96/87/CE della Commissione dell’Unione europea del 13 dicembre
1996, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita’ europee
n. L 335 del 24 dicembre 1996, che adegua al progresso tecnico la
direttiva 96/49/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento
delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di
merci pericolose per ferrovia e successivi adeguamenti e
modificazioni;

Visto il regolamento approvato con decreto ministeriale 22 luglio
1930, e successive serie di norme integrative, concernente i grandi
recipienti destinati al trasporto per ferrovia di gas compressi,
liquefatti o disciolti;

Visto il decreto ministeriale 5 giugno 1971, con il quale si
applicano, ai recipienti di capacita’ superiore a 1.000 litri
montati su veicoli stradali, le prescrizioni contenute nel decreto
ministeriale 22 luglio 1930 e successive serie di norme
integrative;

Riconosciuta l’opportunita’ di ravvicinare le prescrizioni relative
ai periodi di revisione dei recipienti per il trasporto dei gas
compressi, liquefatti o disciolti, contenute nel decreto
ministeriale 22 luglio 1930, a quelle previste dalle norme ADR e
RID;

Sentito il parere della commissione permanente per le prescrizioni
sui recipienti per gas compressi, liquefatti o disciolti,
espressasi favorevolmente nella seduta del 23 settembre 1999;

Decreta:

Art. 1.

Le cisterne fisse (veicoli-cisterna e vagoni-cisterna), le cisterne
smontabili, gli elementi dei veicoli-batteria e vagoni-batteria di
capacita’ superiore a 1.000 litri – come definite al marginale 10
014 dell’ADR ed al marginale 2.3.5 dell’appendice XI del RID –
utilizzati per il trasporto di gas compressi, liquefatti o
disciolti, devono essere sottoposti a revisioni periodiche secondo
le modalita’ fissate, in funzione della natura del gas, dalla
tabella allegata al presente decreto, di cui la stessa forma parte
integrante.

Art. 2.

Alle bombole, ai tubi, ai fusti a pressione e alle incastellature
di bombole, che sono elementi di un veicolo-batteria o di un vagone-
batteria, si applicano le revisioni periodiche previste per gli
elementi singoli.

Art. 3.

I nuovi intervalli di revisione previsti dal presente decreto si
applicano a partire dalla data della prima revisione periodica e
comunque non oltre il 31 dicembre 2000; a tal fine le scadenze
riportate sui modelli MC 452 perdono di validita’.

Art. 4.

1. Le cisterne fisse o smontabili devono essere sottoposte a
revisioni periodiche ad intervalli di tempo non superiori a quelli
indicati nella tabella allegata.

2. I periodi variano a secondo che la revisione sia effettuata per
le cisterne destinate al trasporto stradale (ADR) o a quello
ferroviario (RID), come riportato nelle rispettive colonne della
tabella sopra menzionata.

Art. 5.

Le cisterne fisse o smontabili devono inoltre essere sottoposte ad
una prova di tenuta e di buon funzionamento di tutti gli
equipaggiamenti ad intervalli di tempo non superiori a tre anni per
quelle idonee al trasporto stradale (ADR) o quattro anni per quelle
idonee al trasporto ferroviario (RID), salvo quanto indicato alle
note (4) e (7) della tabella allegata.

Art. 6.

Sono abrogati i decreti del Ministero dei trasporti e della
navigazione 4 luglio 1987 recante la 30a serie di norme integrative
al decreto ministeriale 22 luglio 1930 e 16 ottobre 1998.

Art. 7.

1. Il presente decreto entra in vigore sessanta giorni dopo la
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

2. Il presente decreto verra’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.

Roma, 16 gennaio 2001

p. Il Ministro: Angelini

Allegato
pag. 50
pag. 51
pag. 52
pag. 53
pag. 54
pag. 55

Architetto.info