Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Indirizzi per la formulazione delle direttive generali sull'attività ...

Indirizzi per la formulazione delle direttive generali sull'attività amministrativa

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Visto l’art. 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visti gli articoli 3 e 14 del decreto legislativo 3 febbraio 1993,
n. 29, e successive modificazioni ed integrazioni;
Visti gli articoli 7 e 8 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n.
286;
Ritenuta la necessità di definire indirizzi per rendere omogenee le
direttive generali sull’attività amministrativa, al fine di
favorirne la comunicabilità e la comparabilità;
Emana
l’allegata direttiva:
[Articolo unico]
Indirizzi per la stesura delle direttive generali sull’attività
amministrativa
Con la piena operatività del decreto legislativo 30 luglio 1999, n.
286, ed in particolare dopo l’entrata in funzione del Comitato
tecnico scientifico previsto dall’art. 7 del decreto medesimo,
occorre ora dare attuazione al primo comma dello stesso articolo
nel quale si prevede la costituzione di una banca dati, presso la
Presidenza del Consiglio dei Ministri, “nella quale
affluiscono….. le direttive annuali dei Ministri”.
A tal fine appaiono opportuni un coordinamento ed una
omogeneizzazione delle direttive stesse che ne consentano la
comunicabilità all’esterno e la comparabilità, pur senza comprimere
in alcun modo la piena libertà degli organi di indirizzo politico
di tenere nel dovuto conto le specificità delle singole
amministrazioni.
Pertanto, anche in considerazione dell’importanza che nell’ambito
dell’azione dei Governi succedutisi nel corso della tredicesima
legislatura hanno assunto il trasferimento di funzioni e risorse a
regioni ed enti locali, la ristrutturazione dell’amministrazione
centrale e periferica dello Stato, nonché il completamento della
riforma della dirigenza pubblica, è necessario che le direttive
medesime contengano i seguenti punti:
ridefinizione delle missioni istituzionali delle amministrazioni in
armonia con la ridefinizione legislativa delle funzioni
ministeriali e identificazione degli obiettivi da raggiungere anche
in dimensione poliennale;
determinazione dei processi attraverso i quali si darà corso alla
legislazione in tema di riforma dell’azione amministrativa;
precisazione degli obiettivi 2001 dei centri di responsabilità
amministrativa, identificati come gli uffici dirigenziali di primo
livello;
identificazione dei progetti di particolare rilevanza previsti
dalla legge finanziaria 2001, dalla legislazione più recente o dai
piani di azione approvati a livello governativo mediante
specificazione delle responsabilità e delle scadenze temporali per
la loro attuazione;
definizione del ruolo e delle funzioni dei servizi di controllo
interno all’interno degli uffici di diretta collaborazione.
Al fine di fornire elementi di dettaglio per la redazione delle
direttive il Comitato tecnico scientifico istituito ai sensi
dell’art. 7 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, ha
elaborato il documento “Linee guida per la redazione della
direttiva annuale sull’azione amministrativa” che si allega alla
presente direttiva.
Allegato disponibile in banca dati

Architetto.info