Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Modificazione dell'art. 27, comma 1, della deliberazione dell'Autorita...

Modificazione dell'art. 27, comma 1, della deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 28 dicembre 2000, n.236/2000. (Deliberazione n. 05/01).

L’ AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 24 gennaio 2001, Premesso che:

in data 28 dicembre 2000, l’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas (di seguito: Autorita’) ha adottato la deliberazione n.236/2000
recante norme per la sicurezza e la continuita’ del servizio di
distribuzione del gas, ai sensi dell’art. 2, comma 12, lettere c) e
h), della legge 14 novembre 1995, n. 481, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale, supplemento ordinario n. 2, serie generale n. 4 del 5
gennaio 2001 (di seguito: deliberazione n. 236/2000);

l’Autorita’ ha stabilito all’art. 27, comma 1, della deliberazione
n. 236/2000 che il distributore ha l’obbligo di inviare personale
da esso incaricato in seguito a chiamata per pronto intervento
relativa agli impianti di proprieta’ o gestiti dal cliente finale a
valle del punto di consegna;

l’Autorita’ ha avviato con delibera 3 agosto 2000, n. 148 (di
seguito: delibera n. 148/2000), un procedimento ai fini
dell’adozione dei provvedimenti di cui all’art. 14, comma 8,
all’art. 16, commi 2 e 5, all’art. 23, commi 2 e 4, e all’art. 24,
comma 5, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, di
attuazione della direttiva 98/30/CE recante norme comuni per il
mercato interno del gas naturale (di seguito: decreto legislativo
n. 164/2000), in tema di esercizio dell’attivita’ di distribuzione,
di obblighi delle imprese, di condizioni di accesso e relative
tariffe, ivi inclusa l’emanazione di un regolamento in materia di
accertamento dello stato di sicuro funzionamento degli impianti di
utenza, e che nell’ambito di tale procedimento e’ prevista la
consultazione dei soggetti interessati;

Visti:

la legge 14 novembre 1995, n. 481, e in particolare l’art. 2, comma
12, lettere c) e h);

il decreto legislativo n. 164/2000;

Viste:

la deliberazione dell’Autorita’ 2 marzo 2000, n. 47/00, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 90 del 17 aprile
2000, e in particolare l’art. 15;

la delibera n. 148/00;

la deliberazione n. 236/2000, e in particolare l’art. 27, comma 1;

Viste le lettere di Federgasacqua, del 4 gennaio 2001 (prot.

Autorita’ n. 157), di GasIt, dell’8 gennaio 2001 (prot. Autorita’
n.255), e della Societa’ italiana per il Gas, del 10 gennaio 2001
(prot. Autorita’ n. 414), con le quali sono stati evidenziati
problemi applicativi, nonche’ possibili danni economici per le
aziende del settore per quanto disposto dall’art. 27, comma 1,
della deliberazione n. 236/2000;

Considerato che:

i distributori di gas hanno responsabilita’ di pronto intervento
anche in seguito a segnalazione di dispersioni di gas sugli
impianti a valle del punto di consegna, e che in generale il
cliente finale in quanto proprietario o gestore degli impianti non
e’ in grado, nella maggior parte dei casi, di valutare e di far
fronte tempestivamente al rischio per l’incolumita’ pubblica dovuto
all’insorgere di dispersioni di gas sui medesimi impianti;

l’obbligo di pronto intervento in seguito a segnalazione di
dispersione di gas implica che il distributore, al fine di tutelare
la pubblica incolumita’, ha la facolta’ di sospendere o negare
l’alimentazione del punto di consegna in caso di pericolo, senza
che cio’ comporti per lo stesso distributore obblighi di verifica
complessiva degli impianti a valle del punto di consegna e di un
loro eventuale ripristino in condizioni di buon funzionamento;

Ritenuto che allo scopo di evitare interpretazioni estensive o
difformi sia opportuno modificare l’art. 27, comma 1, della
deliberazione n. 236/2000, specificando che il distributore ha
l’obbligo di inviare personale da esso incaricato in seguito a
chiamata per pronto intervento relativa alla segnalazione di
dispersione di gas sugli impianti di proprieta’ o gestiti dal
cliente finale a valle del punto di consegna, eventualmente
sospendendo o negando la fornitura del gas fino a quando il cliente
non abbia provveduto ad eliminare la dispersione di gas nei casi in
cui questa abbia origine sui medesimi impianti;

Delibera:

Art. 1.
Pronto intervento per impianti a valle del punto di consegna

Il comma 1 dell’art. 27 della deliberazione dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas 28 dicembre 2000, n. 236/00,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, supplemento ordinario n. 2 –
serie generale – n. 4 del 5 gennaio 2001, e’ sostituito dal
seguente: “Il distributore ha l’obbligo di inviare personale da
esso incaricato in seguito a chiamta per pronto intervento relativa
a segnalazione di dispersione di gas sugli impianti di proprieta’ o
gestiti dal cliente finale a valle del punto di consegna. Al fine
di garantire la pubblica incolumita’ il distributore puo’
sospendere o negare la fornitura di gas fino a quando il cliente
finale non abbia provveduto ad eliminare la dispersione di gas.”.

Art. 2.
Disposizioni finali

La presente deliberazione e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e nel sito Internet dell’Autorita’
(www.autorita.energia.it) ed entra in vigore dalla data di
pubblicazione.

Milano, 24 gennaio 2001

Il presidente: Ranci

Architetto.info