Architetto.info - Architetto.info | Architetto.info

Individuazione dei temi e definizione delle modalità operative per la...

Individuazione dei temi e definizione delle modalità operative per la relazione dei progetti da finanziare sul Fondo integrativo speciale per la ricerca (FISR)

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO
E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168, e successive modificazioni ed
integrazioni;
Vista la legge 3 aprile 1997, n. 94;
Visto il decreto legislativo 7 agosto 1997, n. 279, concernente la
individuazione delle unità previsionali di base del bilancio dello
Stato, emanato in attuazione della delega contenuta nell’art. 5
della citata legge n. 94/1997;
Visto il decreto legislativo 5 giugno 1998, n. 204, ed, in
particolare, l’art. 1, comma 3, del decreto legislativo 5 giugno
1998, n. 204, che istituisce un apposito Fondo integrativo speciale
per la ricerca (FISR) finalizzato al finanziamento di specifici
interventi di particolare rilevanza strategica, indicati nel
Programma nazionale per la ricerca (P.N.R.) e nei suoi
aggiornamenti per il raggiungimento degli obiettivi generali e
l’art. 2, comma 3 che istituisce una segreteria tecnica di supporto
delle attività del Ministro dell’università e della ricerca
scientifica e tecnologica, della commissione per la ricerca presso
il CIPE e delle strutture ad essa collegate;
Visto l’art. 10, comma 1, lettera d) della legge 19 ottobre 1999,
n. 370, nel quale è previsto che per il 1999 si provvede
all’individuazione degli interventi di particolare rilevanza
strategica di cui all’art. 1, comma 3 del decreto legislativo n.
204/1998 mediante decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica su proposta del Ministro
dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica;
Visto il decreto ministeriale prot. 935 Ric del 7 luglio 1998 con
il quale sono stati definiti i criteri per la determinazione dei
compensi da riconoscere agli esperti scientifici chiamati a
svolgere le attività istruttorie e di monitoraggio dei progetti
presentati a valere sui fondi di cui alla legge n. 46/1982 e n.
488/1992;
Vista la legge 23 dicembre 1999, n. 489, concernente l’approvazione
del bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2000 e bilancio
pluriennale per il triennio 2000-2002;
Visto il decreto del Ministero del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica del 28 dicembre 1999, concernente la
ripartizione in capitoli delle unità previsionali di base relative
al bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2000;
Visto, altresì, che le risorse del FISR per l’anno 1999 risultano
iscritte nello stato di previsione del Ministero del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica UPB 3.2.1.47 ricerca
scientifica cap. 7841 “Fondo integrativo speciale per la ricerca”
per la somma di lire 50 miliardi;
Considerata, pertanto, la necessità di individuare, per l’anno
1999, gli interventi di particolare rilevanza strategica a valere
sulle risorse del FISR nonché di determinare le modalità operative
di intervento;
Considerato che il Ministro dell’università e della ricerca
scientifica e tecnologica con nota prot. n. 118 del 3 marzo 2000 ha
individuato le priorità scientifiche di intervento a valere sul
FISR sulla base delle indicazioni formulate dal gruppo di esperti
di alta qualificazione e riconosciuta esperienza, nominato con
decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e
tecnologica n. 373-Ric del 30 luglio 1999;
Considerato che le priorità scientifiche di intervento sono state
definite, in coerenza con le linee di indirizzo del Programma
nazionale della ricerca (P.N.R.), approvate dal CIPE nella riunione
del 25 maggio 2000;
Considerato che la predetta proposta del Ministro dell’università e
della ricerca scientifica e tecnologica attiene a temi di ricerca
che, presentando profili di strategicità in relazione allo sviluppo
della ricerca scientifica e tecnologica del Paese, risultano
coerenti rispetto alle finalità dell’intervento ed alle linee
programmatiche del “V Programma quadro della Comunità europea per
le azioni comunitarie di ricerca, di sviluppo tecnologico e di
dimostrazione” e ad altre iniziative dell’Unione europea e con i
contenuti del Programma operativo nazionale per le regioni
dell’obiettivo 1 “Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico, alta
formazione” per il periodo 2000-2006;
Considerato, altresì, che tali iniziative hanno carattere di
complementarietà e possono realizzare sinergie con altri strumenti
finanziari di coordinamento quali quello di cui al Fondo speciale
di sviluppo della ricerca scientifica di interesse strategico di
cui all’art. 51, comma 9 della legge 27 dicembre 1997, n. 449;
Considerato che per la definizione delle procedure per la selezione
dei progetti è stato costituito un apposito gruppo di lavoro
composto di rappresentanti del Ministero del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica e del Ministero dell’università e
della ricerca scientifica e tecnologica che ha formulato una
proposta volta a stabilire la modalità operative dell’intervento;
Ritenuto di dover definire il quadro dei temi di ricerca di
interesse strategico da finanziare con i fondi relativi all’anno
1999, per un importo complessivo di L. 50.000.000.000 indicando a
fianco di ciascuno di essi la quota di contributo prevista, nonché
di dover definire le relative modalità operative di intervento;
Decreta:
Art. 1.
Gli interventi scientifici di particolare rilevanza strategica
relativi al Fondo integrativo speciale per la ricerca (FISR), con
riferimento alle risorse finanziarie per l’esercizio 1999,
riguardano i seguenti temi, accanto ad ognuno dei quali è indicata
la quota di contributo da destinare correlata alle disponibilità
complessive indicate in premessa, pari a L. 50.000.000.000,
comprensive delle spese di istruttoria, verifica e valutazione ex
ante, in itinere ed ex post dei progetti:
1. Celle a combustibile, contributo previsto lire 14 miliardi.
2. Nanotecnologie e microsistemi, contributo previsto lire 18
miliardi.
3. Neurobiotecnologie, contributo previsto lire 7 miliardi.
4. Sensori ottici ed elettroottici, contributo previsto lire 3,5
miliardi.
5. Modellistica molecolare, contributo previsto lire 3,5 miliardi.
6. Studio dell’impatto del trasferimento tecnologico e politiche
locali, contributo previsto lire 2 miliardi.
7. Individuazione delle più adeguate metodologie per l’analisi
delle politiche pubbliche di rilievo strategico e di rilevanza
innovativa, contributo previsto lire 1,3 miliardi.
8. Ricerche culturali antropologiche, economiche, politiche delle
popolazioni mediterranee ai fini della individuazione di una comune
identità, contributo previsto lire 0,7 miliardi.
L’1% delle disponibilità complessive indicate è destinato alla
copertura delle spese di istruttoria, verifica e valutazione (ex
ante, in itinere ed ex post) dei progetti da definirsi con
successivo decreto del Ministero del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica, di concerto con il Ministero
dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica.
Art. 2.
Le modalità operative di intervento del Fondo integrativo speciale
per la ricerca (FISR), per l’anno 1999, sono così definite:
1. Con riferimento ai temi suindicati possono presentare progetti
enti pubblici di ricerca, università, enti di ricerca privati in
collaborazione fra loro e/o con imprese.
Le domande dovranno essere trasmesse dal legale rappresentante con
raccomandata con avviso di ricevimento entro quarantacinque giorni
dalla pubblicazione del presente decreto(1). Le suddette domande
dovranno contenere tutti gli elementi indicati nei successivi commi
e dovranno essere corredate anche di supporto informatico
contenente i medesimi elementi.
2. I soggetti proponenti predispongono i progetti sulla base dei
seguenti criteri:
a) coerenza degli obiettivi e delle linee di attività con i temi
individuati all’art. 1;
b) adeguatezza scientifica, culturale e tecnica delle strutture e/o
dei soggetti partecipanti;
c) coerenza della partecipazione di ciascun soggetto rispetto agli
obiettivi di ricerca e alle linee di attività ed alle risorse umane
e strumentali disponibili per la realizzazione del progetto;
d) durata del progetto non superiore a 24 mesi;
e) coinvolgimento e/o integrazione fra le distinte reti di ricerca
(università, enti di ricerca e imprese).
3. I progetti devono contenere, a pena di inammissibilità, i
seguenti elementi:
a) oggetto e descrizione delle attività proposte;
b) soggetto responsabile della realizzazione del progetto e
soggetti partecipanti;
c) obiettivi specifici di ricerca intermedi e finali da conseguire
e risultati attesi;
d) tempi e modalità di attuazione;
e) costo totale previsto per la realizzazione del progetto,
comprensivo delle spese di personale, di strumentazione e di
materiali ed attrezzature;
f) risorse finanziarie, umane e strumentali destinate alla
realizzazione del progetto;
g) prospettive di contesto e di ricaduta tecnico-scientifica socio-
economica in relazione ai risultati attesi;
h) scheda sintetica in ordine agli elementi significativi della
proposta. Nei progetti potranno essere indicati inoltre il
collegamento con altri programmi di ricerca nazionali e/o
dell’Unione europea e/o internazionali e le ulteriori risorse
finanziarie disponibili.
4. Il finanziamento, a carico del FISR, non potrà eccedere il 50%
dei costi ammessi e, comunque, dovrà rispettare i criteri ed i
limiti stabiliti dalla normativa comunitaria sugli aiuti di Stato.
5. L’istruttoria delle proposte per l’approvazione dei progetti è
curata da una Commissione costituita da rappresentanti del
Ministero dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica
e del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione
economica da istituirs…

[Continua nel file zip allegato]

Architetto.info